Lo studio finlandese trova l'elevato rischio di PTSD in bambini con il padre immigrato

I bambini sopportati in Finlandia che ha avuta un padre immigrato erano due volte più probabili da essere diagnosticato con PTSD che quelli con due genitori finlandesi, ricercatori scoperti dal centro di ricerca per psichiatria infantile all'università di Turku in Finlandia. I ricercatori sollecitano che i banchi ed i clinici dovrebbero diventare più coscienti della trasmissione tra generazioni del trauma.

Il disordine post - traumatico di sforzo (PTSD) è a trauma-e disordine in relazione con il fattore di sforzo che accade quando una persona è esposta a tutti gli eventi traumatici. Le persone con PTSD sviluppano i sintomi come rivivono degli eventi, evitano gli stimoli, le alterazioni negative nella cognizione e negli atteggiamenti e il iper-risveglio.

- In questo studio basato sulla popolazione abbiamo indicato che se i padri dei bambini avessero migrato meno di cinque anni prima della nascita del loro bambino, il rischio per la diagnosi di PTSD in bambini era quasi duplice, diciamo il candidato di laurea Sanju Silwal dal centro di ricerca per psichiatria infantile che è l'autore principale del documento.

Elevato rischio del trauma di Transgenerational in famiglie con lo sfondo a nord africano o del Medio-Oriente

Lo studio ha indicato che il rischio per la diagnosi di PTSD era due volte più su fra i bambini con i padri immigrati sopportati nell'Africa del Nord o in Medio Oriente.

- L'individuazione è probabile essere collegata con il fatto che gli immigrati da quella parte del mondo stanno entrando spesso nella Finlandia come rifugiati. L'intero trattamento dell'immigrazione per loro può essere un'esperienza traumatica mentre comprende solitamente le varie esperienze di carico durante lo scatto ed anche dopo l'arrivo al paese ospitante, può richiedere gli anni prima della ricezione della decisione dell'asilo, Silwal dice.

Secondo Silwal, è importante notare che lo studio ha compreso un gruppo eterogeneo di immigrati ed i rifugiati non potrebbero essere distinti da altri che migrino in Finlandia per lo studio, lavorano, o basato sui legami di famiglia.

Professore di psichiatria infantile, il Dott. Andre Sourander dall'università di Turku dice che sta aumentando la prova della trasmissione tra generazioni del trauma fra i superstiti, i veterani ed i rifugiati di olocausto.

- Inoltre, il trauma parentale ha potuto alterare le capacità di parenting e la relazione del collegamento con i loro bambini ed aumentare il rischio di eventi traumatici nella famiglia, stati del Dott. Sourander.

Sourander piombo il gruppo di ricerca prenatale finlandese di studi che mette a fuoco ampiamente sui fattori di rischio della famiglia durante e dopo la gravidanza che sono associati con l'infanzia chiave psichiatrica ed i disordini di apprendimento.

I risultati promuovono l'identificazione in anticipo

Secondo Silwal, i risultati sono significativi per sia pratica clinica che la ricerca.

- Se lasciato gli eventi non trattati e traumatici può aumentare il rischio per altri disordini psichiatrici e causare l'inabilità seria e la malattia cronica quali la depressione e le malattie cardiovascolari, nota.

I risultati possono avanzare l'identificazione in anticipo dei problemi ed alleggerire così il loro trattamento.

- È importante che i clinici che curano i genitori immigrati traumatizzati sono informati della trasmissione possibile di trauma nei loro bambini. I banchi ed i clinici devono prestare più attenzione per capire i contesti culturali ed i problemi comportamentistici dei bambini immigrati, a cui l'esposizione di trauma può urtare.

- Con la popolazione immigrata aumentante in Europa, studi su PTSD fra la seconda generazione che gli immigrati sono di grande importanza, lei continua.

Lo studio basato sui registri ha incluso tutti e 3.639 i bambini sopportati in Finlandia fra 1987-2012 e diagnosticati con PTSD.