Impatto differenziale dei criteri appropriati di uso sul collegamento fra l'età e SPECT anormale MPI

Nella questione attuale del volume cardiovascolare 4 di applicazioni e delle innovazioni, emissione 1, pp. 63- 69(7); DOI https://doi.org/10.15212/CVIA.2019.0005, Saurabh Malhotra, MD, MPH, FACC, FASNC e Rami Doukky, MD, MSc, FACC, FASNC, FASE, dalla divisione della cardiologia, salubrità della contea di Cook, Chicago, l'IL, U.S.A. e la divisione della cardiologia, Rush University, Chicago, IL U.S.A. considerano gli impatti differenziali dei criteri appropriati di uso sull'associazione fra l'età e l'aspersione del miocardio SPECT di sforzo anormale.

Il valore diagnostico e prognostico dei criteri appropriati di uso (AUC) per la coronaropatia (CAD) è affermato. Se il rendimento diagnostico di AUC per la predizione del cad è conservato fra gli anziani non è conosciuto. L'età è un forte preannunciatore indipendente della rappresentazione del miocardio di aspersione del unico fotone (SPECT) di tomografia computerizzata anormale dell'emissione (MPI) e dell'ischemia del miocardio viscoelastica. Il valore dell'età nella predizione dello SPECT anormale MPI è mantenuto attraverso le categorie di convenienza della prova di MPI. La prova appropriata identifica una maggior prevalenza di MPI anormale durante i più giovani di 60 anni dei pazienti, sebbene non fornisca così distinzione diagnostica fra i pazienti anziani. Il ricorso prudente a AUC si consiglia quando si sta considerando i pazienti anziani per MPI.

Sorgente: http://cvia-journal.org/