La tassa BRITANNICA dello zucchero può ` non essere la maggior parte di efficace tattica' per l'obesità di infanzia

Un nuovo studio ha concluso che i bambini che consumano le bevande zucchero-zuccherate sono non di più probabili avere un più alto indice di massa corporea (BMI) che i bambini che non fanno. Ciò è contrariamente alla ricerca precedente che suggerisce che i bambini che preferiscono le bibite per innaffiare siano ad un elevato rischio dell'obesità. I ricercatori suggeriscono che “la tassa dello zucchero„ BRITANNICA sulle bevande zuccherate sia improbabile da avere un impatto sulle tariffe dell'obesità di infanzia.

Lo studio è stato effettuato da un gruppo dei ricercatori dall'università di Nottingham ed è stato presentato al congresso europeo sull'obesità a Glasgow.

I bambini che consumano le bevande zucchero-zuccherate sono non di più probabili avere un più alto indice di massa corporea che i bambini che non fanno.La Carolina Steinke Xavier | Shutterstock

Le informazioni sono state analizzate da un'indagine nazionalmente rappresentativa compreso 1.298 bambini dal Regno Unito invecchiato 4-10 anni fra 2008 e 2016. Ogni anno, i genitori dei bambini hanno inviato un diario di quattro giorni dell'alimento, che ha compreso l'ingestione dietetica dei bambini ed il quante bibite zuccherate hanno consumato come pure la loro altezza e peso.

In generale, i ricercatori hanno trovato che 61 per cento dei bambini inclusi nell'indagine ha consumato almeno una bibita zucchero-zuccherata durante il periodo di quattro giorni di indagine.

La maggior parte dei bambini consumano più dei livelli aggiunti raccomandati dello zucchero

L'assunzione degli zuccheri aggiunti ha chiamato lo zucchero estrinseco senza latte (NMES) da alimento e le bevande sono risultate superiori ai livelli raccomandati in 78 per cento dei bambini.

NMES è un tipo di zucchero o il carboidrato, quello si aggiunge ai succhi della confetteria, del miele e di frutta, tra l'altro. Non include gli zuccheri che siano trovati naturalmente in frutta e 50 per cento dei prodotti a base di frutta secchi ed inscatolati.

È stimato che i bambini e gli adolescenti banco-vecchi consumino tre volte più dei livelli raccomandati di NMES nel Regno Unito ogni giorno.

In questo studio, NMES dalle bibite, le bevande di frutta e le bevande di energia sono stati trovati per essere la più grande sorgente dello zucchero nelle diete dei bambini, con 11 al 18enni che consuma una media di 336mL un il giorno.

Una tassa su zucchero

È a causa di questa alta assunzione dello zucchero dalle bibite che il prelievo dell'industria delle bibite è stato introdotto in atto ad aprile di 2018 nel Regno Unito. Conosciuto comunemente come la tassa dello zucchero del `', 50 per cento dei produttori delle bibite hanno diminuito il tenore di zucchero delle loro bevande per evitare pagare il prelievo che costituirà un fondo per gli sport e le iniziative sane degli allievi nella formazione, che si pensa che sollevasse intorno a £240 milione per annum.

In Inghilterra da solo, un terzo dei bambini è obeso o di peso eccessivo quando lasciano la scuola primaria e 80 per cento di questi bambini rimarranno obesi nell'età adulta.

Il mp della salamoia di Steve del ministro di salute pubblica ha detto che “i nostri adolescenti consumano ogni anno in media quasi una vasca delle bevande zuccherate.„

Segretario di Ministero delle Finanze al mp di Robert Jenrick di Ministero del Tesoro ha detto: “Il prelievo delle bibite è una parte della nostra pianificazione per affrontare l'obesità di infanzia.„

Il ` di tassa dello zucchero non ha potuto essere la tattica più efficace'

Tuttavia, l'autore principale di nuova università di studio Anabtawi ole di Nottingham non ritiene che le tattiche come il prelievo delle bibite non potrebbero essere abbastanza per combattere l'obesità di infanzia.

l'Alto-assunzione degli zuccheri aggiunti direttamente non è stata correlata con il consumo dell'alta energia,„ Anabtawi ha detto. “Di conseguenza, contare su un approccio della unico sostanza nutriente ad affrontare l'obesità di infanzia sotto forma di tassa della bibita non ha potuto essere la tattica più efficace.„

Nel confrontare i bambini che hanno bevuto le bibite zuccherate con coloro che non ha fatto, è stato trovato che il consumo di zuccheri aggiunti dalla dieta era sopra gli importi raccomandati in 688 su 1071 bambino.

