Sia a dieta i ricchi in proteina animale collegata all'elevato rischio della morte

I ricchi di una dieta in proteina e carne animali in particolare non è buoni per la salubrità, un nuovo studio dall'università di ritrovamenti orientali della Finlandia, fornente ulteriore protezione per la prova più iniziale della ricerca. Gli uomini che hanno favorito la proteina animale sopra proteina impianta impianto nella loro dieta hanno avuti un maggior rischio di morte in seguito di 20 anni che gli uomini di cui la dieta era più equilibrata in termini di loro fonti di proteine. I risultati sono stati pubblicati nel giornale americano di nutrizione clinica.

I ricchi di una dieta in proteina animale non è buoni per la salubrità. Il cibo dei più di 200 grammi di carne al giorno ha aumentato il rischio di morte. Credito: Raija Törrönen

Gli uomini di cui le fonti primarie di proteina erano basate a animale hanno avuti un elevato rischio di 23% della morte durante il seguito che gli uomini che hanno avuti il rapporto più equilibrato di proteina animale e impianta impianto nella loro dieta. Un'alta assunzione di carne in particolare è sembrato associarsi con gli effetti contrari: gli uomini che mangiano i ricchi in carne, cioè più di 200 grammi di una dieta al giorno, hanno avuti un rischio maggior 23% di morte durante il seguito che gli uomini di cui l'assunzione di carne era di meno di 100 grammi al giorno. Gli uomini che partecipano allo studio pricipalmente hanno mangiato la carne rossa. La maggior parte delle raccomandazioni di nutrizione al giorno d'oggi limitano l'assunzione di rosso e di carni trasformate. In Finlandia, per esempio, l'assunzione massima raccomandata è di 500 grammi alla settimana.

Lo studio egualmente ha trovato che un'alta assunzione globale di proteina dietetica è stata associata con un maggior rischio di morte negli uomini che erano stati diagnosticati con il diabete di tipo 2, la malattia cardiovascolare o il cancro all'inizio dello studio. Una simile associazione non è stata trovata negli uomini senza queste malattie. I risultati evidenziano la necessità di studiare gli effetti sulla salute dell'assunzione della proteina particolarmente nella gente che ha una condizione medica cronica preesistente. L'età media degli uomini che partecipano allo studio era di 53 anni all'inizio e le diete che mancano chiaramente in proteina non erano tipiche fra la popolazione di studio.

“Tuttavia, questi risultati non dovrebbero essere generalizzati alla gente più anziana che è ad un maggior rischio di malnutrizione e di cui l'assunzione di proteina rimane spesso sotto l'importo raccomandato,„ studente Heli che di PhD Virtanen dall'università di Finlandia orientale precisa.

Gli studi più iniziali hanno suggerito che un'alta assunzione di proteina animale e particolarmente il consumo di carni trasformate quali le salsiccie ed i tagli freddi, fosse associata con un rischio aumentato di morte. Tuttavia, la grande maschera concernente gli effetti sulla salute di proteina e delle sorgenti differenti della proteina rimane poco chiara.

Lo studio è basato sullo studio ischemico di fattore di rischio della malattia di cuore di Kuopio (KIHD) che ha analizzato le abitudini dietetiche di circa 2.600 uomini finlandesi invecchiati fra 42 e 60 all'inizio dello studio nel 1984-1989. I ricercatori hanno studiato la mortalità di questa popolazione di studio in seguito medio di 20 anni analizzando i registri forniti dalle statistiche Finlandia. Le analisi messe a fuoco sulle associazioni di proteina dietetica e delle sorgenti della proteina con la mortalità durante il seguito ed altre abitudini dietetiche di fattore di stile di vita e sono state gestite estesamente per, compreso il fatto che quelle che mangiano l'abbondanza di proteina impianta impianto hanno seguito una dieta più sana.

Sorgente: https://www.uef.fi/-/elainkunnan-tuotteisiin-painottuva-ruokavalio-yhteydessa-suurempaan-kuolleisuuden-riskiin?inheritRedirect=true&redirect=%2Fen%2Fetusivu

Advertisement