I ricercatori identificano l'anello mancante nella spinta di post-esercizio alla funzione del cervello

Una scoperta circa come l'esercizio migliora la funzione del cervello potrebbe essere sfruttata per ricerca su invecchiamento e l'apprendimento e memoria d'amplificazione.

Le celle neurali del precursore si formano nei neurospheres, che poi si differenziano nei astrocytes (verdi) e nei nuovi neuroni (rossi).
Le celle neurali del precursore si formano nei neurospheres, che poi si differenziano nei astrocytes (verdi) e nei nuovi neuroni (rossi).

Un gruppo internazionale dall'università di Queensland (UQ) e dell'università tecnologica di Dresda ha identificato che grilletti la spinta alla funzione del cervello con l'esercizio.

Il Dott. Cesalpina Walker dall'istituto del cervello del Queensland di UQ ha detto che i miglioramenti sono stati collegati ai globuli.

“Quando ci esercitiamo, le cellule staminali nell'ippocampo - una regione del cervello che svolge un ruolo importante nell'apprendimento e nella memoria - si dividono e si trasformano nei nuovi neuroni, che piombo ai miglioramenti nella memoria,„ il Dott. Walker hanno detto.

“Che cosa non era chiaro era come le cellule staminali sanno per cominciare dividersi e formare i neuroni dopo l'esercizio - cioè come il funzionamento cambia il nostro cervello?

“Quando ci esercitiamo, è probabile che la nostra composizione in sangue egualmente cambia, in modo da abbiamo deciso di studiare il sangue per vedere che cambiamenti di post-esercizio potrebbero influenzare le cellule staminali neurali ed indurrli a formare i nuovi neuroni.„

Per verificare la teoria, i ricercatori hanno schermato il sangue dei mouse dopo che stavano funzionando e confrontato ai mouse di controllo senza ruote correnti.

Il Dott. Odette Leiter di QBI ha detto il gruppo ha trovato che i molti cambiamenti che si sono presentati nell'esercizio seguente di sangue sono stati collegati con le piastrine, piccole celle nel nostro sangue.

“Abbiamo trovato che le piastrine hanno indotto le cellule staminali neurali a moltiplicarsi e svilupparsi nei neuroni, rispetto ad altri tipi delle cellule che egualmente hanno il potenziale di formarsi,„ lei abbiamo detto.

“Le piastrine principalmente sono conosciute per il loro ruolo nella guarigione della ferita - essi inducono il sangue a coagularsi e le cellule epiteliali ad aderire insieme - ma abbiamo trovato che la risposta attivata in piastrine dopo avere funzionato era differente.

“È emozionante perché le piastrine sono molto più complesse che originalmente hanno pensato, con la capacità di rilasciare le molecole differenti secondo lo stimolo che le ha avviate.„

Il Dott. Walker ha detto le nuove domande e possibilità intriganti della ricerca aperte scoperta, particolarmente nell'invecchiamento.

“La crescita di nuovi neuroni diminuisce significativamente con l'età, che piombo al declino conoscitivo nei tipi specifici di apprendimento e di memorie,„ lei ha detto.

“Il nostro punto seguente è di studiare se possiamo sfruttare l'effetto positivo delle piastrine per amplificare lo sviluppo del neurone e per migliorare l'apprendimento e la memoria sia in mouse che in esseri umani.

La ricerca è stata pubblicata nei rapporti della cellula staminale con gran parte del lavoro che ha luogo a Dresda.

Il Dott. Walker, che precedentemente ha lavorato a QBI, ha ritornato con il Dott. Leiter per continuare la ricerca attraverso le collaborazioni e gli impianti disponibili all'istituto.

Sorgente: https://www.uq.edu.au/news/article/2019/03/blood-cells-missing-link-post-exercise-boost