Il nuovo studio analizza il impulsivity nei pazienti di Parkinson curati con stimolo profondo del cervello

Promesse di alimento, delle somme di denaro o dei passatempi divertenti: non importa che cosa la tentazione è, un nuovo studio indica che pazienti che soffrono dalla malattia del Parkinson che sono curati con stimolo profondo del cervello del nucleo subthalamic non sia più impulsivo di altri quando prendono le decisioni circa uno stimolo che trovano specialmente l'appello. “Lo stimolo profondo del cervello„ (DBS) è un'efficace tecnica chirurgica ampiamente usata trattare i sintomi della malattia del Parkinson. Tuttavia, la stessa tecnica può esporre i pazienti ai cambiamenti nel comportamento e nei processi decisionali, per esempio verso alimento. Questa alterazione ha potuto farle adottare i comportamenti di rischio. Ma, gli studi, intrapresi da un gruppo piombo da Marilena Aiello e da Raffaella Rumiati, Direttore di Laboratorio Neuroscienze la e Società di SISSA, in collaborazione con “il Ospedali Riuniti„ di Trieste e “del della Misericordia di Azienda Ospedaliera Universitaria„ Santa Maria di Udine e pubblicato sul giornale della neurologia, ha trovato che queste alterazioni non sembrano pregiudicare tutti i moduli della decisione. Per stabilire questo, gli scienziati hanno inventato ed eseguito un esperimento, che ha collocato i pazienti davanti ad una scelta cruciale: abbia immediatamente un piccolo premio o più grand', più successivamente. I risultati che sono emerso dalla ricerca aggiungono un elemento importante a capire la malattia ed i vantaggi ed i problemi della tecnica di DBS, aprendo clinico interessante e ricercano le prospettive.

Tre gruppi, tre ricompense, nessuna differenza

“I problemi psichiatrici quali le ossessioni o i comportamenti compulsivi, come la tendenza a presupporre i rischi ingiustificati nel gioco, per non potere resistere alla tentazione di alimento e di maggior impulsivity, a volte sono osservati in pazienti con la malattia del Parkinson trattata con DBS, una tecnica che comprende impiantare gli elettrodi nel nucleo subthalamic del cervello. È un trattamento consolidato che permette i pazienti che sono curati per diminuire le dosi delle droghe che catturano, ma questa può avere effetti collaterali indesiderabili sul conoscitivo e la sfera emozionale e su comportamento„ spiega lo scienziato Marinella Aiello. Per studiare il impulsivity decisionale in questi pazienti, in grado di essere che cosa si trova dietro le loro scelte di rischio, il gruppo di ricerca ha usato che cosa tecnicamente è chiamato “mora che sconta„: “Abbiamo messo tre gruppi di persone - in primo luogo composto di vittime di Parkinson con DBS, uno con le vittime di Parkinson senza DBS, un terzo composto di gente in buona salute - davanti ad una scelta„ spieghiamo gli scienziati. “In un esercizio del computer potrebbero decidere immediatamente se avere una piccola ricompensa, sotto forma di alimento, di moneta o di facilitazioni particolarmente supplichevole per le attività che considerano piacevole. O la stessa ricompensa, ma in più grande quantità successivamente. In queste mansioni, la scelta dipende solitamente dal tempo che passa fra un'opzione e l'altra: se è molto breve, la soddisfazione in ritardo è scelta e vice versa. Il principio dietro questo esperimento è il seguente: più il tratto impulsivo è presente, il più la prima scelta sarà preferito sempre sopra la seconda. Abbiamo misurato la loro prestazione in questo compito„. Nessuna differenza è emerso fra i tre gruppi: “Il nostro studio conferma che i pazienti con DBS sono non di più impulsivi in questo genere di situazione e non provano a trovare più frettolosamente le soddisfazioni degli altri. Inoltre, per la prima volta, abbiamo dimostrato che questo nemmeno dipende dal tipo di ricompensa offerto loro„.

I risultati sui pazienti con i disordini alimentari e l'aumento di peso

Ci sono più: “È stato indicato che le lesioni a o gli stimoli del nucleo subthalamic aumentano la motivazione per compiacersi con alimento. Ma, nel nostro studio, il processo decisionale impulsivo è rimanere identicamente, anche nella gente che, dopo l'ambulatorio, aveva guadagnato il peso o ha avuto cibo dei problemi rispetto a coloro che non ne ha avuto di questi effetti indesiderabili. E questo è scientifico parlare molto interessante„. Invece, spiega Aiello, “un aumento in impulsivity è osservato in pazienti con meno anni dalla chirurgia di DBS, con le dosi elevate del levodopa - sostanza usata per trattare i sintomi della malattia del Parkinson - con la prestazione di più alta memoria. Rivelando le relazioni interessanti fra i trattamenti terapeutici ed i comportamenti specifici dei pazienti, i nostri risultati contribuiscono a fare luce sui risultati clinici di così trattamento importante come DBS per la malattia del Parkinson„.

Sorgente: https://www.sissa.it/news/reward-now-or-later-exploring-impulsivity-parkinson%E2%80%99s-disease-patients