L'inquinamento atmosferico aumenta il rischio per l'ospedalizzazione respiratoria fra i superstiti del cancro di infanzia

I giorni difficili di qualità dell'aria aumentano significativamente il rischio di ospedalizzazioni per le emissioni respiratorie in giovani superstiti di cancro, secondo gli studi intrapresi dai ricercatori all'istituto del Cancro del cacciatore (HCI) all'università di Utah (U di U) e pubblicato nel giornale internazionale di ricerca ambientale e di salute pubblica.

Migliori trattamenti--sviluppato con ricerca--hanno provocato un aumento drammatico nelle tariffe della sopravvivenza del cancro di infanzia; oggi, quasi 80 per cento dei bambini diagnosticati con cancro sopravvivranno alla loro malattia. Tuttavia, questi superstiti possono avvertire le emissioni di salubrità nocive a lungo termine relative al loro trattamento del cancro. In questo progetto, i ricercatori di HCI hanno cercato di capire meglio che cosa un ambiente inquinante significa per la salubrità dei superstiti del cancro che possono già essere ad un elevato rischio per la malattia a causa del tipo di trattamento del cancro che hanno ricevuto. Il gruppo ha esaminato le cartelle sanitarie dell'infanzia quasi 4.000, dell'adolescente e di giovani superstiti adulti del cancro diagnosticati o curati all'ospedale pediatrico primario fra 1986 e 2012. Hanno tenuto la carreggiata quando ed ogni quanto tempo quei superstiti hanno richiesto il trattamento del pronto soccorso o sono stati ammessi ad un ospedale nell'Utah dovuto la malattia respiratoria. Lo studio è stato diviso in tre gruppi: coloro che ha ricevuto la chemioterapia come componente del loro trattamento del cancro, coloro che non ha ricevuto la chemioterapia e un gruppo senza Cancro. I ricercatori hanno trovato che il rischio per l'ospedalizzazione respiratoria era significativamente più alto fra i superstiti che hanno ricevuto la chemioterapia confrontata al gruppo senza Cancro.

I ricercatori di HCI specificamente stavano esaminando che cosa è accaduto ai superstiti i giorni non sani dell'aria. Lo studio ha trovato che il rischio per le ospedalizzazioni fra i superstiti del cancro era significativo quando l'inquinamento atmosferico (PM2.5) era sotto lo standard per i gruppi sensibili (35,4 μg/m3), implicando che i livelli sotto quello standard protettivo potessero ancora contribuire ai problemi respiratori per i superstiti del cancro. Dei 3.819 superstiti nello studio, 185 hanno avuti complessivamente 335 eventi respiratori documentati nella loro cartella sanitaria. 91 per cento delle ospedalizzazioni e 75 per cento delle visite di pronto soccorso hanno avuto luogo lungo le contee della parte anteriore di Wasatch di Salt Lake, di Davis, dell'Utah e di Weber.

Ciò è il primo studio per riferire una connessione fra i livelli di PM 2,5 ed i superstiti del cancro di infanzia che richiedono il trattamento di emergenza o l'ospedalizzazione per le emissioni respiratorie. I superstiti dei cancri di infanzia possono avere più alta vulnerabilità agli alti livelli di PM2.5 a causa di immunosoppressione di danno ai polmoni e di potenziale derivando dal cancro e dal trattamento con la chemioterapia.

“Questo studio ha ampia applicazione ai superstiti del cancro nell'Utah come pure nazionale,„ ha detto il Ou di Judy, il PhD, un epidemiologo del cancro a HCI e l'autore principale sullo studio. “Ci sono circa 17 milione superstiti del cancro negli Stati Uniti e le statistiche mostrano circa 40 per cento delle vite della popolazione degli Stati Uniti nei posti che sono considerati inquinanti in certi periodi dell'anno. Questo studio fornisce informazioni apprezzate in comunità medica circa come l'inquinamento atmosferico pregiudica i giovani superstiti di cancro. Possiamo usare questo per informare le strategie per indirizzare questo rischio.„

Anne Kirchhoff, PhD, ricercatore del cancro di HCI e professore associato della pediatria a U di U, ha detto, “realmente non abbiamo pensato a come le esposizioni ambientali possono pregiudicare i bisogni di sanità ed i risultati a lungo termine di salubrità. Possiamo avere bisogno di di ripensare le linee guida, sia sulle notifiche di inquinamento atmosferico dalle agenzie come pure dalle linee guida che di salute pubblica stiamo dando i malati di cancro.„

Kirchhoff ed il Ou stanno funzionando per identificare le efficaci strategie per la divisione delle questi informazioni con gli avvocati di salubrità, le organizzazioni di qualità dell'aria e le famiglie influenzate dai cancri di infanzia. I ricercatori hanno collaborato con gli scienziati da altri dipartimenti all'università di Utah e di Brigham Young University su questo lavoro.

I ricercatori dicono che il database della popolazione dell'Utah era vitale alla loro ricerca. Sperano di usare la risorsa su un progetto di seguito che comprenderebbe una più grande dimensione del campione più ulteriormente per valutare i risultati di questo studio. Egualmente vorrebbero estendere lo studio alle popolazioni adulte del superstite del cancro. “Vorremmo capire gli effetti di inquinamento su un grande campione e potere fornire orientamento ai superstiti del cancro attraverso il paese,„ ha detto il Ou.

Sorgente: https://healthcare.utah.edu/huntsmancancerinstitute/news/2019/04/air-pollution-poses-risks-for-childhood-cancer-survivors.php