Lo studio non trova effetto statisticamente significativo delle scarsità della droga su trattamento del cancro

Per la vasta maggioranza delle droghe di cancro che avverte le scarsità su un periodo di sette anni, un nuovo studio della ricerca di USC non ha trovato effetto statisticamente significativo delle scarsità sul trattamento di chemioterapia.

“Questi risultati sono sorprendenti alla luce dei media sostanziali ed attenzione di polizza che il problema della scarsità della droga di cancro ha raccolto,„ ha detto Mireille Jacobson, il co-author di studio ed il professore associato di gerontologia al banco di USC Leonard Davis e del centro di Schaeffer per criterio di integrità & l'economia.

Sebbene la percentuale di pazienti che ricevono il trattamento diminuisca per sei droghe, compreso fluorouracil, doxorubicina e la citarabina, l'uso altre di 32 droghe di cancro era inalterato o persino aumentato durante gli episodi della scarsità. Inoltre, i dosaggi sono diminuito per soltanto alcune droghe durante le scarsità. I risultati sono stati pubblicati l'8 aprile in farmacologia & terapeutica cliniche.

I ricercatori hanno notato che mentre le scarsità non possono essere notevoli da una prospettiva del trattamento, possono venire ai costi di parapsicologo e del personale non misurati dallo studio. “Questo studio ha misurato soltanto una dimensione delle scarsità della droga dell'oncologia: l'effetto su utilizzazione,„ ha detto Jacobson.

Allarmi dati scarsità aumentanti della droga di oncologia

Il numero delle scarsità del farmaco da vendere su ricetta medica negli Stati Uniti è aumentato nel 2011 da 71 nel 2005 a 255 e le scarsità dell'oncologia droga più di quanto raddoppiato durante quel periodo di tempo. Le scarsità della droga dell'oncologia in particolare hanno generato l'attenzione sostanziale dai media ed i responsabili della politica a causa delle preoccupazioni circa le lacune del trattamento ed il dosaggio insufficiente. Per i cancri in cui determinati trattamenti sono preferiti clinicamente o nessun'alternativa esiste, le scarsità della droga possono essere pericolose.

Finora, nessuno studio ha analizzato sistematicamente le conseguenze delle scarsità in tutta la nazione. Facendo uso dei dati dalla sorveglianza, le registrazioni del cancro di risultati finali e dell'epidemiologia (SGOMBRO) collegate con i reclami di Assistenza sanitaria statale, Jacobson ed il collega Abby Alpert con l'università della Pennsylvania hanno precisato per fornire un'analisi più generale dell'impatto delle scarsità della droga dell'oncologia sul trattamento di chemioterapia del paziente esterno.

Milioni di reclami, migliaia di pazienti, impatto nullo su chemioterapia

Jacobson e Alpert hanno studiato più di 2,4 milione reclami mensili per il trattamento di chemioterapia amministrato nell'ufficio di un medico o nell'ospedale del paziente esterno o il reparto su un periodo di sette anni. I reclami provenivano da 182.470 beneficiari di Assistenza sanitaria statale recentemente diagnosticati con sette cancri comuni, compreso il petto, colorettale, la leucemia, il polmone, il linfoma, ovarico e cancro del pancreas.

Il campione recentemente diagnosticato ha rappresentato 60 per cento dei reclami totali della chemioterapia nei dati di Sgombro-Assistenza sanitaria statale. Uno in tre reclami della chemioterapia per recentemente diagnosticati era per le droghe che erano su scarsità durante il periodo di studio.

Lo studio ha trovato poco impatto sul trattamento di chemioterapia del paziente esterno per la maggior parte delle droghe dell'oncologia identificate come avvertire le scarsità fra 2004 e 2011. Anche fra le droghe di chemioterapia più comunemente usate-- quelli allineati nei 25 principali hanno prescritto i medicinali nel campione--i ricercatori non hanno trovato quasi cambiamento nel trattamento durante le scarsità, compreso effetto minimo sul dosaggio del volume.

La parte di pazienti che ricevono i trattamenti è diminuito per sei droghe, compreso i farmaci generici che sono stati sul servizio per le decadi. “Sembra che quando alcune droghe si trasformano in in più vecchio e basso costo molto, ci non sia tant'investimento che si assicura in loro sia disponibile,„ ha detto Jacobson.

Spiegazioni possibili

I ricercatori dicono che una spiegazione per i risultati è che la maggior parte delle scarsità della droga dell'oncologia efficacemente sono state riuscite per minimizzare gli effetti sul trattamento. “Sebbene una scarsità possa riflettere una rottura completa di produzione, i fornitori possono potere ricavare dagli inventari attuali, approvvigionamento dai fornitori che più su hanno aggettato l'inventario, o accumulano in anticipo se una scarsità è preveduta,„ hanno detto Jacobson.

Una seconda spiegazione è che la produzione rapida o tempestiva aumenta, a volte su richiesta di FDA, potrebbe attenuare l'impatto delle scarsità sul trattamento di chemioterapia. In alcuni casi, l'abbuono temporaneo di FDA dell'importazione delle versioni non Xeros unapproved delle droghe insufficienti può ulteriormente facilitare gli effetti delle scarsità.

Dopo, gli autori dicono che il database ha considerato il sistema monetario aureo per la datazione delle scarsità (UUDIS) può catturare molte scarsità che non si penserebbero che abbiano urtato il trattamento. Il database comprende sulla sua lista della scarsità tutta l'interruzione dei rifornimenti che le influenze “come una farmacia prepara o dispensa un prodotto di droga o che influenza la cura paziente quando i prescrittori devono usare un agente alternativo.„

Per esempio, se una più grande dimensione della fiala della droga fosse non disponibile, questo sarebbe classificato come una scarsità anche se le dimensioni del più piccolo pacchetto erano disponibili ed esigenza paziente risposta a. Sebbene questo tipo di interruzione dei rifornimenti potrebbe richiedere le risorse supplementari della farmacia, il suo impatto sul trattamento potrebbe essere minimo. È poco chiaro quanto delle scarsità di UUDIS misura questa descrizione, tuttavia, i risultati degli impatti minimi della scarsità suggeriscono che molti possano appartenere in questa categoria.

Per concludere, i ricercatori dicono che i risultati possono essere dovuto le limitazioni di dati di Sgombro-Assistenza sanitaria statale. La grande dimensione del campione cattura pochi nonelderly pazienti con cancro e quindi può minimizzare l'effetto delle scarsità sulle droghe, quale il mechlorethamine, usato per trattare i cancri che soprattutto pregiudicano le più giovani popolazioni. Inoltre, poiché lo SGOMBRO riguarda soltanto un insieme limitato delle zone geografiche, i dati possono mancare le regioni che sono più duramente colpite da scarsità.

Come possono le scarsità della droga attenuarsi?

“Una sfida chiave che si muove in avanti è come identificare esclusivamente quei casi che deriveranno nelle scarsità clinicamente pertinenti da quelli che sono relativamente facili da gestire,„ hanno detto Jacobson. “Una discussione sull'uso progettato per e le limitazioni del UUDIS e delle liste della scarsità della droga di FDA migliorerebbero il processo decisionale dai responsabili della politica e dai medici e la discussione pubblica delle scarsità della droga.„

Gli autori dicono che i metodi alternativi al tenere la carreggiata le scarsità ed a misurare i loro effetti sul trattamento possono essere autorizzati per facilitare l'identificazione e la diminuzione iniziali delle scarsità clinicamente pertinenti.

Sorgente: https://www.usc.edu/