Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio di genomica rivela cinque geni collegati alla resistenza del trattamento nel carcinoma della prostata

Un nuovo studio di genomica ha trovato che gli uomini sono tre volte più probabili da morire da carcinoma della prostata se possiedono le mutazioni il retinoblastoma 1 gene (RB1). I ricercatori egualmente hanno trovato che gli uomini con la mutazione erano sette volte più probabili da ricadere che gli uomini senza la mutazione.

Lo studio, che è stato pubblicato maggio 2019 negli atti del giornale dell'Accademia nazionale delle scienze degli Stati Uniti d'America (PNAS), è il più grande del suo genere.

Un nuovo studio di genomica ha trovato che gli uomini sono tre volte più probabili da morire da carcinoma della prostata se possiedono le mutazioni il retinoblastoma 1 gene (RB1).Giovanni Cancemi | Shutterstock

Lo studio “realmente convinto sotto il cofano di carcinoma della prostata per capire il motore del `' che determina crescita del tumore e per esplorare come una vasta gamma di geni pregiudicano la malattia e la sua risposta al trattamento„ ha detto il professor Johann de Bono, uno degli autori dello studio.

“Abbiamo identificato una mutazione genetica particolare che sembra indicare che i tumori stiano andando essere molto aggressivi e che il bisogno commovente degli uomini il trattamento più intensivo noi ha a disposizione.„

“La nostra ricerca potrebbe anche aprire i vari nuovi approcci al trattamento di carcinoma della prostata ed offre il suggerimento intrigante che alcuni pazienti potrebbero trarre giovamento da immunoterapia accanto ad una droga di cancro al seno attuale,„ de Bono ha spiegato.

Il ` RB1 ha avuto la più forte associazione con risultato difficile'

Il gene di retinoblastoma, anche chiamato il gene RB1, è responsabile della fabbricazione della proteina chiamata proteina di retinoblastoma (pRB). La proteina di retinoblastoma è un soppressore del tumore, che il mezzo regolamenta la crescita delle cellule ed inibisce la capacità delle cellule di dividersi troppo rapidamente o troppo spesso.

L'altro pRB di funzioni comprende l'interazione con altre proteine per influenzare la sopravvivenza delle celle come pure apoptosis (morte organizzata delle cellule) e differenziazione (il trattamento di maturazione da una cellula staminale ad una cella matura e funzionale nell'organismo).

Una serie di cancri sono stati associati con i cambiamenti genetici (mutazioni) nel gene RB1. Retinoblastoma, un tipo raro di cancro dell'occhio veduto spesso nella prima infanzia, il cancro di vescica, il cancro polmonare ed in alcuni casi il cancro di osso e dell'interfaccia sono appena alcune delle circostanze connesse con le mutazioni nel gene RB1.

Relativamente a carcinoma della prostata, i nuovi stati di studio:

Il paesaggio genomica di carcinoma della prostata castrazione-resistente metastatico (mCRPC) è stato ben definito, ma l'associazione dei risultati genomica con i risultati clinici pazienti […] rimane capito male.

Di tutti i fattori che molecolari abbiamo esaminato, alterazioni in RB1 ha avuto la più forte associazione con risultato difficile.„

Lo studio ha usato 429 pazienti che avevano subito una biopsia. Con alcuni pazienti che hanno biopsie multiple, 444 prostata, il linfonodo, l'osso, il fegato ed i campioni della biopsia polmonare sono stati usati per l'intero-exome ordinamento. 332 tumori egualmente sono stati usati per l'ordinamento del RNA.

L'ordinamento Intero-exome e l'ordinamento del RNA sono due trattamenti che sono usati per individuare rispettivamente le variazioni genetiche in DNA e la quantità di RNA (un acido che porta le istruzioni a DNA gestire la creazione delle proteine).

È stato trovato che ERG, ETV1, TP53, PTEN e RB1 erano i geni “alterati il più comunemente„ nei casi avanzati del carcinoma della prostata.

