Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: La mancanza di orientamento del medico ed il timore degli effetti secondari sono ragioni per il rifiuto degli statins

Malgrado le linee guida nazionali che indicano che gli statins inscatolano più a basso rischio di attacco di cuore e del colpo, molti pazienti che potrebbero avvantaggiarsi non li catturano. Più della metà dei pazienti ammissibili dicono che non sono state offerte mai le droghe d'abbassamento; l'esperienza negli effetti secondari o il timore degli effetti secondari era ragioni per la fermata o il rifiuto degli statins, secondo la nuova ricerca in giornale dell'associazione americana del cuore, il giornale di Access aperto dell'associazione americana del cuore/associazione americana del colpo.

Gli Statins abbassano la quantità di lipoproteina a bassa densità (LDL, o “di cattivo„ colesterolo) e sono stati indicati per ridurre il rischio di attacco di cuore e di colpi. Poiché gli statins sono efficace provato ed hanno un a basso rischio degli effetti secondari, le linee guida dall'associazione americana del cuore/istituto universitario americano della cardiologia raccomandano medici utilizzano un calcolatore della malattia cardiovascolare ed aterosclerotico di rischio per dare una valutazione dettagliata del rischio di dieci anni di una persona per la malattia di cuore e per contribuire a creare una pianificazione personale.

“Dobbiamo concentrare i nostri sforzi sul miglioramento come medici identificano i pazienti che devono essere su uno statin e come presentano le informazioni ai pazienti per assicurarsi che nessuno stia mancando l'opportunità di migliorare la loro salubrità del cuore,„ ha detto Corey Bradley, M.D., autore principale dello studio e un ricercatore all'istituto di ricerca di duca Clinical a Durham, North Carolina.

Per scoprire se i pazienti ammissibili usano gli statins e perché a volte diminuiscono o interrompono le droghe, i ricercatori hanno esaminato 5.693 adulti (età media 68) che hanno partecipato ad una registrazione per quelli che ricevono l'assistenza medica ad una cardiologia, ad un pronto intervento, o ad una pratica dell'endocrinologia.

Ricercatori trovati:

  • Dei 1.511 (26,5 per cento) chi corrente non stavano catturando gli statins, 59,2 per cento hanno riferito che non li erano stati offerti mai.
  • I pazienti erano più probabili riferire mai l'offerta dello statin se fossero femmina (22 per cento superiore ad altri), il nero (48 per cento superiore ad altri), o senza assicurazione (38 per cento superiore ad altri).
  • I pazienti veduti nelle pratiche della cardiologia erano più probabili essere offerti uno statin che quelli nel pronto intervento.

“È possibile che qualche gente non si sia ricordata essere offerta uno statin, in modo da possiamo sopravvalutare le percentuali che non sono state offerte mai uno. Tuttavia, crediamo che se il paziente non ricordasse la conversazione, la discussione probabilmente non sia stata efficace,„ Bradley abbiamo detto.

Dei pazienti che hanno rifiutato (10,1 per cento) o hanno interrotto (gli statins di 30,7 per cento), le ragioni più comuni date erano un timore degli effetti secondari ed effetti secondari percepiti. Rispetto agli utenti dello statin, i non utenti erano meno probabili credere che gli statins fossero sicuri.

“Sebbene ci siano rischi connessi con gli statins, il timore pubblico degli effetti secondari è senza proporzione ai rischi reali,„ ha detto Ann Marie Navar, M.D., Ph.D., autore senior dello studio e assistente universitario di medicina all'istituto di ricerca di duca Clinical. “Le idee sbagliate circa gli statins sono dappertutto e sono rifornite da informazioni false su Internet. Abbiamo bisogno di migliori strumenti di contribuire a combattere questo tipo di informazione sbagliata.„

Malgrado le loro preoccupazioni, nell'indagine 59,7 per cento dei pazienti che hanno cessato uno statin studierebbero la possibilità di riprovarlo.

“I medici non dovrebbero esitare ri-approccio la conversazione circa iniziare o riprovare la terapia dello statin in pazienti che potrebbero avvantaggiarsi ma essere corrente non sulla terapia,„ Bradley ha detto.

Sorgente: https://newsroom.heart.org/news/patients-say-lack-of-physician-guidance-and-fear-of-side-effects-are-why-they-dont-take-statins-as-prescribed?preview=7d735ed20373c5f5558e02f15f08ac4f