Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il vaccino ad emissione lenta del HIV mostra la promessa nelle prove precliniche

Un nuovo vaccino ad emissione lenta è stato indicato per amplificare la risposta del sistema immunitario al virus del HIV. Gli scienziati hanno scoperto che quella amministrare un vaccino del HIV a piccole dosi durante i giorni ha provocato le più forti risposte immunitarie confrontate ad un d'una sola dose del vaccino.

Un nuovo vaccino ad emissione lenta del HIV è stato indicato per amplificare la risposta del sistema immunitario al virus.Marko Aliaksandr | Shutterstock

Lo studio è stato pubblicato nella cella nel maggio 2019 e nei fuochi sull'ottimizzazione del modo in cui le celle immuni lavorano insieme per eliminare gli agenti patogeni.

I linfociti B sono un tipo di globulo bianco che produce gli anticorpi nel midollo osseo. Durante lo sviluppo, queste celle si muovono verso le aree dei linfonodi chiamati centri germinali. I linfociti B che producono gli anticorpi capaci dell'associazione all'agente patogeno del HIV sono selezionati dalle celle di assistente follicolari (TFH) di T e dai più forti linfociti B quindi continuano sopra a passare con ulteriori mutazioni, prova e gli anticorpi che producono sono raffinati.

È come addestramento fisico - cominciate debole e poi continuate ritornare a palestra per rafforzarti. Il centro germinale è la palestra ed i linfociti B devono ritornare ripetutamente per subire i giri della selezione per migliorare l'associazione.„

Kimberly Cirelli, primo autore

Una volta affrontati al HIV, i linfociti B producono gli anticorpi che legano alle parti specifiche del virus che avviano l'infezione. Tuttavia, questo riesce soltanto per un breve periodo di tempo, poichè il virus subisce una mutazione ancora una volta e diventa inosservabile alle celle immuni.

'Un anticorpo largamente di neutralizzazione per il HIV'

Shane Crotty, PhD, la guida di questo nuovo studio e un professore nella divisione della scoperta vaccino a LJI hanno detto che “la vasta maggioranza„ degli anticorpi lega al posto sbagliato sul virus del HIV, rendente li “inutili.„

Un documento separato pubblicato negli esami immunologici nel 2017 ha spiegato che gli avanzamenti nella ricerca vaccino del HIV “sono derivato dall'indagine sulle risposte dell'anticorpo in persone affette da HIV facendo uso degli strumenti che sono stati progettati […] identifichi i linfociti B antigene-specifici rari da cui [anticorpi largamente di neutralizzazione] può essere generato„,

Ma questo nuovo studio comincia spiegando che “le strategie convenzionali di immunizzazione probabilmente saranno insufficienti per lo sviluppo di un vaccino largamente di neutralizzazione (bnAb) dell'anticorpo per il HIV o altri agenti patogeni difficili a causa delle transenne immunologiche posate, compresi il immunodominance del linfocita B e la quantità e (GC) qualità concentrare germinali.„

Per combattere questa emissione, Crotty ed il suo gruppo di ricerca hanno confrontato tre strategie vaccino per studiare se determinate strategie di dosaggio avrebbero neutralizzato meglio la produzione dell'anticorpo.

Lo studio è stato effettuato in collaborazione con i ricercatori al centro di ricerca nazionale del primate di Yerkes ed i resi sono stati reputati il migliore modello animale per studiare come il sistema immunitario umano reagisce al virus del HIV.

La prima strategia ha compreso un vaccino tradizionale che è stato consegnato in una dose. Il secondo ha utilizzato strategia di una pompa osmotica del `', che ha consistito di un innesto che ha amministrato più lentamente la dose completa. La terza strategia ha usato una dose crescente, in cui i modelli della scimmia erano dosi parziali amministrate ogni altro giorno nel corso dei 12 giorni.

Bella cosa del ` A'

Crotty ha descritto la risposta immunitaria al vaccino tradizionale come “pessimo„, ma le due strategie più lente della versione hanno provocato le più alte quantità di anticorpi che erano egualmente di migliore qualità.

“Era una bella cosa da ottenere di vedere che cosa stava accadendo col passare del tempo nei linfonodi,„ Crotty ha detto.

“Questo documento dimostra la potenza dell'approccio,„ ha aggiunto, come il documento dimostra che non può essere il vaccino stesso che deve essere cambiato per migliorare la sua efficacia.

Se cambiate il modo il sistema immunitario vede le proteine virali, realmente può fare una differenza drammatica.„

I metodi pratici per la consegna clinica del vaccino del HIV facendo uso di questa strategia ad emissione lenta è il punto seguente necessario nell'avanzamento della questa ricerca intrigante.

Cirelli, che è egualmente un membro del centro di ricerca di Scripps per l'immunologia di HIV/AIDs e la scoperta vaccino dell'immunogeno (Scripps CHAVI-ID), ha detto che possono avere bisogno di “pensano che più esterno la casella per sviluppare i vaccini contro duro--neutralizzasse gli agenti patogeni, compreso il HIV.„

Un itinerario possibile potrebbe essere di contenere il vaccino in capsule degradabili che saranno più facili affinchè i pazienti catturassero che le dosi multiple o per mezzo delle pompe osmotiche.

Sources:

Moir, S. & Fauci, A. S. (2017). B cell responses to HIV infection. Immunol Rev. doi.org/10.1111%2Fimr.12502.

Cirelli, K. M., et al. (2019). Slow Delivery Immunization Enhances HIV Neutralizing Antibody and Germinal Center Responses via Modulation of Immunodominance. Cell. doi.org/10.1016/j.cell.2019.04.012.

Lois Zoppi

Written by

Lois Zoppi

Lois is a freelance copywriter based in the UK. She graduated from the University of Sussex with a BA in Media Practice, having specialized in screenwriting. She maintains a focus on anxiety disorders and depression and aims to explore other areas of mental health including dissociative disorders such as maladaptive daydreaming.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Zoppi, Lois. (2019, June 19). Il vaccino ad emissione lenta del HIV mostra la promessa nelle prove precliniche. News-Medical. Retrieved on August 13, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20190510/Slow-release-HIV-vaccine-shows-promise-in-preclinical-trials.aspx.

  • MLA

    Zoppi, Lois. "Il vaccino ad emissione lenta del HIV mostra la promessa nelle prove precliniche". News-Medical. 13 August 2020. <https://www.news-medical.net/news/20190510/Slow-release-HIV-vaccine-shows-promise-in-preclinical-trials.aspx>.

  • Chicago

    Zoppi, Lois. "Il vaccino ad emissione lenta del HIV mostra la promessa nelle prove precliniche". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20190510/Slow-release-HIV-vaccine-shows-promise-in-preclinical-trials.aspx. (accessed August 13, 2020).

  • Harvard

    Zoppi, Lois. 2019. Il vaccino ad emissione lenta del HIV mostra la promessa nelle prove precliniche. News-Medical, viewed 13 August 2020, https://www.news-medical.net/news/20190510/Slow-release-HIV-vaccine-shows-promise-in-preclinical-trials.aspx.