Indennità-malattia dalla sostituzione della carne rossa e trasformata con il pesce

Il danese medio trarrà un'indennità-malattia dalla sostituzione la parte del rosso e della carne trasformata nella loro dieta con il pesce, secondo i calcoli dall'istituto nazionale dell'alimento, università tecnica di Danimarca. Gli uomini oltre 50 e le donne dell'età di gravidanza in particolare trarrebbero giovamento da un tal cambiamento nella dieta.

In uno studio di PhD all'istituto nazionale dell'alimento, Sofie Theresa Thomsen ha messo a punto un metodo per calcolare l'impatto totale di salubrità di sostituzione dell'un alimento con un altro nella dieta. Il metodo è stato usato per valutare l'impatto di salubrità che sarebbe raggiunto sostituendo la carne rossa e trasformata con il pesce, in modo dagli sbracci dell'assunzione l'assunzione settimanale raccomandata di 350 grammi di pesce.

Il pesce è una sorgente importante degli acidi grassi sani e della vitamina D, ma può anche contenere le sostanze potenzialmente nocive quale metilmercurio. La carne rossa e trasformata contribuisce all'assunzione di grasso saturato nella dieta danese ed è associata con lo sviluppo dei tipi differenti di cancri, ma la carne rossa è egualmente una sorgente importante per esempio di ferro dietetico. Sostituendo la carne rossa e trasformata con il pesce nella dieta danese può quindi avere un impatto di salubrità sulle sanità.

Sette mila anni sani di vita da guadagnare annualmente

le valutazioni del Rischio-vantaggio pesano sugli effetti sulla salute benefici ed avversi stimando quanta anni sani di vita una popolazione guadagna a causa dei miglioramenti di salubrità, o perdono dovuto qualità di vita diminuita o morendo presto di quanto preveduto.

Ciò è esattamente che cosa Sofie Theresa Thomsen ha fatto nei suoi calcoli.

Indicano che la popolazione danese complessivamente può guadagnare annualmente fino a 7.000 anni sani di vita, se tutti i danesi adulti mangiano il pesce nelle quantità raccomandate mentre allo stesso tempo diminuiscono la loro assunzione della carne. Questo preventivo riguarda tra l'altro la prevenzione di circa 170 morti dalla coronaropatia all'anno.„

Sofie Theresa Thomsen

Tuttavia, l'indennità-malattia dipende dal tipo di gente del pesce messa sulle loro lastre grosse come pure l'età ed il sesso delle persone di cui la dieta sta alteranda.

Vada piano sullo sgombro

La più notevole indennità-malattia viene dal cibo soltanto il pesce grasso (quali l'aringa e lo sgombro) o della miscela del pesce grasso e magro (quali la passera di mare ed il pollock), mentre un più piccolo guadagno di salubrità è raggiunto mangiando soltanto il pesce magro. Ciò è perché il pesce grasso contiene i più grandi importi degli acidi grassi utili.

D'altra parte, i calcoli mostrano una perdita significativa di salubrità se lo sgombro è il solo tipo di pesce nella dieta, perché lo sgombro è sia basso in acidi grassi utili che può avere alte concentrazioni di metilmercurio. La perdita di salubrità è calcolata come particolarmente su fra le donne dell'età di gravidanza, poichè l'assunzione del pesce con un'alta concentrazione di metilmercurio può danneggiare lo sviluppo del cervello dei bambini futuri.

Ancora, lo studio indica che è possibile diminuire la percentuale di danesi che hanno significativamente un'assunzione insufficiente della vitamina D sostituendo alcuna del rosso e della carne trasformata con una miscela del pesce grasso e magro. Lo studio egualmente precisa che la percentuale di danesi con un'assunzione insufficiente di ferro dietetico non aumenterà malgrado l'assunzione abbassata della carne.

Più grande effetto fra gli uomini oltre 50 e le donne di gravidanza

Lo studio mostra le grandi variazioni nell'impatto globale di salubrità quando il rosso e la carne trasformata conduce al pesce. Ognuno sopra l'età di 50 ma gli uomini in particolare-come buoni poichè le donne dell'età di gravidanza raccoglieranno le più notevoli indennità-malattia dal cibo settimanale dei 350 grammi di pesce, di cui 200 grammi sono pesce grasso.

Per gli uomini, questo è perché il gruppo complessivamente è all'elevato rischio che altri gruppi della popolazione di malattia cardiovascolare di sviluppo. Il rischio è diminuito sostituendo la parte della carne rossa con il pesce che contiene gli acidi grassi, che possono impedire la malattia cardiovascolare.

“In donne dell'età di gravidanza l'indennità-malattia è particolarmente grande perché l'assunzione del pesce che contiene gli oli di pesce sani non solo avvantaggierà le donne stesse. I beni dipromozione del pesce egualmente avranno un effetto benefico nello sviluppo dei loro feti, che è considerato nei calcoli globali,„ Sofie Theresa che Thomsen spiega.

Utile quando strategie di intervento sviluppate e consiglio dietetico

I metodi messi a punto nello studio di PhD sono utili per esempio quando esamina gli effetti sulla salute di vari interventi destinati per promuovere le abitudini alimentari sane o quando emana le linee guida dietetiche ufficiali.

Sorgente:

Università tecnica di Danimarca

Riferimento del giornale:

Thomsen, approccio probabilistico di S.T. et al. (2019) A per la valutazione del rischio-vantaggio delle sostituzioni dell'alimento: Uno studio finalizzato sulla sostituzione della carne dal pesce. Tossicologia del prodotto chimico e dell'alimento.  doi.org/10.1016/j.fct.2019.02.018