Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Come le proteine in membrana esterna dei batteri attaccano a e popolano nel corpo umano

La scoperta, pubblicata oggi nelle comunicazioni della natura dei ricercatori dall'università di Trobe della La e dall'università di Queensland, fornisce i dati dettagliati su come le proteine nella membrana esterna dei batteri - “la supercolla„ dei batteri - possono attaccare e popolare le parti del corpo umano.

Questi nuove informazioni aprono la strada per lo sviluppo dei trattamenti innovatori per impedire e la maturazione delle infezioni, in che cosa potrebbe essere un passo avanti significativo per il nuovo sviluppo antimicrobico.

Lo studio messo a fuoco su UpaB - la proteina di supercolla di un agente patogeno conosciuto per causare le infezioni di apparato urinario presso 50 per cento delle donne all'interno della loro vita.

Le simili proteine sono trovate nella membrana esterna di altri agenti patogeni responsabili delle infezioni che variano dall'intossicazione alimentare pericolosa alla pertosse, alla meningite, alla febbre di tifo ed alla clamidia.

Piombo il ricercatore all'università di Trobe della La, il Dott. Begoña Heras, che avuto detto che lo studio fornisce la scienza fondamentale senza precedenti che potrebbe informare le soluzioni future alla crisi di salubrità del mondo nella resistenza a antibiotici.

“La conoscenza che ora abbiamo su questa proteina dei batteri ci dà la capacità di bloccare i batteri che attaccano alle parti differenti del corpo umano,„ ha detto il Dott. Heras.

“La resistenza a antibiotici è un problema urgente e globale e questi informazioni ci danno un'opportunità importante di sviluppare i nuovi trattamenti antimicrobici. Naturalmente, questo è il punto seguente per questa ricerca.„

Il Dott. Jason Paxman del ricercatore di Trobe della La ha aggiunto che c'è un retro a queste proteine batteriche in quanto potrebbero essere sfruttati per sempre.

“C'è niente come queste proteine batteriche nella medicina moderna; i batteri hanno avuti migliaia di anni per sviluppare queste proteine adesive,„ il Dott. Paxman hanno spiegato.

“Questi risultati potrebbero dare le nuove possibilità come consegna delle terapie mirate a alle parti del corpo umano, in grado di anche aiutare nella lotta contro cancro giù la riga.„