I ricercatori identificano l'origine di dolore cronico in esseri umani

Un nuovo studio dai ricercatori all'università del Texas a Dallas, il centro del Cancro di Anderson di MD di UT, il centro di scienza di salubrità di UT a Houston e l'istituto universitario di Baylor di medicina ha prodotto la prova della sorgente di dolore cronico in esseri umani, rivelante parecchi nuovi obiettivi per il trattamento di dolore.

Il documento -- 19 marzo pubblicato in cervello, una di più vecchie pubblicazioni della neurologia del mondo -- le cellule nervose specializzate esaminate hanno ragruppato vicino alla base della spina dorsale. I ricercatori hanno approfittato di un'opportunità eccessivamente rara di studiare questi nervi, chiamati gangli di root dorsale (DRG), eliminati dai malati di cancro che subiscono la chirurgia al MD Anderson.

I ricercatori hanno catalogato le variazioni nell'espressione del RNA nelle celle dei gangli di root dorsale dei pazienti che differiscono dallo stato e dal sesso di dolore. Facendo uso di RNA che ordina, un modulo specializzato del gene che ordina, su quelle celle di DRG ha reso una lista di promessa delle vie biochimiche per cui i ricercatori potrebbero potere inventare gli analgesici.

“Questo ambulatorio non è fatto a molti posti,„ ha detto il Dott. Ted Price, un autore senior del documento e professore di Eugene McDermott della neuroscienza a scuola di UT Dallas delle scienze di cervello e comportamentistiche. “Il nostro gruppo paziente di 21, sebbene non sondi come molti, è enorme riguardante tutto lo studio cronico umano priore di dolore facendo uso dell'ordinamento del RNA.„

Il dolore cronico è contrassegnato mentre neuropatico quando è causato da danneggiamento delle cellule nervose. Gli esempi comprendono la sindrome dell'arto fantasma, il dolore derivando da un colpo e “le sensazioni dei aghi di stampa e dei perni„ connesse con il diabete.

“Delle cellule nervose incendio periferico solitamente a causa di un certo stimolo esterno -- ottenete bruciato, o le vostre barrette sono pizzicate, et cetera,„ ha detto la razza di Pradipta del ricercatore di UT Dallas, uno degli autori principali dello studio tre. “A volte, i neuroni continuano appena infornare senza lo stimolo corrente, lasciante la gente nel dolore costante.„

“Se queste celle stanno infornando senza alcun stimolo che possiamo individuare, chiamiamo quell'attività spontanea,„ Price ha detto. “Ed abbiamo intrapreso un'azione significativa in questo studio individuando i condotti biofisici da cui quell'attività dolorosa viaggia nel corpo umano.„

La parte della razza del lavoro, il neurogenomics di calcolo, girato intorno ad identificare i geni di alta qualità dell'obiettivo affinchè ricerca futura analizzino.

“Ci sono circa 50 - 100 geni che guardano molto promettenti,„ lui hanno detto. “Due terzi di loro vago sono conosciuti o non sono conosciuti affatto in termini di loro ruolo nel dolore. Ho allineato questi geni in termini di loro potenziale come un biomarcatore o obiettivo terapeutico ed ho quotato i 10 principali per il nostro gruppo -- ed il mondo at large -- per perseguire più ulteriormente. Questi sono geni che appartengono alle reti in questione nella segnalazione e nella risposta immuni e sono espresse diversamente in maschi ed in femmine.„

Mentre non c'è modo estrarre ed analizzare il DRG dalla maggior parte dei pazienti cronici di dolore, i ricercatori ritengono che ci possano essere celle di proxy che dividono gli stessi indicatori. I modelli preclinici già suggeriscono che celle immuni quali le cellule T -- campionato molto più facilmente da un paziente -- ha potuto fare appena quello.

“I neuroni e le celle immuni entrambi sono conosciuti per essere altamente determinato-specifici,„ Ray ha detto. “Conservano una cronologia di che cosa è accaduto voi -- ed è una storia lunga. Se le celle immuni cambiano allo stesso modo le cellule nervose cambiano, quella cronologia possono essere messe a disposizione di medici, che potrebbero poi determinare il migliore rimedio ai diversi pazienti.„

Il Dott. Tae Hoon Kim ha eseguito l'ordinamento e l'analisi del RNA sul progetto.

“La competenza del mio laboratorio complementa la competenza dei prezzi di Ted nel campo di dolore,„ ha detto Kim, un professore associato delle scienze biologiche a scuola di UT Dallas delle scienze naturali e della matematica. “Per quanto sappia, questo è il primo esteso esame di come il dolore cronico pregiudica l'espressione genica in DRG umano dalle persone viventi, in modo da è abbastanza significativo e dovrebbe avere un vasto impatto.„

Un tema di ricorso dal lavoro precedente dei prezzi ha riapparso in questi nuovi risultati, che cosa chiama una differenza “di direzione„ in come il dolore cronico funziona fra i sessi.

“Vediamo i grandi temi dei meccanismi di dolore che differiscono fra gli uomini e le donne ed il dolore cronico è non differente,„ Price ha detto. “Le impronte dei geni attivati nelle celle di DRG differiscono di più dal sesso che fanno dallo stato di dolore.„

I risultati dello studio hanno indicato che molti takeaways precedenti dagli studi sugli animali sono corretti in un modo generale ma mancano della precisione, Price ha detto.

“Quando state facendo la terapeutica, è circa i dettagli fini,„ ha detto. “Molte droghe basate sui modelli animali realmente sono state efficaci ma hanno avute effetti secondari inattesi, in modo da non erano approvate. Ora ho un'idea molto migliore perché quelle droghe non hanno superato la prova.„

Il prezzo ha detto che il suo gruppo “brimming con le idee circa come progettare la migliore terapeutica e gli esperimenti preclinici.„ Spera che questa collaborazione fra a neurologi ed ai i neuroscenziati basati a Texas finisca come punto di riferimento nella ricerca di dolore.

“Lo penso che tra 10 anni, quando esamino indietro come i documenti io hanno pubblicato hanno avuti un impatto, questo attaccherà fuori,„ ho detto. “Spero per allora che stiamo progettando i test clinici che consideriamo meglio il sesso come variabile biologica e che capiamo come il dolore cronico è determinato diversamente negli uomini ed in donne.„

Sorgente: https://www.utdallas.edu/news/research/ut-system-collaboration-closes-in-on-chronic-pains-origins/