L'alta infanzia BMI si è associata con il rischio successivo di sviluppare i disturbi ipertensivi durante la gravidanza

Uno studio di quasi 50.000 donne in Danimarca, presentato al congresso europeo di quest'anno sull'obesità dentro a Glasgow, la Scozia (28 aprile - 1° maggio), rivela che quelli con il peso eccessivo o l'obesità nell'infanzia erano più probabili sviluppare i disturbi ipertensivi durante la gravidanza che le donne di peso normale nell'infanzia. Lo studio è dallo studente di Dorthe Corfitzen Pedersen, di PhD, dal centro per la ricerca clinica e dalla prevenzione a Bispebjerg ed all'ospedale di Frederiksberg Copenhaghen, in Danimarca e colleghi.

La configurazione di risultati su due osservazioni ben note: le donne con il peso eccessivo o l'obesità sono ai maggiori rischi di disturbi ipertensivi nella gravidanza che le donne con normale-peso; e l'adiposità in eccesso (peso eccessivo o obesità severo) richiede tempo svilupparsi. I disturbi ipertensivi nella gravidanza sono di interesse particolare poiché possono mettere in pericolo le vite sia della madre che del suo feto.

Per queste analisi che gli autori hanno usato i dati su 49.615 ragazze dalle cartelle mediche del banco di Copenhaghen registri, sopportato dal 1930-1996 (ed ora di 23-90 anni). Le misure annuali del peso e di altezza sono state raccolte dalle età 7-13 anni.

I ricercatori hanno definito il peso eccessivo e l'obesità alle età 7 e 13 anni secondo l'indice di massa corporea internazionale della forza convenzionale dell'obesità ha tagliato i offs (BMI? 17,69 kg/m2 all'età 7 anni e 22,49 kg/m2 all'età 13 anni). Facendo uso dei registri nazionali, hanno identificato le ragazze che più successivamente sono diventato incinte e coloro che ha sviluppato l'ipertensione gestazionale o il preeclampsia dal 1978-2017. Le donne sono state incluse nello studio se fossero nella classe d'età di 18-45 anni e dessero alla luce ad un singolo bambino nella loro prima nascita registrata.

Dopo la stima dei rapporti di probabilità (OR) per l'associazione fra l'infanzia BMI ed i disturbi ipertensivi durante la gravidanza, facendo uso di una tecnica statistica chiamata regressione logistica a più variabili, il gruppo ha trovato quello rispetto alle ragazze anormale-peso, quelle con il peso eccessivo alle età 7 o 13 anni erano sensibilmente più probabili sviluppare l'ipertensione gestazionale (rischio aumentato: 1,9 e 2,0 volte, rispettivamente) e preeclampsia (rischi aumentato 1,6 e 2,3 volte, rispettivamente) quando regolato per l'età materna alla consegna ed al gruppo materno di nascita (tutti i risultati erano statisticamente significativi).

Nell'osservare i reticoli di cambiamento in BMI, le ragazze con il peso eccessivo 13 anni soltanto o sia 7 che 13 anni erano due volte intorno probabili sviluppare l'ipertensione gestazionale ed il preeclampsia durante la gravidanza che le ragazze con normale-peso ad entrambe le età.

Il gruppo conclude: “Un'alta infanzia BMI alle età 7 e 13 anni in ragazze è stata associata significativamente con il rischio successivo di sviluppare l'ipertensione gestazionale ed il preeclampsia durante la gravidanza. Questi risultati indicano che gli sforzi preventivi puntati su aiutando le ragazze raggiungono un peso normale durante questi anni possono avvantaggiare sia la loro propria salubrità che la salubrità dei bambini che possono avere in futuro.„

Sorgente: https://easo.org/