La terapia nana inverte gli effetti più micidiali della malattia renale cronica nel modello animale

Caricando una droga di chelazione in un'unità viaggiatrice nano di taglia, i ricercatori alla Clemson University hanno invertito in un modello animale gli effetti più micidiali della malattia renale cronica, che uccide ogni anno più gente negli Stati Uniti che il petto o il carcinoma della prostata.

Quando i reni smettono di lavorare correttamente, il calcio si accumula nel tessuto dell'arteria, piombo alla malattia di cuore. Sebbene quasi mezzo milione Americani ricevano la dialisi renale, la malattia di cuore è la causa della morte principale per la gente con la malattia renale cronica.

“I risultati sono scientifico molto emozionanti, ma anche per le migliaia di pazienti che potrebbero potenzialmente trarre giovamento da questa tecnologia l'un giorno,„ ha detto Naren Vyavahare, la presidenza dotata cacciatore e professore della bioingegneria a Clemson ed al ricercatore principale della ricerca.

La chelazione, un metodo di eliminazione dei metalli quali ferro e cavo dall'organismo, è stata usata sperimentalmente per qualche gente con la malattia di cuore. La terapia non è approvata da Food and Drug Administration, ma gli istituti della sanità nazionali ha patrocinato due studi del multi-center e su grande scala facendo uso dell'acido tetraacetico della diammina dell'etilene, o ED, come terapia di chelazione per la gente con la malattia di cuore.

Negli studi clinici, gli ED è incluso in un'infusione che circola attraverso l'organismo; è sistematico e non specifico. Questo metodo di chelazione ha indicato i buoni risultati nel miglioramento della funzione del cuore, particolarmente in pazienti diabetici, Vyavahare ha detto. Ma la terapia di infusione degli ED è ardua (richiede 40 infusioni durante un anno) e può causare gli effetti secondari, compreso uno svuotamento di calcio dal sangue e dall'osso.

Nel 2014, il gruppo di Clemson Vyavahare è risultato che un approccio mirato a è efficace. In animali senza malattia renale, hanno caricato le nanoparticelle con gli ED e gli anticorpi dello speciale che riconoscono e chiudono su elastina nociva per consegnare la terapia direttamente ai siti arteriosi nocivi tramite la calcificazione.

Ora, in un 22 febbraio 2019 pubblicato articolo, nei rapporti scientifici, una pubblicazione della natura, membri di gruppo di Vyavahare descrive come hanno sviluppato un modello animale che imita la malattia renale cronica di un essere umano. Gli animali sono stati trattati con le infusioni degli ED come nelle prove umane di NIH e con gli ED uniti in una nanoparticella coppia ad un anticorpo che cerca l'elastina nociva. In animali che hanno ricevuto la terapia mirata a, l'accumulazione del calcio si è distrutta senza causare gli effetti secondari. Inoltre, la calcificazione non è venuto backup a quattro settimane dopo l'ultima iniezione, anche se altri segni della malattia renale cronica erano presenti.

“Il lavoro del Dott. Vyavahare è estremamente importante per quelli di noi che credono che il calcio non sia appena un indicatore passivo della malattia coronarica, ma anche un partecipante attivo,„ ha detto le lame di Gervasio, il presidente di medicina ed il capo della cardiologia al centro medico di monte Sinai in Miami Beach, Florida. Le lame, ricercatore principale alla della prova fondata NIH per valutare la terapia 2 di chelazione, non sono state non coinvolgere nello studio di Clemson.

“Il potenziale con una droga mirata a è enorme e la metodologia per l'ottimizzazione del quel Dott. Vyavahare si è sviluppata è unica,„ Lamas ha detto.

Vyavahare ed i suoi co-author hanno scritto quello in uno studio che precedente hanno indicato che i polifenoli, una volta consegnati con le nanoparticelle, “rigenerano l'elastina aortica degradata. Quindi, c'è un'opportunità emozionante della terapia doppia di nanoparticella ad in primo luogo elimina i giacimenti del calcio facendo uso degli ED e poi ripara i livelli mediali dell'elastina con (polifenoli).„

Vyavahare sta studiando la degradazione ed i danni dell'elastina causati tramite la calcificazione per quasi 20 anni. È Direttore del centro di Carolina del Sud dei biomateriali per rigenerazione del tessuto.

La tecnologia di consegna di nanoparticella è stata conceduta una licenza a da terapeutica di Elastrin, uno start-up Vyavahare aiutato trovato. Servisce da ufficiale principale di scienza della società.

“Con il finanziamento recente abbiamo ricevuto da NIH per effettuare più studi sulla comprensione come l'inversione della calcificazione funziona ed Elastrin Therapeutics Inc. che concede una licenza a questa tecnologia dalla Clemson University, crediamo che abbiamo potuti tradurre questo approccio per uso nei test clinici tra qualche anno,„ Vyavahare ha detto.