Tuttavia, i cambiamenti nei geni di BRCA1, di BRCA2 e di BANCOMAT non sono stati associati con i cambiamenti nei pazienti di tempo stati necessari per essere sulla terapia dell'inibitore di segnalazione del ricevitore (ARSI) dell'androgeno o sulla loro sopravvivenza globale.

Le mutazioni nel gene di SPOP sono state trovate per avere associazioni con i pazienti che hanno bisogno del trattamento di ARSI per i periodi più lunghi, ma nessun vantaggio di sopravvivenza è stato trovato.

I cambiamenti nei geni AR e TP53 del gene del ricevitore dell'androgeno sono stati collegati ai più brevi tempi di terapia di ARSI, ma ancora non hanno avuti associazioni con i tassi di sopravvivenza globali.

Alcune mutazioni “co-stavano accadendo o reciprocamente - esclusiva„

L'esclusività reciproca è stata trovata fra i cambiamenti in geni nella famiglia di ETS e fra i cambiamenti in ERG, lo SPOP, o FOXA1, “che rappresentano i sottoinsiemi genomica distinti di carcinoma della prostata.„ l'Co-avvenimento cambia in geni CDK12, CDK4 e CCND1 egualmente sono stati collegati ad attività immune possibile contro i tumori.

Egualmente abbiamo confermato l'co-avvenimento fra le alterazioni in TP53 e RB1, conosciuto per accadere ad alta frequenza nei cancri neuroendocrini ed a comportamento confer aggressivo nei modelli del carcinoma della prostata.„

Le scoperte fatte da questo studio suggeriscono che i test clinici con un inibitore CDK4/6, che è utilizzato in determinati trattamenti di cancro al seno, possano essere efficaci nel carcinoma della prostata una volta usati congiuntamente ad immunoterapia.

Lo studio conclude che RB1, in particolare, è il fattore molecolare collegato ai risultati clinici più difficili e sollecita che la più ricerca deve essere effettuata nella resistenza alla terapia causata dalla perdita della proteina di retinoblastoma e nelle nuove terapie che possono mirare a questa perdita.

Source:

Abida, W., et al. (2019) Genomic correlates of clinical outcome in advanced prostate cancer. PNAS. doi.org/10.1073/pnas.1902651116.

Lois Zoppi

Written by

Lois Zoppi

Lois is a freelance copywriter based in the UK. She graduated from the University of Sussex with a BA in Media Practice, having specialized in screenwriting. She maintains a focus on anxiety disorders and depression and aims to explore other areas of mental health including dissociative disorders such as maladaptive daydreaming.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Zoppi, Lois. (2019, June 18). Lo studio di genomica rivela cinque geni collegati alla resistenza del trattamento nel carcinoma della prostata. News-Medical. Retrieved on September 16, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20190508/Genomics-study-reveals-five-genes-linked-to-treatment-resistance-in-prostate-cancer-patients.aspx.

  • MLA

    Zoppi, Lois. "Lo studio di genomica rivela cinque geni collegati alla resistenza del trattamento nel carcinoma della prostata". News-Medical. 16 September 2021. <https://www.news-medical.net/news/20190508/Genomics-study-reveals-five-genes-linked-to-treatment-resistance-in-prostate-cancer-patients.aspx>.

  • Chicago

    Zoppi, Lois. "Lo studio di genomica rivela cinque geni collegati alla resistenza del trattamento nel carcinoma della prostata". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20190508/Genomics-study-reveals-five-genes-linked-to-treatment-resistance-in-prostate-cancer-patients.aspx. (accessed September 16, 2021).

  • Harvard

    Zoppi, Lois. 2019. Lo studio di genomica rivela cinque geni collegati alla resistenza del trattamento nel carcinoma della prostata. News-Medical, viewed 16 September 2021, https://www.news-medical.net/news/20190508/Genomics-study-reveals-five-genes-linked-to-treatment-resistance-in-prostate-cancer-patients.aspx.