I ricercatori scoprono il nuovo meccanismo della crescita dell'osso

In un documento ha pubblicato nella natura del giornale, un gruppo di ricerca internazionale piombo dai ricercatori a Karolinska Institutet nel rapporto della Svezia che la crescita dell'osso in mouse ha luogo conformemente agli stessi principi di quando le nuove celle sono prodotte costantemente nel sangue, in interfaccia e nell'altro tessuto. Ciò contraddice la comprensione precedente che la crescita dell'osso dipende da un numero limitato delle celle gradualmente consumate del progenitore. Se i nuovi risultati egualmente si applicano agli esseri umani, potrebbero dare un contributo importante al trattamento dei bambini con i disordini di crescita.

La crescita delle ossa dei bambini dipende dalle lastre grosse della crescita (physes) situate vicino all'estremità di tutte le ossa lunghe nell'organismo. Queste lastre grosse consistono delle celle della cartilagine, chondrocytes, che formano un genere di impalcatura che supporta la formazione di nuovo tessuto dell'osso e che stesse sono generati dalla cellula staminale come le celle del progenitore chiamate chondroprogenitors.

Affinchè le ossa lunghe si sviluppino correttamente, i chondrocytes devono essere generati costantemente durante il periodo della crescita. La visualizzazione generale nel campo è stata che c'è un numero limitato delle celle del progenitore che sono formate durante lo sviluppo embrionale ed allora consumato per la crescita dell'osso fino agli loro esaurisca e smettiamo di crescere. Nel tentativo d'accertare di indipendentemente da fatto che questo è vero, i ricercatori a Karolinska Institutet hanno deciso di studiare la formazione di chondrocytes in mouse.

“Che cosa abbiamo trovato era che i piccoli “cloni„ delle celle sono stati generati dalle stesse celle del progenitore durante lo sviluppo embrionale, che è in conformità con la visualizzazione corrente,„ dice la guida Andrei Chagin, docente del gruppo di ricerca al dipartimento della fisiologia e della farmacologia, Karolinska Institutet. “Ma dopo che la nascita là era cambi spettacolari nella dinamica delle cellule e grande, i cloni stabili sono stati formati che sono risultato essere una conseguenza di come i chondroprogenitors avevano acquistato la capacità di rigenerare.„

Tale comportamento delle cellule del progenitore è tipico per il tessuto che produce costantemente molte nuove celle, quali interfaccia, sangue e l'intestino. Per tali tipi del tessuto, è stato indicato che le celle del progenitore sono situate in un micro-ambiente molto specifico, un posto adatto della cellula staminale, che le guide per generare le celle necessarie (per esempio interfaccia e globuli) ma egualmente permette alle celle del progenitore di rinnovarsi. Se il posto adatto è interrotto o disfunzionale, le celle del progenitore sono vuotate ed il tessuto è danneggiato.

I ricercatori ora hanno indicato che c'è un posto adatto della cellula staminale in lastre grosse della crescita anche, almeno in mouse e che la crescita dell'osso cessa se questo micro-ambiente locale è interrotto, implicante che la crescita dell'osso seguisse un principio completamente differente a che cosa è stato pensato una volta.

“Se risulta che gli esseri umani egualmente hanno questo meccanismo della crescita, potrebbe piombo ad una rivalutazione significativa di numerosi approcci terapeutici usati per i bambini con i disordini di crescita,„ dice il Dott. Chagin. “Il meccanismo ha potuto anche spiegare alcuni fenomeni precedentemente d'imbarazzo, quale la crescita illimitata veduta in pazienti con determinate mutazioni genetiche.„