I ricercatori sviluppano al il modello basato a cella del gambo per studiare l'elasticità e la vulnerabilità del neurone nel ALS

I ricercatori a Karolinska Institutet in Svezia hanno sviluppato ad un modello basato a cella del gambo per studiare l'elasticità e la vulnerabilità dei neuroni nel ALS neurodegenerative di malattia. I risultati sono pubblicati nei rapporti della cellula staminale del giornale e possono aiutare nell'identificazione di nuovi obiettivi genetici per i trattamenti che proteggono i neuroni sensibili.

La sclerosi laterale amiotrofica, ALS, è una malattia interna senza l'efficace trattamento o maturazione. La malattia è caratterizzata da una perdita di neuroni che gestiscono i muscoli volontari, conosciuta come i motoneuroni. Ciò causa l'atrofia, la debolezza e finalmente la paralisi del muscolo.

Tuttavia, alcuni gruppi di motoneuroni sono altamente resilienti e possono sopravvivere a tutte le fasi della malattia. Questi includono i neuroni che gestiscono i nostri movimenti di occhio, i neuroni oculomotori. Esattamente perché questi motoneuroni possono resistere alla malattia è corrente sconosciuta.

I neuroni oculomotori sono pochi, hanno trovato nel tronco encefalico e sono difficili da studiare in esseri umani ed in animali. Per più a fondo studiare le differenze nella sensibilità fra i motoneuroni differenti, sarebbe così vantaggioso se le cellule staminali coltivate potessero essere usate.

Un tale modello basato della cellula staminale di elasticità del neurone nel ALS ora è stato sviluppato dai ricercatori a Karolinska Institutet.

“Questo sistema della coltura cellulare può contribuire ad identificare i nuovi geni che contribuiscono all'elasticità in neuroni oculomotori che potrebbero essere utilizzati nella terapia genica per rinforzare i motoneuroni sensibili,„ spiega Eva Hedlund, docente al dipartimento della neuroscienza a Karolinska Institutet, che piombo lo studio.

Le configurazioni del lavoro sopra i ricercatori di KI che riescono a generare i neuroni oculomotori dalle cellule staminali embrionali coltivate. Ciò è stata raggiunta overexpressing il fattore di trascrizione PHOX2A, che è necessario per la formazione di neuroni oculomotori durante lo sviluppo di un embrione. Eseguendo le varie analisi delle celle e dalle similarità con i loro equivalenti nei mouse e negli esseri umani, i ricercatori concludono che le celle generate sono effettivamente neuroni oculomotori.

I ricercatori indicano che questi neuroni resilienti generati dalle cellule staminali attivano un segnale dimiglioramento conosciuto come Akt e che questo segnale egualmente è attivato in neuroni oculomotori in esseri umani.

Un modello robusto per ulteriori studi

I neuroni oculomotori che sono stati generati in laboratorio egualmente sono sembrato più resilienti a degenerazione ALS del tipo di una volta confrontati ai motoneuroni del midollo spinale - qualcosa che inoltre fosse veduto in esseri umani.

“Tutto considerato, questo indica che abbiamo creato un modello robusto per lo studio dei meccanismi per elasticità e la vulnerabilità del neurone nel ALS,„ dice l'autore principale Ilary Allodi, che ha lavorato con lo studio come postdoc nel gruppo di ricerca di Eva Hedlund.

Sorgente: https://ki.se/en/news/stem-cells-provide-information-about-neuron-resilience-in-als