Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Gli adulti più anziani che giocano regolarmente i puzzle di numero e di parola hanno cervelli più marcati

Adulti più anziani che partecipano regolarmente alla parola e puzzle di numero ha cervelli più marcati, secondo il più grande studio online fin qui.

Gli adulti hanno invecchiato più regolarmente 50 e sopra i puzzle giocati quali le parole incrociate e Sudoku, il migliore la loro funzione del cervello, secondo la ricerca in più di 19.000 partecipanti, piombo dall'università di College Londra di re e di Exeter.

I risultati emergono da due documenti collegati pubblicati oggi (16 maggio) nel giornale internazionale della psichiatria geriatrica. I ricercatori precedentemente hanno presentato i loro risultati sui puzzle di parola alla conferenza internazionale dell'associazione del Alzheimer nel 2018. Le nuove configurazioni della ricerca su questi risultati ed egualmente riferisce lo stesso effetto nella gente che completa regolarmente i puzzle di numero.

I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti allo studio di PROTEZIONE, il più grande gruppo online in adulti più anziani, di riferire quanto frequentemente si impegnano nei puzzle di numero e di parola ed intraprendono una serie di prove conoscitive sensibili ai cambiamenti di misurazione nella funzione del cervello. Hanno trovato che i partecipanti si sono impegnati più regolarmente con i puzzle, meglio eseguissero sulle mansioni che valutano l'attenzione, il ragionamento e la memoria.

Dai loro risultati, i ricercatori calcolano quella gente che si impegnano nei puzzle di parola hanno funzione del cervello equivalente dieci anni a più giovane della loro età, sulle prove che valutano il ragionamento grammaticale ed otto gli anni più giovani della loro età sulle prove che misurano la memoria a breve termine.

Il Dott. Anne Corbett, dell'università di facoltà di medicina di Exeter, che piombo la ricerca, ha detto:

Abbiamo trovato che la gente si impegna più regolarmente con i puzzle quali le parole incrociate e Sudoku, più marcata la loro prestazione è attraverso un intervallo delle mansioni che valutano la memoria, l'attenzione ed il ragionamento. I miglioramenti sono particolarmente chiari nella velocità e nell'accuratezza della loro prestazione. In alcune aree il miglioramento era abbastanza drammatico - sulle misure della risoluzione di problemi, la gente che fa regolarmente l'equivalente eseguito questi puzzle ad una media di otto anni più giovane confrontato a coloro che non fa. Non possiamo dire che quello giocare questi puzzle necessariamente diminuisce il rischio di demenza nella vita più tarda ma i risultati precedenti di sostegni di questa ricerca che indicano l'uso regolare delle guide di puzzle di numero e di parola tengono i nostri cervelli lavorare meglio per più lungamente.„

I partecipanti usati studio alla piattaforma online di PROTEZIONE, all'esecuzione dall'università di Exeter ed a re College Londra. Corrente, più di 22.000 genti in buona salute invecchiate fra 50 e 96 sono registrate nello studio e lo studio sta espandendosi in altri paesi compreso Hong Kong e gli Stati Uniti. La piattaforma online permette ai ricercatori di intraprendere e coordinare gli studi su grande scala senza l'esigenza delle visite del laboratorio. PROTECT è uno studio di 25 anni con i partecipanti che sono continuati annualmente per esplorare come il cervello invecchia e che cosa potrebbe influenzare più successivamente il rischio di demenza nella vita. PROTECT è costituita un fondo per dall'istituto nazionale per la ricerca di salubrità (NIHR) Bioresource, includente attraverso la sua rete clinica della ricerca di NIHR (CRN). Oltre alla partecipazione alla ricerca vitale, i partecipanti allo studio di PROTEZIONE hanno accesso ad un programma di formazione del cervello che già è stato indicato alla funzione del cervello del vantaggio come pure avendo l'opportunità di partecipare alla nuova ricerca emozionante studia nella prevenzione di salubrità e di demenza del cervello.

Clive Ballard, professore delle malattie relative all'età all'università di facoltà di medicina di Exeter, ha detto:

PROTECT sta risultando essere una delle iniziative della ricerca più emozionanti di questa decade, permettendo che noi capiamo più circa come le età del cervello ed intraprendiamo i nuovi studi di avanguardia in come possiamo diminuire il rischio di demenza nella gente attraverso il Regno Unito. Se siete invecchiato 50 o più, potreste firmare su per partecipare alla ricerca che ci aiuterà tutti a mantenere i cervelli sani mentre invecchiamo.„