Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori rivelano il biomarcatore di promessa per la ricaduta di malattia vascolare

I ricercatori all'università di Okayama riferiscono in artrite & reumatologia del giornale che riflettere un antigene particolare può essere usato per la predizione della ricaduta della malattia vascolare AAV.

Gli anticorpi sono molecole prodotte da un sistema immunitario dell'essere umano per neutralizzare i batteri ed i virus. Quando una molecola patogena batterica o virale (un cosiddetto antigene) è individuata, un anticorpo la neutralizza legando a. Tuttavia, gli autoanticorpo a volte sono prodotti contro la nostra propria proteina e causano le malattie autoimmuni.  Per gli autoanticorpo conosciuti come la vasculite ANCA-associata di causa di ANCA (anticorpo citoplasmico del antineutrophil) (AAV), almeno due antigeni esistono: proteinasi 3 e myeloperoxidase (abbreviato come PR3 e MPO, rispettivamente).

Caratteristiche dei pazienti addetti allo studio di biomarcatore di MPO-ANCA.

L'assistente universitario Haruki Watanabe ed il professore associato Sada KEN-E-I dall'università di Okayama e colleghi ora hanno studiato se MPO-ANCA può essere usato come biomarcatore per la ricaduta di AAV, una malattia di infiammazione dell'sangue-imbarcazione. I risultati dei ricercatori' suggeriscono che riflettere MPO-ANCA sia utile per la predizione della ricaduta in pazienti con AAV.

Gli scienziati hanno esaminato i dati per 271 paziente MPO-ANCA-positivo cui aveva raggiunto la remissione (scomparsa dei segni e dei sintomi) di AAV durante 6 mesi dopo che la terapia è stata iniziata. I livelli di MPO-ANCA sono stati misurati a parecchie volte in un periodo di due anni.  L'assistente universitario Haruki Watanabe ed il professore associato Sada KEN-E-I dall'università di Okayama e colleghi hanno trovato che per 72% dei pazienti, i livelli di MPO-ANCA in diminuzione al normale entro 6 mesi dopo la terapia hanno cominciato. MPO-ANCA ha riapparso per 40% dei pazienti per cui c'erano dati completi di seguito; questa ricomparsa è stata associata con una ricaduta che accade simultaneamente o più successivamente. I ricercatori quindi hanno concluso che la ricomparsa di MPO-ANCA è un indicatore di promessa per la ricaduta di AAV.

L'assistente universitario Haruki Watanabe ed il professore associato Sada KEN-E-I dall'università di Okayama e colleghi hanno trovato le indicazioni che la ricomparsa di MPO-ANCA potrebbe essere particolarmente utile come biomarcatore per la ricaduta di AAV con la partecipazione del rene (AAV renale).  Da soltanto 4 pazienti senza ricaduta sperimentata partecipazione renale, un più grande studio sarebbe necessario da stabilire tutto il collegamento fra la ricomparsa di MPO-ANCA e la ricaduta di AAV non renale.

I ricercatori precisano che il loro studio presenta alcune limitazioni: i dati sono stati ottenuti più presto, nel contesto di altre indagini e le istituzioni partecipanti differenti hanno seguito le procedure analitiche differenti per qualitativamente la valutazione del contenuto di ANCA. Tuttavia, lo studio era finora il più grande ed anche il primo con l'analisi di caso-control (basata sui confronti dei pazienti con e senza la ricaduta di malattia).  Watanabe ed i colleghi concludono che per i pazienti recuperati da MPO-AAV, “il controllo corrente di MPO-ANCA dovrebbe essere applicato [per predire ricaduta possibile]„.

Sfondo

Vasculite anticorpo-associata citoplasmica di Antineutrophil

La vasculite anticorpo-associata citoplasmica di Antineutrophil (AAV) si riferisce ad un insieme delle malattie (granulomatosi con il polyangiitis, granulomatosi eosinofila con il polyangiitis e polyangiitis microscopico), le caratteristiche di cui sono la distruzione ed infiammazione di piccoli vasi sanguigni. I segni clinici variano e gli organi differenti possono essere commoventi, compreso i reni, stomaco e polmoni.

Uno studio dall'assistente universitario Haruki Watanabe e dal professore associato Sada KEN-E-I dall'università e dai colleghi di Okayama ora ha indicato che per i pazienti avere AAV, riflettendo la presenza di antigene conosciuto come MPO-ANCA dovrebbe contribuire a predire la ricaduta di AAV.