Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Non credi la canapa: Analisi di UHPLC dei petroli della canapa

Che cosa è realmente in vostro petrolio di canapa? Sebbene la canapa e le cannabis siano notevolmente differenti in termini di loro beni ed usi chimici, la loro origine comune può piombo alle componenti indesiderate presenti nei prodotti della canapa. È quindi di importanza fondamentale affinchè i produttori determini il profilo di cannabinoido dei prodotti petroliferi disponibili nel commercio della canapa.

Malgrado la popolarità dei prodotti petroliferi della canapa, non ci sono corrente tecniche standardizzate dell'analisi. A questo scopo, un gruppo di ricercatori italiani recentemente ha pubblicato uno studio sull'accuratezza di cromatografia a fase mobile liquida accoppiata con spettrometria di massa ad alta definizione per identificare il profilo di cannabinoido di dieci prodotti petroliferi differenti della canapa.

LAndris Tkacenko | Shutterstock

Non tutti i prodotti petroliferi della canapa sono uguale creato

Sia la canapa che la cannabis possono essere ottenute dalle specie sativa dell'impianto della cannabis L. Malgrado la loro origine comune, la canapa e le cannabis differiscono notevolmente in loro composizione chimica. Per esempio, i phytocannabinoids delle cannabis, specialmente di quale includono il cannabidiol (CBD) e il tetrahydrocannabinol (THC), sono stati associati con i vari beni farmacologici, mentre le canapa sono completamente vuote di questi cannabinoidi.

Durante la coltura, la superficie esterna delle canapa può essere contaminata dai trichomes ghiandolari appiccicosi dei phytocannabinoids della cannabis. Se le canapa non sono pulite correttamente, le concentrazioni indesiderate di cannabinoido possono essere presenti nei loro prodotti petroliferi.

Infatti, alcuni petroli commerciali della canapa sono stati trovati per contenere le concentrazioni totali in CBD e in THC di più di 10 e 1000 parti per milione (ppm), rispettivamente.

Valutazione del profilo di cannabinoido di canapa

Mentre parecchi metodi esistono per la determinazione delle concentrazioni di CBD e di THC all'interno dei petroli della canapa, continua ad essere una mancanza di tecniche capaci di fornire ai ricercatori un profilo completo di cannabinoido.

Poiché ci sono almeno 120 phytocannabinoids differenti che sono stati confermati per esistere all'interno dell'impianto sativa della cannabis L., di una tecnica analitica affidabile ed accurata che possono quantificare questi prodotti chimici sono altamente richiesti.

Nelle loro frontiere nello studio dell'agronomia, il gruppo dei ricercatori italiani ha cominciato questo sforzo utilizzando un metodo che cromatografico precedentemente avevano trovato per essere adatti a fornire un profilo chimico completo sugli estratti medicinali del petrolio della cannabis. Questa tecnica cromatografica collega una cromatografia a fase mobile liquida della ultraelevato-prestazione (UHPLC) con uno spettrometro di massa che è fornito di una sorgente electrospray heated (HESI) di ionizzazione.

Tutti i dati grezzi hanno compreso la rilevazione, la correzione di tempo della conservazione, l'allineamento di profilo e l'annotazione di punta dell'isotopo. Un'analisi statistica a più variabili (MSA) egualmente è stata eseguita per differenziare tutte le differenze significative che sono esistito i prodotti petroliferi in mezzo differenti della canapa.

C'erano “differenze significative„ fra i prodotti petroliferi differenti della canapa

Poiché c'è letteratura limitata sulla frammentazione dei cannabinoidi differenti facendo uso di una sorgente electrospray di ionizzazione, i ricercatori hanno discusso i loro spettri in termini di standard deuterati di cannabinoido differente, che hanno incluso CBD tipo, THC tipo, cannabinolo (CBN) tipo, il cannabigerol (CBG) tipo e il cannabichromene (CBC) tipo.

È importante riconoscere che questo lavoro è particolarmente unico dovuto la loro analisi che ha esteso oltre classi del cannabinoido di CBD-, di THC- e del CBN.

Con l'uso di questa tecnologia di avanguardia, i ricercatori potevano identificare 32 cannabinoidi differenti presenti in 10 petroli commerciali differenti della canapa. I ricercatori hanno trovato che c'erano differenze significative fra i moduli acidi e neutrali di ogni cannabinoido.

Sebbene i cannabinoidi rappresentino soltanto una piccola percentuale di tutte le componenti del petrolio della canapa, i dati di MSA hanno illustrato che questi prodotti chimici ancora attivamente hanno contribuito alla natura chimica di ogni campione del petrolio.

Dove andiamo di qui?

La tecnica di HPLC-HRMS discussa qui ha confermato la contaminazione di 10 petroli differenti della canapa con differenti cannabinoidi. Poca ricerca è stata effettuata sui cannabinoidi fuori di quelle all'interno del CBD e le classi di THC, così, questa tecnica fornisce la comprensione nel potenziale di questi agenti inquinanti di causare gli effetti nutraceutical pertinenti una volta presenti in petroli della canapa.

Le vaste differenze fra la composizione chimica di ogni campione del petrolio della canapa sollecita la necessità per i metodi analitici migliori che permetteranno che i ricercatori capiscano meglio le indennità-malattia connesse con tutte le componenti della cannabis.

Sources:

Citti, C., Linciano, P., Panseri, S., Vezzalini, F., Forni, F., Vandelli, M. A., & Cannazza, G. (2019). Cannabinoid Profiling of Hemp Seed Oil by Liquid Chromatography Coupled to High-Resolution Mass Spectrometry. Frontiers in Plant Medicine 10(120). DOI: 10.3389/fpls.2019.00120.

Acknowledgements:

The research discussed here was supported by the UNIHEMP research project “Use of iNdustrIal Hemp biomass for Energy and new biochemicals Production.” Partial support was also provided by the “Development of a cannabis based galencial preparation” FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA ANNO 2017.

Benedette Cuffari

Written by

Benedette Cuffari

After completing her Bachelor of Science in Toxicology with two minors in Spanish and Chemistry in 2016, Benedette continued her studies to complete her Master of Science in Toxicology in May of 2018. During graduate school, Benedette investigated the dermatotoxicity of mechlorethamine and bendamustine; two nitrogen mustard alkylating agents that are used in anticancer therapy.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Cuffari, Benedette. (2019, June 18). Non credi la canapa: Analisi di UHPLC dei petroli della canapa. News-Medical. Retrieved on May 09, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20190410/Dont-Believe-the-Hemp-UHPLC-Analysis-of-Hemp-Seed-Oils.aspx.

  • MLA

    Cuffari, Benedette. "Non credi la canapa: Analisi di UHPLC dei petroli della canapa". News-Medical. 09 May 2021. <https://www.news-medical.net/news/20190410/Dont-Believe-the-Hemp-UHPLC-Analysis-of-Hemp-Seed-Oils.aspx>.

  • Chicago

    Cuffari, Benedette. "Non credi la canapa: Analisi di UHPLC dei petroli della canapa". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20190410/Dont-Believe-the-Hemp-UHPLC-Analysis-of-Hemp-Seed-Oils.aspx. (accessed May 09, 2021).

  • Harvard

    Cuffari, Benedette. 2019. Non credi la canapa: Analisi di UHPLC dei petroli della canapa. News-Medical, viewed 09 May 2021, https://www.news-medical.net/news/20190410/Dont-Believe-the-Hemp-UHPLC-Analysis-of-Hemp-Seed-Oils.aspx.