Impianti di tabacco usati come “bioreattori verdi„ per produrre proteina antinfiammatoria

I ricercatori all'università ed all'istituto di ricerca occidentali di salubrità di Lawson stanno usando gli impianti di tabacco come “bioreattori verdi„ per produrre una proteina antinfiammatoria con potenziale terapeutico potente.

Gli impianti stanno usandi per produrre un gran quantità una proteina umana chiamata Interleukin 37, o IL-37. La proteina è prodotta naturalmente nel rene umano in quantità molto piccola ed ha beni antinfiammatori e disoppressioni potenti, fornenti il potenziale per il trattamento degli una serie di disordini infiammatori ed autoimmuni come il diabete di tipo 2, il colpo, la demenza e l'artrite.

“Questa proteina è un regolatore matrice di infiammazione nell'organismo ed è stata indicata nei modelli preclinici per essere efficace nel trattamento della miriade intera di malattie,„ ha detto il Dott. Tony Jevnikar, professore alla scuola di medicina occidentale & l'odontoiatria di Schulich e scienziato a Lawson. “Il rene umano produce IL-37, ma abbastanza non quasi ottenerci da una lesione di infiammazione.„

E mentre mostra la promessa nei modelli animali, l'uso di IL-37 è stato limitato clinicamente a causa dell'incapacità di produrrla in grande quantità ad un prezzo che è clinicamente fattibile. Corrente, può essere fatto molto nelle piccole quantità facendo uso dei batteri Escherichia coli, ma ad un costo molto alto.

Quello è dove gli impianti di tabacco entrano.

Questo lavoro è il primo del suo genere per dimostrare che questa proteina umana funzionale può essere prodotta in cellule vegetali. “Gli impianti offrono il potenziale di produrre i prodotti farmaceutici in un modo che è molto più accessibile dei metodi correnti,„ hanno detto Shengwu mA, PhD, professore dell'aggiunta nel dipartimento di biologia ad occidentale e scienziato a Lawson. “Il tabacco è alto rendimento e possiamo temporaneamente trasformare l'impianto in moda da poterci cominciare noi a fare la proteina dell'interesse in due settimane.„

I ricercatori hanno indicato in uno studio recente pubblicato nei rapporti della cellula vegetale del giornale, quello la proteina può essere estratto e quantificato dalle cellule vegetali in un modo che mantiene la sua funzione. Ora che hanno indicato che possono produrre la proteina in tabacco, può essere tradotto ad altri impianti, come le patate.

Il Dott. Jevnikar sta studiando l'effetto che IL-37 ha per evitare la lesione dell'organo durante il trapianto. Quando un organo è eliminato per trapianto e poi è trasferito ad un destinatario, l'infiammazione accade quando il flusso sanguigno è ripristinato all'organo. Lui ed il suo gruppo credono che IL-37 fornisca un modo evitare quella lesione.

“Spero che questo lavoro urti un cambiamento in come la gente osserva gli impianti ed eventualmente questo approccio sarà un modo fornire i trattamenti ai pazienti che sono efficaci ed accessibili,„ il Dott. Jevnikar ha detto.