farmaci di Anti-rifiuto per i trapianti del rene collegati al rischio di cancro aumentato dell'interfaccia

Uno studio piombo dai ricercatori a RCSI (istituto universitario reale dei chirurghi in Irlanda) ha analizzato il reticolo delle tariffe del cancro di interfaccia nei pazienti di trapianto del rene, che suggerisce il rischio aumentato è collegato con i farmaci di anti-rifiuto.

La ricerca è pubblicata in dermatologia di JAMA ed era una collaborazione fra la registrazione nazionale Irlanda del Cancro ed il servizio nazionale del trapianto del rene nell'ospedale di Beaumont.

I pazienti che ricevono un trapianto del rene sono al rischio aumentato di cancro, in particolare cancro di interfaccia. Lo studio ha trovato che questo rischio di cancro dell'interfaccia cade quando il trapianto viene a mancare ed i pazienti ritornano ancora a dialisi ma agli aumenti quando ricevono un altro trapianto. Tuttavia, la tariffa del cancro di interfaccia è ancora più alta in pazienti con i trapianti guastati che i pazienti del pre-trapianto su dialisi.

dovuto questo reticolo delle tariffe del cancro di interfaccia, i dati suggerisce che il rischio di cancro sia collegato con la fermata e cominciare dei farmaci di anti-rifiuto.

“In destinatari dei trapianti multipli del rene, l'incidenza del cancro di interfaccia di nonmelanoma è caduto durante i periodi definiti tramite l'errore di trapianto, ma c'era ancora un rischio elevato. L'incidenza del camice del cancro evidenzia l'esigenza di sorveglianza continuata del cancro durante l'errore dell'innesto,„ ha detto il Dott. Donal Sexton, dipartimento dell'autore principale dello studio della nefrologia e del trapianto di rene, l'ospedale di Beaumont, RCSI.

Lo studio ha analizzato le tariffe di cancro in 3.821 diverso destinatario deceduto e vivente del trapianto del rene. Dei pazienti analizzati, 3.215 destinatari hanno avuti un trapianto, 522 destinatari un il secondo; e 84 destinatari hanno avuti tre trapianti del rene.

Durante il primo trapianto del rene del paziente, la tariffa del cancro di interfaccia è aumentato 15 volte più superiore a prima della procedura. Che la tariffa del cancro di interfaccia è caduto dalla metà quando il trapianto è venuto a mancare ed il paziente ha ritornato a dialisi; tuttavia, la tariffa era ancora sette volte più superiore alla tariffa del paziente del pre-trapianto. Quando hanno ricevuto un secondo trapianto, la tariffa del cancro di interfaccia è aumentato ancora 12,8 volte a più della tariffa del pre-trapianto.

“Il nostro studio ha fornito un'analisi completa del rischio di cancro sopra i trapianti multipli del rene nelle stesse persone. Tuttavia, la natura retrospettiva dell'analisi lo rende difficile catturare l'effetto del ritardo fra l'esposizione, lo sviluppo del cancro, la presentazione e la diagnosi e che può variare entro il periodo del trattamento,„ ha detto il professor Peter Conlon, professore associato di medicina a RCSI.

RCSI è allineato fra i 250 principali (principale 2%) delle università universalmente nei posti dell'università del mondo di Times Higher Education (2019) e la sua ricerca è allineata in primo luogo in Irlanda per le citazioni. È un'istituzione senza scopo di lucro internazionale di scienze di salubrità, con le sue sedi a Dublino, messo a fuoco su formazione e sulla ricerca per determinare i miglioramenti nelle sanità universalmente. RCSI ha ricevuto l'accreditamento del bronzo del cigno di Atena per pratica positiva di genere nell'istruzione superiore.

Sorgente: https://www.rcsi.com/dublin/news-and-events/news/news-article/2019/02/rcsi-research-suggests-that-anti-rejection-medications-for-multiple-kidney-transplants