UNC ed i partner ricevono il finanziamento di NIH per identificare il vaccino di clamidia

La clamidia è sessualmente - l'infezione trasmessa batterica più prevalente (STI) nel mondo. Non c'è vaccino per impedire l'infezione. Tuttavia, i ricercatori dall'università di North Carolina a Chapel Hill, in società con i colleghi ad altri siti negli Stati Uniti, Europa e l'Australia, riceveranno fino a $10,7 milioni in cinque anni dagli istituti della sanità nazionali (NIH) per muoversi più vicino ad identificare un candidato vaccino.

“La clamidia può causare la sterilità ed il dolore pelvico cronico in donne e l'infezione è stata collegata ad un rischio aumentato per cancro ovarico,„ ha detto il ricercatore principale Toni Darville, M.D., capo della divisione di UNC delle malattie infettive pediatriche, presidenza vice della ricerca pediatrica e un professore distinto della pediatria, della microbiologia e dell'immunologia alla scuola di medicina di UNC. “La clamidia è asintomatica in 90 per cento degli uomini e delle donne, piombo estremamente ai tassi alti di infezione. La gente non sa che sono infettate, che è perché un vaccino impedire l'infezione è così importante. Le donne sviluppano l'infezione cronica silenziosa e poi presente con la sterilità.„

L'istituto nazionale Del NIH dell'allergia e delle malattie infettive (NIAID) ha assegnato quattro U19 CRCs, o i centri di ricerca cooperativi, costituenti un fondo per sviluppare i vaccini per clamidia, la sifilide e la gonorrea. Darville piombo lo STI vaccino CRC di iniziativa di clamidia di UNC. Mentre all'università di Pittsburgh, il suo gruppo ha ricevuto il finanziamento da NIAID per studiare la risposta a cellula T contro clamidia in donne, o TRAC, progetto. Poiché la clamidia moltiplica le cellule ospiti interne in un vacuolo protettivo, una risposta a cellula T robusta è essenziale per la protezione. Questo nuovo premio supporterà TRAC2, che è il primo dei tre progetti che principali questo nuovo CRC studierà.

Nel primo di questi tre progetti, Darville ed i colleghi all'università di Pittsburgh più ulteriormente studieranno gli antigeni che vaccino del candidato hanno identificato nel progetto precedente di TRAC. L'università di Pittsburgh servirà da memoria clinica, iscrivente 150 donne ad ad alto rischio di infezioni da clamidia in uno studio longitudinale. Tutte le donne saranno esaminate a questo STI e saranno curate con un antibiotico per annullare l'infezione. Poi saranno seguiti a quattro punti di volta durante l'anno prossimo per controllare per vedere se c'è reinfezione. I loro campioni saranno inviati ad UNC per ulteriore prova a cellula T dell'antigene. I collaboratori al centro tedesco di ricerca sul cancro a Heidelberg esamineranno le risposte dell'anticorpo delle donne.

“Gli animali e la gente possono sviluppare l'immunità parziale o completa a clamidia dopo che prolungato o infezione ripetuta,„ Darville ha detto. “Ma molta gente possono essere infettati continuamente, particolarmente se il loro partner non sta ottenendo trattato. Stiamo provando a determinare le risposte specifiche dell'anticorpo e della cellula T e gli antigeni riconosciuti dalle celle immuni delle donne che limitano l'infezione alla loro cervice e di coloro che rimane non infetto in un anno malgrado il rischio sessuale dell'esposizione. Questi informazioni informeranno gli antigeni e gli adiuvanti per sviluppo del vaccino. Un vaccino preventivo notevolmente avvantaggierebbe le donne che soffrono l'urto della malattia dovuto questo agente patogeno. Gli uomini soffrono raramente gli effetti negativi dell'infezione all'infuori della trasmissione ai loro partner.„

Il secondo progetto è di esaminare i candidati vaccino di clamidia nei modelli animali. Darville ed i partner proveranno gli antigeni che precedentemente hanno trovato per essere riconosciuti dalle cellule T delle donne ed altri antigeni identificati con TRAC2 facendo uso dei vettori e del nanoemulsion virali. Lo scopo è di vedere quali antigeni e quali metodo della consegna suscita la migliore risposta protettiva contro clamidia in mouse e nei modelli della cavia. Questo secondo progetto comporterà i partner ad UNC; Biologics blu del salice a Ann Arbor, Michigan; Università di Oxford in Inghilterra; e università tecnologica del Queensland in Australia.

Il terzo progetto mira a determinare i biomarcatori non invadenti che predicono il rischio di infezione genitale superiore del tratto in donne acutamente infettate come pure gli indicatori che predicono il rischio di infezione ripetuta. Tali biomarcatori hanno potuto svolgere un ruolo in via di sviluppo lo sviluppo del vaccino identificando le donne molto probabilmente per trarre giovamento dalla vaccinazione ed hanno potuto anche servire da punti finali sostitutivi di efficacia vaccino nei test clinici futuri. I partner coinvolgere in questo progetto comprendono i colleghi ad UNC ed il N.C. State University.

Oltre a piombo l'iniziativa vaccino CRC di clamidia, i ricercatori di UNC sono i sotto-destinatari di due dei tre di NIAID l'altro vaccino CRCs di STI, compreso un progetto per identificare un candidato vaccino della sifilide con i partner all'università di Connecticut e un progetto per identificare un candidato vaccino gonorrheal con i partner all'università in uniforme di servizi di scienze di salubrità a Bethesda.

Sorgente: https://globalhealth.unc.edu/2019/05/unc-partners-receive-10-7-million-research-chlamydia-vaccine/