Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ultra-alto-campo potente MRIs per rilevazione iniziale di malattia

L'approvazione diffusa di imaging a risonanza magnetica (MRI) ha rivoluzionato la medicina clinica e la rivoluzione non si è fermata. Gli scienziati ad un in un progetto fondato a UE stanno esaminando le modalità rendere MRIs ancor più efficace - mirando ad aiutare i pazienti ad ottenere il trattamento migliore con rilevazione iniziale di malattia.

Per tutti i sui meriti, la diagnostica per immagini di MRI ha limiti che possono ostacolare la diagnosi rapida ed efficace dei problemi sanitari in pazienti. Per esempio, basso campo del ` o (a bassa potenza') i prodotti tipici di MRIs hanno diminuito le risoluzioni di immagine spaziali e temporali che possono renderla duri affinchè i medici macchiassero le malattie di sviluppo.

Ultra-alto-campo il più intensi' MRIs del ` - o scanner che producono i campi magnetici - può creare le immagini più accurate e più utili. Ma il loro uso di ogni giorno rimane limitato, in parte perché usando i materiali convenzionali per produrre i più forti campi è un compito complesso, costoso e potenzialmente pericoloso. Per esempio, facendo uso di troppa potenza ha potuto surriscaldare i tessuti corporei scanditi, causare il danno cellulare.

Il progetto di M-CUBE mira a risolvere questo problema con l'uso dei metamaterials del `' in scanner di MRI. Metamaterials è materiali costruiti per avere beni artificiali che i materiali naturali non possono possedere. Per esempio, i metamaterials avanzati potrebbero contribuire a creare le lenti eccellenti del `' che fanno le immagini di piccolo o lontano gli oggetti che sono più marcati che mai prima di possibile.

La missione principale del progetto è di sviluppare una tecnologia metamaterial dell'antenna che permetterà che gli scienziati manipolino le onde elettromagnetiche a volontà mentre scandisce l'organismo di un paziente. Gli scanner saranno più potenti ma anche più sensibili, evitando il rischio di surriscaldamento affrontato da MRIs ad alta potenza convenzionale.

In pratica, tale tecnologia lo renderà più facile affinchè i medici utilizzi il alto-campo MRIs nelle loro cliniche con il potenziale di migliorare drammaticamente la salubrità paziente.

M-CUBE ha riunito un consorzio interdisciplinare di otto università, delle guide accademiche e di due imprese piccole-medie (PMI). I sui membri includono i fisici, medici e gli attori industriali tutto il lavoro insieme.

Le prove precliniche e cliniche con i volontari convalideranno i risultati dei M.-Cubi. La riuscita conclusione del progetto aprirà la strada per le diagnosi più accurate e la rilevazione più iniziale di malattia.