Le donne lesbiche e bisessuali al maggior rischio di essere di peso eccessivo, studio trova

Le donne lesbiche e bisessuali sono al rischio aumentato di essere di peso eccessivo o di obeso confrontato alle donne eterosessuali, secondo la nuova ricerca dall'università di East Anglia e di UCL.

Gli omosessuali tuttavia sono meno probabili essere di peso eccessivo che le loro controparti diritte e più a rischio di essere di peso scarso.

Lo studio, pubblicato oggi nel giornale della salute pubblica, è il primo per studiare la relazione fra l'orientamento sessuale e l'indice di massa corporea (BMI) facendo uso dei dati della popolazione nel Regno Unito.

I risultati supportano l'argomento che l'identità sessuale dovrebbe essere considerata come determinante del sociale di salubrità.

Il gruppo di ricerca ha riunito i dati da 12 indagini nazionali BRITANNICHE di salubrità che fanno partecipare 93.429 partecipanti ed ha studiato la relazione fra l'orientamento sessuale e BMI.

Piombo il Dott. Joanna Semlyen del ricercatore, dalla facoltà di medicina di Norwich di UEA, avuto detto: “Abbiamo trovato che donne che identificano mentre la lesbica o il bisessuale è ad un rischio aumentato di essere di peso eccessivo o obeso, confrontato alle donne eterosessuali. Ciò sta preoccupandosi perché essendo di peso eccessivo ed obesi sono i fattori di rischio conosciuti per una serie di termini compreso la coronaropatia, il colpo, il cancro e la morte prematura.

“Gli per contro, uomini gay e bisessuali sono più probabili degli uomini eterosessuali essere di peso scarso e sta coltivando la prova che essere di peso scarso è collegato ad un intervallo dei problemi sanitari anche, compreso le morti in eccesso.

“Egualmente abbiamo trovato che gli omosessuali sono significativamente meno probabili che gli uomini diritti essere di peso eccessivo o obesi.

“Questo studio dimostra che c'è una relazione fra l'identità sessuale e BMI e che questo collegamento sembra essere differente per gli uomini e le donne.

“Ci sono una serie di spiegazioni possibili per questi risultati. Sappiamo che i gruppi minoritari sessuali sono più probabili essere esposti ai fattori di sforzo psicosociali, che impatti sulla loro salute mentale ed i loro comportamenti di salubrità quali il fumo e l'uso dell'alcool e che possono influenzare i loro comportamenti di salubrità quali la dieta o l'attività fisica.

“Questi fattori di sforzo comprendono l'omofobia ed il heterosexism, esperienze negative che sono sperimentate dalla lesbica, dal bisessuale e dalla popolazione gay come conseguenza della loro identità di orientamento sessuale e sono conosciute per essere collegate a salubrità.

“Fino al 2008, l'orientamento sessuale non è stato registrato nelle indagini di salubrità. Ciò significa che fino ad oggi non è stato possibile determinare le diseguaglianze di salubrità che pregiudicano la gente della lesbica, del gay e del bisessuale.

“La raccolta dei dati continuata sull'identità di orientamento sessuale all'interno delle indagini nazionali di salubrità permette che noi misuriamo la salubrità delle minoranze sessuali.

“Speriamo che i responsabili politici ed i clinici possano usare questa nuova prova di fornire la migliore sanità e consiglio ed interventi adattati per la gente della lesbica, del gay e del bisessuale. Abbiamo bisogno della ricerca longitudinale di capire i fattori che sono alla base della relazione fra l'orientamento sessuale e BMI e della ricerca per capire più circa essere di peso scarso, particolarmente in questa popolazione.„