Malgrado questo, 78 per cento dei bambini non stavano consumando più delle calorie raccomandate per la loro età. Inoltre, nessuna differenza è stata veduta fra i generi, le età e per di più, BMI, in bambini che hanno consumato le bibite confrontate a coloro che non ha fatto.

Anabtawi ha spiegato: “I nostri risultati indicano che bere le bevande zucchero-zuccherate non è un comportamento particolare ai bambini con un più alto peso corporeo.

“Al contrario, la riduzione d'inquadramento dello zucchero dell'affrontare l'obesità ha potuto rinforzare gli stereotipi negativi intorno ad essere a dieta non sano del `'.

“Invece, le polizze dovrebbero mettere a fuoco su quei bambini di cui il consumo di bevande zucchero-zuccherate aumenta sostanzialmente la loro assunzione dello zucchero aggiunta totale congiuntamente ad altri interventi di salute pubblica.„

La ricerca più profonda nella relazione fra i comportamenti, il peso ed altri risultati aumenterebbe l'efficacia degli interventi di salute pubblica e diminuirebbe l'avvenimento delle conseguenze non intenzionali come colpevolezza dell'alimento e cibo limitato.„

C'erano limitazioni allo studio di Anabtawi, compreso quello che lo studio non ha considerato i livelli di attività fisica che potessero alterare i sui risultati.

L'assunzione dello zucchero è emissione di un complesso del `'

Il Dott. Katarina Kos dall'università di Exeter ritiene che gli effetti del consumo in eccesso dello zucchero nell'infanzia non possano presentarsi fino all'età adulta e mentre tale mette in guardia contro usando i risultati di questo nuovo studio per condonare l'alta assunzione delle bibite zuccherate.

“Lo studio non dovrebbe essere veduto come riassicurazione che possiamo rilassarci circa zucchero-zuccherato beviamo, ma mentre gli autori egualmente dicono, evidenzia la complessità [] dell'ambiente. Bambini che si esercitano più di meno di hanno usato per avere bisogno di meno calorie e di meno energia, qualunque la sorgente,„ il Dott. Kos ha spiegato.

Lois Zoppi

Written by

Lois Zoppi

Lois is a freelance copywriter based in the UK. She graduated from the University of Sussex with a BA in Media Practice, having specialized in screenwriting. She maintains a focus on anxiety disorders and depression and aims to explore other areas of mental health including dissociative disorders such as maladaptive daydreaming.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Zoppi, Lois. (2019, April 30). La tassa BRITANNICA dello zucchero può ` non essere la maggior parte di efficace tattica' per l'obesità di infanzia. News-Medical. Retrieved on November 11, 2019 from https://www.news-medical.net/news/20190430/UK-Sugar-Tax-may-e28098not-be-most-effective-tactice28099-for-childhood-obesity.aspx.

  • MLA

    Zoppi, Lois. "La tassa BRITANNICA dello zucchero può ` non essere la maggior parte di efficace tattica' per l'obesità di infanzia". News-Medical. 11 November 2019. <https://www.news-medical.net/news/20190430/UK-Sugar-Tax-may-e28098not-be-most-effective-tactice28099-for-childhood-obesity.aspx>.

  • Chicago

    Zoppi, Lois. "La tassa BRITANNICA dello zucchero può ` non essere la maggior parte di efficace tattica' per l'obesità di infanzia". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20190430/UK-Sugar-Tax-may-e28098not-be-most-effective-tactice28099-for-childhood-obesity.aspx. (accessed November 11, 2019).

  • Harvard

    Zoppi, Lois. 2019. La tassa BRITANNICA dello zucchero può ` non essere la maggior parte di efficace tattica' per l'obesità di infanzia. News-Medical, viewed 11 November 2019, https://www.news-medical.net/news/20190430/UK-Sugar-Tax-may-e28098not-be-most-effective-tactice28099-for-childhood-obesity.aspx.