Le droghe antideprimenti non possono lavorare quando i neuroni sono non in forma

Gli inibitori selettivi di ricaptazione della serotonina (SSRIs) sono il farmaco il più comunemente prescritto per disordine depressivo principale (MDD), eppure gli scienziati ancora non capiscono perché il trattamento non funziona in quasi trenta per cento dei pazienti con MDD. Ora, i ricercatori dell'istituto di Salk hanno scoperto le differenze nei modelli di crescita dei neuroni dei pazienti SSRI-resistenti. L'opera, pubblicata in psichiatria molecolare il 22 marzo 2019, ha implicazioni per la depressione come pure altri termini psichiatrici quali disordine bipolare e la schizofrenia che probabilmente egualmente comprendono le anomalie del sistema della serotonina nel cervello.

“Con ogni nuovo studio, ci muoviamo più vicino ad una comprensione più completa dei circuiti neurali complessi che sono alla base delle malattie neuropsichiatriche, compreso la depressione principale,„ dice il professor Rusty Gage, l'autore senior dello studio, Presidente dell'istituto ed il Vi e la presidenza di Salk di John Adler per la ricerca sulla malattia relativa all'età di Neurodegenerative. “Questo documento, con un altro recentemente abbiamo pubblicato, non solo forniamo le comprensioni in questo trattamento comune, ma egualmente suggeriamo che altre droghe, quali gli antagonisti serotonergic, potrebbero essere opzioni supplementari per alcuni pazienti.„

La causa della depressione è ancora sconosciuta, ma gli scienziati ritengono che la malattia sia collegata parzialmente al circuito serotonergic nel cervello. Ciò è in gran parte perché SSRIs, che aumentano i livelli della serotonina del neurotrasmettitore alle connessioni del neurone, contribuisce ad alleviare i sintomi di molta gente diagnosticata con la depressione. Tuttavia, il meccanismo di perché qualche gente risponde a SSRIs, mentre altre non fanno, rimane un mistero. Disfare il puzzle della resistenza di SSRI è stato provocatorio perché richiede lo studio dei 300.000 neuroni che usano la serotonina del neurotrasmettitore per la comunicazione all'interno di un cervello di 100 miliardo neuroni totali. Un modo che gli scienziati recentemente hanno superato questo ostacolo è di generare questi neuroni serotonergic in laboratorio.

Il documento precedente del gruppo in psichiatria molecolare ha indicato che i non radar-risponditore di SSRI avevano aumentato i ricevitori per serotonina, che ha reso i neuroni iperattivi in risposta a serotonina. Il di carta corrente ha voluto esaminare i non radar-risponditore di SSRI da un angolo differente.

“Abbiamo voluto sapere se biochimica della serotonina, l'espressione genica ed i circuiti sono stati alterati in non radar-risponditore di SSRI confrontati ai radar-risponditore facendo uso dei neuroni serotonergic derivati dai pazienti di MDD,„ diciamo Krishna Vadodaria, uno scienziato del personale di Salk e primo autore di nuovo documento. “Facendo uso dei neuroni derivati dai pazienti reali di MDD fornisce una rappresentazione novella di come i radar-risponditore di SSRI confrontano ai non radar-risponditore.„

Da uno studio clinico su grande scala di 800 pazienti di MDD, i ricercatori hanno selezionato i casi più estremi della risposta di SSRI--pazienti che drasticamente sono migliorato quando cattura SSRIs ed i pazienti che non hanno veduto effetto. Il gruppo ha prelevato i campioni dell'interfaccia da questi pazienti ed ha riprogrammato le celle nelle cellule staminali pluripotent incitate (iPSCs) per creare i neuroni serotonergic che potrebbero studiare.

Gli scienziati hanno esaminato i neuroni serotonergic del ricoverato degli obiettivi della serotonina, compreso l'enzima che prepara la serotonina, la proteina che i trasporti e l'enzima che lo scompone, ma non hanno trovato differenze nelle interazioni della biochimica fra i gruppi. Invece, i ricercatori hanno osservato una differenza in come i neuroni hanno risposto basato sulla loro forma.

I neuroni dai non radar-risponditore di SSRI hanno avuti proiezioni più lunghe del neurone che i radar-risponditore. L'analisi del gene ha rivelato che i non radar-risponditore di SSRI egualmente hanno avuti bassi livelli di geni chiave (protocadherins PCDHA6 e PCDHA8) coinvolgere nella formazione dei circuiti di un neurone. Quando questi geni sono stati resi non funzionali in neuroni serotonergic (imitare il gene basso livella precedentemente osservato), i neuroni hanno sviluppato le stesse proiezioni insolitamente lunghe nei non radar-risponditore di SSRI. Queste funzionalità anormali potrebbero piombo a troppa comunicazione di un neurone in alcune aree del cervello e non a abbastanza in altre parti, alteranti la comunicazione all'interno dei circuiti serotonergic e spieganti perché SSRIs non funziona sempre per trattare MDD.

“Questi risultati contribuiscono ad un nuovo modo di esame, capendo ed indirizzando depressione,„ dice il calibro.

Il punto seguente è di esaminare i geni di protocadherin per capire meglio la genetica dei non radar-risponditore di SSRI.

Sorgente: https://www.salk.edu/news-release/when-neurons-are-out-of-shape-antidepressants-may-not-work/