Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Primo bambino sopportato dopo trapianto uterino robot-assistito

Un ragazzo di lunghezza 48 centimetri, pesando 2900 grammi, è il primo bambino sopportato dopo la variazione tecnologica nella ricerca di livello mondiale di Gothenburg su trapianto uterino. La nascita, con la consegna cesarean prevista (C-sezione), ha avuto luogo lunedì 8 aprile e l'intera famiglia sta facendo benissimo.

“È una sensibilità fantastica per consegnare così bambino speciale e sospirato. Per fa parte del trattamento di tutto, dalla prima riunione con le coppie al trapianto dell'utero ed ora vedere ognuno gioia quando cui abbiamo sperato per si trasforma nella realtà. È semplicemente meraviglioso,„ dice Pernilla Dahm-Kähler, un chirurgo robot-assistito di piombo e ginecologo sul gruppo e sul ricercatore all'accademia di Sahlgrenska, università di Gothenburg.

Questo bambino è il primo da sopportare nell'ambito di questo progetto di ricerca. È venuto al mondo dopo che un trapianto uterino in cui il donatore, la madre del destinatario, è stato gestito sopra con laparoscopia robot-assistita. Questo metodo è considerevolmente meno dilagante per il donatore che l'ambulatorio aperto tradizionale.

Stuoie Brännström, professore di ostetricia e della ginecologia all'accademia di Sahlgrenska, teste il lavoro di ricerca.

“Questa è un punto estremamente importante verso sviluppare l'ambulatorio in questione nel trapianto uterino e la sua sicurezza. Per la prima volta, stiamo indicando che la tecnica chirurgica robot-assistita meno dilagante è praticabile.„

Il donatore è gestito sopra attraverso le incisioni di un-centimetro nell'addome. Le armi robot che tengono gli strumenti chirurgici sono guidate da due chirurghi, uno da ogni lato del paziente. Ogni chirurgo si siede ad una stazione di lavoro personale alcuni metri assenti, con uno strumento del tipo di leva di comando e un'immagine di schermo ingrandetta 3D che permette la precisione immensa per il funzionamento profondo dentro l'addome più basso.

Verso la conclusione della procedura, un'altra incisione è fatta in moda da potere eliminare l'utero. Poi immediatamente è inserita nel destinatario per mezzo di ambulatorio aperto. La nuova tecnica fa una grande differenza per i donatori, che ritengono generalmente in seguito migliori ed ottengono indietro sui loro piedi più veloci.

Niclas Kvarnström è il chirurgo responsabile del trapianto all'interno del progetto e la persona che esegue il compito complesso delle imbarcazioni connettenti nel destinatario dell'utero.

“In futuro, egualmente stiamo andando potere trapiantare l'utero nel destinatario che usando la tecnica robot-assistita del buco della serratura.„

Nel caso corrente, il trapianto è stato effettuato all'ospedale universitario di Sahlgrenska nell'ottobre 2017. Dieci mesi più successivamente un embrione, che aveva prodotto con IVF (fertilizzazione in vitro) prima del trapianto, è stato inserito l'utero trapiantato ed alcune settimane in successivamente che i medici potevano confermare la gravidanza, con un battito cardiaco distinto. La gravidanza è stata esente dalle complicazioni, con la madre nei buona salute interamente; ora, ha cessato così con una C-sezione prevista incinto a 36 settimane.

Il bambino ora sopportato è il numero nove in Svezia che segue un trapianto dell'utero e numera uno in cui i ricercatori chiamano “il progetto del robot„ -- in cui più gravidanze e bambini sono preveduti durante gli anni a venire. Sei trapianti sono stati eseguiti nel 2017-2018 ed il gruppo egualmente è posato per eseguire il primo trapianto uterino facendo uso di un organo da un donatore deceduto.

Fin qui, complessivamente 15 bambini universalmente sono nati da un utero trapiantato. Oltre ai nove nati nell'ambito di questa ricerca dell'accademia di Sahlgrenska, c'è due negli Stati Uniti ed uno in ciascuna del Brasile, della Serbia, dell'India e della Cina.

Le stuoie Brännström precisa la grande importanza della tecnica, sviluppata sopra la ricerca di più di 15 anni all'accademia di Sahlgrenska, ora anche funzionante altrove nel mondo -- in parecchi casi che seguono trasferimento di tecnologia diretto dal gruppo a Sahlgrenska.