I ricercatori identificano la molecola importante di segnalazione nella biologia del linfoma di Hodgkin

Sebbene il linfoma di Hodgkin classico sia generalmente facilmente oggi trattabile, molti aspetti della malattia ancora rimangono un mistero. Un gruppo al centro massimo di Delbrück piombo dal professor Claus Scheidereit ora ha identificato una molecola importante di segnalazione nella biologia di questo linfoma: PIÙ LEGGERO DELL'ARIA. Aiuta il cancro per svilupparsi senza impedimenti - per esempio, attivando i geni per i leganti immuni del controllo che proteggono le celle del tumore dal sistema di difesa incorporato dell'organismo.

Il linfoma di Hodgkin è un cancro che si sviluppa nel sistema linfatico ed è accompagnato dal gonfiore dei linfonodi e di altri sintomi quale febbre, notte suda e perdita di peso. È caratterizzato dalla presenza di celle di cosiddetto Hodgkin e di grandi celle multinucleated di Reed-Sternberg. Una funzionalità insolita di questo modulo di linfoma è che soltanto una piccola proporzione della massa tumorale si compone delle celle maligne. Il gonfiamento dei linfonodi è più dovuto il fatto che le celle di Hodgkin spediscono le molecole di segnalazione che attirano i linfociti e li permettono di migrare nei linfonodi.

Oggi, le tariffe di ripristino per i pazienti con il linfoma di Hodgkin sono buone: Più di 90 per cento dei pazienti con il linfoma di Hodgkin localizzato e più di 80 per cento dei pazienti con il linfoma di Hodgkin avanzato possono essere essiccati. “Dato, tuttavia, che la malattia pregiudica molti giovani con una lunga vita davanti loro dopo il completamento del trattamento, la chemioterapia - il modulo standard del trattamento per la malattia - può risultare essere problematico,„ dice il professor Claus Scheidereit, testa del gruppo di ricerca su trasduzione del segnale in celle del tumore al MDC. La chemioterapia può danneggiare durevole il tessuto sano, piombo agli effetti recenti compresi cuore ed affezione polmonare, perturbazioni ormonali, la sterilità e tumori secondari. “Quindi dobbiamo sviluppare i nuovi approcci terapeutici che la guida impedisce tali problemi,„ diciamo Scheidereit.

N-F-KB permanentemente situato nel nucleo delle cellule tumorali

Il ricercatore ed il suo gruppo stanno lavorando molto attentamente con il gruppo di ricerca del professor Stephan Mathas del MDC e il Charité - il Universitätsmedizin Berlino come pure con altri gruppi di ricerca del MDC, per studiare molto attentamente i meccanismi che contribuiscono allo sviluppo del linfoma di Hodgkin. “Abbiamo saputo a lungo che il N-F-KB svolge un ruolo centrale nella malattia,„ diciamo Scheidereit. Ciò è un fattore di trascrizione che amplifica l'attività di determinati geni. È situata solitamente nel citoplasma delle cellule e soltanto temporaneamente migra nel nucleo una volta richiesta. Qui, gestisce l'espressione genica e ritorna al citoplasma una volta che il suo lavoro è fatto. In celle di Hodgkin, tuttavia, il N-F-KB permanentemente sarà posizionato nel nucleo delle cellule ed influenza l'attività di gene in tal modo che, invece di subire la morte programmata delle cellule, le celle proliferano le molecole della versione ed incontrollate di segnalazione che attirano i linfociti nei linfonodi malati. “Finora, tuttavia, parzialmente abbiamo capito soltanto perché il N-F-KB rimane nei nuclei delle celle di Hodgkin,„ spieghiamo il ricercatore del MDC.

Per capire meglio questo meccanismo, il gruppo degli scienziati ha effettuato le prove sulle colture cellulari per vedere quale delle molecole prodotte dalle celle di Hodgkin attivi il N-F-KB. I risultati delle loro prove sono stati pubblicati nel sangue del giornale scientifico. “Abbiamo identificato un singolo fattore che è secernuto dalle celle di Hodgkin ed attiviamo il N-F-KB: una molecola di segnalazione ha chiamato l'lymphotoxin-alfa, o PIÙ LEGGERO DELL'ARIA in breve,„ dice il Dott. Eva Kärgel, un assistente di ricerca nel gruppo di Scheidereit che co-ha creato lo studio. Un'analisi dei dati dai campioni di tessuto di linfonodo ha confermato che i linfonodi di Hodgkin producono una quantità significativa di PIÙ LEGGERO DELL'ARIA. “Potevamo egualmente mostrare quello, vice versa, inibire PIÙ LEGGERO DELL'ARIA ha bloccato l'attività di N-F-KB in celle di Hodgkin,„ dice Kärgel.

Un obiettivo per le nuove strategie di trattamento?

Con l'aiuto delle analisi di espressione genica, il gruppo di Scheidereit degli scienziati poteva provare che giochi PIÙ LEGGERO DELL'ARIA un ruolo centrale in celle di Hodgkin: Non solo attiva il N-F-KB, ma egualmente avvia la versione di varie molecole di segnalazione che contribuiscono alla migrazione dei linfociti nei linfonodi e creano un microenvironment favorevole per le cellule tumorali. Egualmente assicura che le cellule tumorali esprimano i cosiddetti leganti immuni del controllo, che li proteggono dagli attacchi dal sistema immunitario.

C'è una ragione per cui PIÙ LEGGERO DELL'ARIA è così attivo in celle di Hodgkin: “Abbiamo scoperto che i upregulates PIÙ LEGGERO DELL'ARIA stesso attraverso un ciclo di feedback positivo,„ spiega Scheidereit. Un regolatore chiamato A20 può mettere i freni su questo ciclo. Ma è subito una mutazione spesso nel linfoma di Hodgkin, che lo induce a perdere la sua funzione come meccanismo di controllo.

Con PIÙ LEGGERO DELL'ARIA, gli scienziati del MDC hanno identificato un giocatore importante nella progressione di malattia del linfoma di Hodgkin, come Scheidereit sottolinea: “Il nostro lavoro suggerisce che PIÙ LEGGERO DELL'ARIA potrebbe essere un buon obiettivo per la differenziazione delle strategie attuali del trattamento per il linfoma di Hodgkin.„