Lo studio mostra il vantaggio significativo della mortalità con CABG sopra intervento coronario percutaneo

L'esclusione di arteria coronaria che innesta (CABG) la chirurgia può essere la migliore opzione del trattamento per la maggior parte dei pazienti con più di un'arteria bloccata del cuore, secondo la ricerca pubblicata oggi negli annali di ambulatorio toracico, pubblicati da Elsevier.

“I nostri dati dimostrano un vantaggio significativo della mortalità con CABG sopra intervento coronario percutaneo (PCI) e questo vantaggio è coerente attraverso virtualmente tutti i gruppi pazienti importanti, suggerenti che CABG dovrebbe essere considerato in più vaste popolazioni pazienti, non appena nei casi dei pazienti con il diabete ed ha lasciato la disfunzione ventricolare, che è che cosa è praticato comunemente,„ ha detto l'autore principale Suresh R. Mulukutla, MD, dall'università di centro medico di Pittsburgh (UPMC) in Pensilvania, PA, U.S.A.

Il Dott. Mulukutla e colleghi ha esaminato i dati da due registrazioni cliniche importanti di risultati per la società dei pazienti- del cuore del database nazionale toracico dei chirurghi (STS) e l'istituto universitario americano della registrazione cardiovascolare nazionale di dati delle fondamenta della cardiologia (NCDR). I ricercatori hanno identificato i pazienti con la coronaropatia del multivessel che ha subito CABG o il PCI fra 2010 e 2018 a UPMC. Coloro che ha risposto ai criteri di eleggibilità sono stati separati in due gruppi-CABG e PCI-ogni 844 pazienti d'inclusione. Le analisi hanno messo a fuoco sui risultati per la mortalità, la riammissione ed il maggiore.

I ricercatori hanno trovato che la mortalità di un anno stimata per i pazienti nel gruppo di CABG era 7,2 per cento, rispetto a 11,5 per cento il gruppo del PCI. Il gruppo di CABG egualmente ha sperimentato più a basso rischio di riammissione dell'ospedale (28,1 per cento contro 38,4 per cento) e di maggiore (1,0 per cento contro 6,7 per cento) che il gruppo del PCI.

“Un punto importante nello studio è il fuoco sull'era corrente di maggiore con gli stents più attualmente disponibili,„ ha detto il Dott. Mulukutla. “Questa ricerca è realmente un moderno, esperienza “nell'ambiente„. Mentre i test clinici ripartiti con scelta casuale sono chiaramente importanti, le analisi nell'ambiente anche possono essere molto istruttive perché forniscono le comprensioni su come stiamo prendendo le decisioni cliniche. Per esempio, l'ultimo parecchi anni ha veduto uno spostamento verso più PCI sopra CABG. Mentre ci possono essere ragioni valide per questa, il nostro dato-che mostrano CABG che supera il PCI in quasi ogni paziente gruppo-deve spingerci più ulteriormente per discutere tutte opzioni.„

Il PCI, citato spesso come angioplastia, è una procedura nonsurgical che utilizza un catetere collocato in un'arteria nell'inguine o un braccio sottile e flessibile. Un pallone sull'estremità del catetere è posizionato nell'arteria coronaria limitata ed è gonfiato per aprire il bloccaggio. Uno stent è un tubo della maglia metallica che è lasciato per contribuire a tenere l'arteria dallo sprofondare. Le droghe fissate alla guida dello stent impediscono l'organismo la reazione allo stent e la interruzione dell'arteria ancora.

CABG, l'operazione di cuore il più comunemente realizzata negli Stati Uniti, è destinato per oltrepassare i bloccaggi nelle arterie coronarie per creare un nuovo percorso per flusso sanguigno al cuore. Il chirurgo elimina un vaso sanguigno sano, solitamente dal cosciotto, braccio, torace, o addome e lo connette alle altre arterie (solitamente l'aorta) nel cuore. Ciò permette al flusso sanguigno “all'esclusione„ o gira intorno alla parte malata o bloccata dell'arteria coronaria.

La decisione fra chirurgia a cuore aperto ed il PCI per il trattamento dei pazienti con le arterie limitate multiple non è sempre diretta, secondo il Dott. Mulukutla. Quindi, queste decisioni più complesse del trattamento dovrebbero essere prese con l'orientamento di un gruppo di cura del cuore.

“Sia l'ambulatorio cardiaco che stenting hanno ruoli fra i pazienti con la coronaropatia,„ ha detto il Dott. Mulukutla. “A causa di questo, è importante da riflettere con attenzione con l'aiuto di un gruppo del cuore. Il gruppo può assicurarsi che un approccio pluridisciplinare sia usato quando raccomandazioni d'offerta ai pazienti ed a assisterli nel prendere le decisioni informate.„

Un gruppo di cura del cuore include generalmente i chirurghi ed i cardiologi cardiothoracic. Altri fornitori di cure mediche quali i medici di pronto intervento, gli assistenti del medico, i professionisti dell'infermiere, gli specialisti della rappresentazione e gli anestesisti anche possono fa parte del gruppo. Questo approccio fa leva la competenza di questi fornitori avanzati di pratica in uno sforzo per migliorare il risparmio di temi e per avanzare la qualità dell'assistenza per i pazienti.

Con maggiore, l'input del gruppo del cuore è spesso limitato perché il PCI può essere completato ai tempi della procedura diagnostica di un paziente. Quando questo accade, i medici non hanno l'opportunità di discutere la gamma di opzioni possibili del trattamento. Di conseguenza, l'uso pratico e coerente del gruppo del cuore per processo decisionale nel trattamento dei pazienti con le coronaropatie complesse sta mancando di, il Dott. Mulukutla ha spiegato.

“Stiamo lavorando per facilitare meglio un approccio di gruppo del cuore e sormontare alcune delle limitazioni date l'infrastruttura corrente di come queste decisioni sono prese,„ ha detto il Dott. Mulukutla. “Egualmente stiamo continuando ad identificare le popolazioni pazienti specifiche che possono trarre giovamento da CABG o dal PCI in modo che possiamo migliore avvocato per i nostri pazienti.„