Il modello elaborato dal calcolatore novello rivela le conseguenze non intenzionali di interdizione della cocaina

Gli sforzi per accorciare il flusso di cocaina in Stati Uniti dal Sudamerica hanno reso le operazioni di traffico di droga più diffuse e più dure sradicare, secondo la nuova ricerca pubblicata questa settimana negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze.

Il National Science Foundation ha supportato lo studio, che ha incluso un geografo di Oregon State University e piombo da Nicholas Magliocca dall'università di Alabama. La collaborazione egualmente ha incluso i ricercatori dall'Ohio State University, dalla Northern Arizona University, dall'Arizona State University, dallo stato Università-San Marcos del Texas, dall'università di Wyoming e dal servizio di pesce e di fauna selvatica degli Stati Uniti.

“Realmente è sorprendente come il modello abbina le nostre osservazioni,„ ha detto David Wrathall dell'istituto universitario di OSU di terra, dell'oceano e delle scienze atmosferiche. “Il nostro gruppo consiste dei ricercatori che hanno lavorato nelle zone differenti dell'America Centrale durante il 2000s ed hanno testimoniato un impulso massiccio delle droghe nella regione che ha coinciso con un reinvigoration della guerra con droghe. Ci siamo chiesti: droghi i trafficanti di droga di spinta di interdizione in questi posti?„

I risultati sono importanti perché dopo cinque decadi, la guerra degli Stati Uniti con droghe ha ancora provarsi efficace o costo-efficiente per occuparsi della cocaina che traffica, la nota dei ricercatori. Lo studio viene per volta dell'attenzione aumentata sui migranti centro americani che fuggono la violenza relazionata con la droga nei loro pæsi d'origine.

Gli scienziati hanno sviluppato un modello elaborato dal calcolatore nominato NarcoLogic che mostra come i trafficanti di droga rispondono alle strategie ed alle tattiche di interdizione. Differisce dagli approcci precedenti perché modella della la dinamica del traffico livella della rete e del local- allo stesso tempo.

Gli sforzi di interdizione sono collegati alla diffusione ed alla frammentazione delle vie di transito - un fenomeno conosciuto come “l'effetto della blatta e del pallone.„ Quando gli sforzi di interdizione sono concentrati in una posizione, i trafficanti di droga riassegnano semplicemente.

“Fra 1996 e 2017, la zona di transito di emisfero occidentale si è sviluppata da 2 milione - 7 milione miglia quadrate, rendente la più difficile e costosa affinchè applicazione di legge tenessero la carreggiata e per interrompere le reti di traffico,„ Wrathall ha detto. “Ma come trafficare sparso, ha avviato una miriade di danni collaterali in relazione con il contrabbando: violenza, danneggiamento, proliferazione delle armi ed estesa e distruzione ambientale rapida, che è stata il fuoco del mio lavoro.„

Da quando l'amministrazione di Nixon ha lanciato la guerra con droghe nel 1971 ed ha dichiarato l'abuso di droga per essere “no. 1 del nemico pubblico,„ gli Stati Uniti hanno speso un $1 trilione stimato sugli sforzi di prevenzione e di applicazione di droga.

Quello include annualmente approssimativamente $5 miliardo su interdizione della cocaina, senza avere molto effetto sul suo prezzo della droga sull'offerta o, i ricercatori dicono.

“I prezzi all'ingrosso della cocaina negli Stati Uniti realmente sono caduto significativamente dal 1980, le morti dalla dose eccessiva della cocaina stanno aumentando e le forze del counterdrug intercettano le spedizioni della cocaina ad un a tariffa ridotta. Più cocaina ha entrato nel 2015 negli Stati Uniti che durante qualunque altro anno,„ Wrathall ha detto. “Ed una gente che di cosa che supporta l'interdizione e coloro che non inscatola acconsentono sopra è che il cambiamento è necessario. Questo modello può contribuire a determinare a che cosa quel cambiamento dovrebbe assomigliare.„

L'ipotesi principale dei ricercatori, confermata confrontando le previsioni di NarcoLogic di dove, quando e come le spedizioni della cocaina erano from2000-14 trafficati contro i reticoli reali registrati nei database di interdizione, era che le operazioni di traffico non sono diventato più diffuse e resiliente a causa di interdizione inefficace - ma ha agito in tal modo semplicemente come conseguenza di interdizione.

“Lo studio è una vittoria per l'osservazione e la teoria. Questo modello ricrea con successo il dinamico il nostro gruppo aveva osservato,„ Wrathall ha detto. “Ci dice che l'interdizione aumentata continuerà a spingere i mercanti nelle nuove aree, nelle reti di diffusione e nel permetterli di continuare a muovere le droghe a nord.„

Sorgente: https://today.oregonstate.edu/news/%E2%80%98narcologic%E2%80%99-computer-model-shows-unintended-consequences-cocaine-interdiction