Gli scienziati identificano la risposta rara e paradossale alla terapia del antiretroviral

La terapia del Antiretroviral (ART) è solitamente molto efficace a sopprimere il HIV nell'organismo, permettendo che il sistema immunitario di una persona recuperi impedendo al virus di distruggere le celle di T di CD4+. Gli scienziati ora hanno identificato una risposta ad ARTE conosciuta come il declino immune estremo, o un EXID rara e paradossale. Cinque persone valutate all'istituto nazionale dell'allergia e delle malattie infettive (NIAID), parte degli istituti della sanità nazionali, hanno avvertito un declino significativo nei livelli a cellula T di CD4+ malgrado soppressione del HIV sotto i livelli rilevabili per più di tre anni, secondo un oggi online pubblicato rapporto nella comprensione di JCI. Il gruppo di ricerca piombo da Irini Sereti, M.D., capo della sezione della patogenesi del HIV nel laboratorio di NIAID di Immunoregulation ed Andrea Lisco, M.D., Ph.D.

I ricercatori di NIAID hanno trovato che i sistemi immunitari della gente con EXID sono andato anche peggio che quelli di un altro sottoinsieme delle persone definito come immunologico-non-radar-risponditore, o INRs, che risponde insufficientemente ai partecipanti di ART. INR che catturano coerente l'ARTE per quattro anni ha avuto conteggi a cellula T di CD4+ che sono aumentato in media da 193 celle per microliter (μL) di sangue. I partecipanti che hanno risposto normalmente ad ARTE hanno aumentato più di due volte il loro conteggio a cellula T di CD4+ da quell'importo. Al contrario, i cinque partecipanti con EXID hanno avvertito un declino medio di 157 CD4+ T cells/μL mentre coerente mantenevano la soppressione virale sull'art.

Secondo il gruppo di NIAID, non c'sembra essere causa di EXID fra le cinque persone studiate. Le loro analisi hanno rivelato che geni che influenzano l'attività e l'autoimmunità delle cellule immuni--il sistema immunitario che attacca il proprio tessuto sano di un organismo--può svolgere un ruolo. Specificamente, due delle persone con EXID hanno prodotto gli anticorpi che hanno attaccato le loro proprie celle di T, mentre due altri hanno avuti risposte immunitarie cellulari iperattive che piombo ad infiammazione aumentata. Tutti e cinque i partecipanti con EXID hanno avuti sforzi di HIV all'infuori del HIV del clade B (lo sforzo più comune che circola in America settentrionale ed Europa), indicante che determinate combinazioni di geni di una persona e lo sforzo di HIV possono essere associati con EXID. Mentre EXID è probabile una risposta estremamente rara ad ARTE, i ricercatori indicano che quello studiare questo fenomeno può più ulteriormente illuminare la ricostituzione a cellula T e l'infiammazione di CD4+ nella malattia di HIV e suggerire le strategie possibili del trattamento per INRs e le persone con EXID.

Sorgente: https://www.niaid.nih.gov/