Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori usano il protossido d'azoto per disfare la funzione rapida dei meccanismi dell'antideprimente

La ketamina è comunemente usata nella medicina di emergenza come droga anestetica. Più successivamente è stato scoperto per avere effetti rapida-agenti dell'antideprimente, ma i meccanismi da cui la ketamina allevia la depressione sono ancora sconosciuti.

La ketamina, tuttavia, non può essere la sola droga che ha effetti rapidi dell'antideprimente. Un piccolo test clinico pubblicato nel 2015 suggerisce che un altro protossido d'azoto anestetico e (“gas esilarante„), produca i simili effetti in un sottoinsieme dei pazienti.

Professore associato Tomi Rantamäki ed il suo gruppo all'università di Helsinki, Finlandia, recentemente dimostrata che il protossido d'azoto facilita l'attivazione della corteccia del cervello durante l'amministrazione del gas in roditori. Dopo questo, l'attività lenta di elettroencefalogramma nella corteccia aumenta ed i meccanismi molecolari, connessi con gli effetti rapidi dell'antideprimente, sono regolamentati.

Un simile fenomeno di elettroencefalogramma di rimbalzo precedentemente è stato associato con la ketamina come pure con elettroshockterapia (ECT). Ora i ricercatori hanno connesso queste onde cerebrali, tipiche di sonno profondo, con le vie neurotrophic di segnalazione conosciute per essere importanti per gli atti dell'antideprimente della ketamina.

Questi risultati propongono che la componente di memoria nel miglioramento rapido della depressione possa contare sui cambiamenti omeostatici intrinsechi avviati all'interno del cervello in risposta alla sfida farmacologica dalle droghe come la ketamina o il protossido d'azoto e la sua versione consecutiva dopo gli effetti si è logorata.

“Come il lancio della roccia in uno stagno tranquillo, l'impatto della pietra sulla superficie dell'acqua fissa gli eventi nel moto, ma le onde successive durano a lungo. Pensiamo che queste onde possano essere ugualmente importanti come l'impatto iniziale,„ diciamo lo studente di laurea Samuel Kohtala.

Le indagini sulle funzionalità comuni di questi trattamenti possono fornire le opportunità degli scienziati di sviluppare le misure per verificare e controllare l'efficacia degli antideprimente rapida-agenti.

“La mia impressione è che il sonno ed i sui meccanismi sono alla memoria degli effetti rapidi dell'antideprimente. Il ruolo di sonno non è stato studiato che molto questo contesto in pluridisciplinare„, conclude Rantamäki, di cui il gruppo ora fa parte egualmente del programma di ricerca di SleepWell alla facoltà di medicina, università di Helsinki. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30288695