Il danno vascolare indotto da radiazioni ha potuto essere trattato con gli inibitori IL-1

La radioterapia contro cancro può aumentare molto più successivamente il rischio di malattia cardiovascolare nella vita, poichè la radiazione causa l'infiammazione cronica dei vasi sanguigni esposti. In un nuovo studio pubblicato nel giornale europeo del cuore, i ricercatori da Karolinska Institutet in Svezia hanno indicato che queste infiammazioni possono essere trattate con gli inibitori IL-1.

Il danneggiamento del tessuto sano è uno dei fattori limitante più importanti quando tratta il cancro con la radioterapia. Gli studi precedenti hanno indicato che la radiazione cambia l'espressione genica dei vasi sanguigni esposti a radiazione e piombo ad infiammazione duratura. Ora, i ricercatori a Karolinska Institutet hanno indicato che gli inibitori della sostanza Interlukin-1 (IL-1) di segnalazione possono diminuire l'infiammazione.

Come hanno fatto lo studio

Abbiamo studiato i vasi sanguigni profondi dei pazienti che precedentemente erano stati curati con la radioterapia ed abbiamo trovato l'infiammazione cronica collegata ad attività IL-1. Questi risultati sono stati applicati in un modello animale, in cui il trattamento con gli inibitori IL-1 potrebbe diminuire l'infiammazione. I mouse che erano stati trattati con la radioterapia seguita da due settimane del trattamento con il anakinra dell'inibitore IL-1 video un'infiammazione diminuita nei vasi sanguigni commoventi.„

Martin Halle, medico senior all'ospedale universitario di Karolinska e ricercatore senior al dipartimento di medicina e di ambulatorio molecolari, Karolinska Institutet, che piombo lo studio

Tuttavia, gli studi sperimentali sono complicati poichè i sintomi clinici non presentano in pazienti fino a parecchi anni dopo la radioterapia. Per esaminare le alterazioni a lungo termine, i ricercatori hanno usato il Biobank dei tessuti irradiati a Karolinska (BiRKa) che contiene sia vasi sanguigni irradiati che non irradiati raccolti dallo stesso paziente alla stessa occasione durante la microchirurgia ricostruttiva dopo cancro.

Facendo uso della tecnologia di microarray, un'analisi di espressione genica dei campioni dal biobank è stata condotta, suggerente il trattamento potenziale facendo uso degli inibitori IL-1. Le prove poi sono state condotte in mouse con aterosclerosi di cui il cuore ed arterie carotiche era stato trattato con la radioterapia localizzata.

I problemi aumentati con il danno vascolare hanno causato tramite radiazione

Il problema di danno vascolare causato tramite radiazione sta aumentando mentre più gente continua a sopravvivere al cancro. Oltre al rischio aumentato di malattia cardiovascolare, c'è egualmente un maggior rischio di complicazioni chirurgiche. I vasi sanguigni che sono stati esposti a radiazione sono a complicazioni vascolari più inclini che il normale. Ciò complica la ricostruzione con il trasferimento libero del tessuto del tessuto sano nella parte del corpo influenzata da cancro.

Non tutti i pazienti hanno trattato con radiazione soffrono, ma i nostri risultati piombo noi verso la terapia possibile per il gruppo influenzato da vasculite indotta da radiazioni. Lo studio può anche aumentare la comprensione dell'altro danno di tessuto imbarcazione imbarcazione in questo gruppo crescente di superstiti del cancro.„

Martin Halle

Sorgente:
Karolinska Institutet

Riferimento del giornale:

Halle, 2019) prevenzioni del M. et al. (da di infiammazione arteriosa indotta da radioterapia dal blocco interleukin-1. Giornale europeo del cuore. doi.org/10.1093/eurheartj/ehz206