La proteina recentemente scoperta di batterio-uccisione sull'epidermide richiede la vitamina A di lavorare

La gente che ha vitamina A insufficiente nelle loro diete è più suscettibile dell'infezione dell'interfaccia, eppure come quella vitamina pregiudica immunità dell'interfaccia è stata poco chiara. In uno studio pubblicato oggi, i ricercatori sudoccidentali di UT fanno un certo indicatore luminoso su quel mistero identificando una proteina precedentemente sconosciuta di batterio-uccisione sull'epidermide che richiede la vitamina di lavorare.

I ricercatori hanno trovato che una proteina nella famiglia del tipo di resistin (RELM) della molecola - RELMα - funge da antibiotico per uccidere rapido i batteri. Sia RELMα, che è fatto dai mouse che la proteina umana corrispondente della famiglia di RELM, chiamata resistin, sono stimolati da vitamina A dietetica.

RELMα è il primo esempio di una proteina antimicrobica che richiede la vitamina A dietetica per la sua attività batterica di uccisione. Ciò che trova ci dà una bugna importante circa come l'interfaccia si difende contro l'infezione e come la difesa dell'interfaccia è regolamentata dalla dieta.„

Dott. Lora Hooper, presidenza dell'autore di corrispondenza e di immunologia sullo studio pubblicato nel host & nel microbo delle cellule

Vitamina A sintetica di uso dei dermatologi, chiamata retinoid, per trattare acne, psoriasi ed altri stati di interfaccia, sebbene come lavoro di quelle droghe lungamente è stato un mistero.

L'interfaccia è il più grande organo del corpo umano ed è incaricata con la difesa noi contro l'infezione.„

Dott. Tamia Harris-Tryon, assistente universitario di dermatologia e di immunologia

“Se il sistema immunitario dell'interfaccia riparte, l'infezione risulta. Peli le infezioni, dai batteri quale lo streptococco, sia fra le ragioni che più comuni la gente viene al pronto soccorso,„ Dott. aggiunto Harris-Tryon, uno medico-scienziato che ha completato l'addestramento postdottorale nel laboratorio di Hooper.

Il Dott. Hooper è ben noto per la sua ricerca sul commensal o “sui buoni„ batteri che abitano nell'intestino - dove aiuta nel controllo di infezione e di digestione.

Gli esperimenti del gruppo in tessuto e mouse umani illuminano un collegamento precedentemente incompreso fra la dieta e l'immunità innata dell'interfaccia, suggerenti perché i derivati della vitamina A sono gli efficaci trattamenti per la malattia della pelle, hanno detto il Dott. Hooper, un ricercatore di Howard Hughes Medical Institute che è egualmente un professore di UTSW dell'immunologia e della microbiologia con una nomina supplementare nel centro per la genetica della difesa ospite. Il Dott. Hooper tiene il Jonathan W. Uhr, M.D. Distinguished Chair in immunologia ed è Nancy Caino e Jeffrey A. Marcus Scholar nella ricerca medica, in onore del Dott. Bill S. Vowell.

Oltre ad identificare la funzionalità unica di RELMα - il suo requisito di vitamina A dietetica uccidere i batteri - il gruppo ha indicato che i mouse hanno alimentato una dieta carente in vitamina A resa a nessun RELMα. I ricercatori egualmente hanno trovato che i mouse che sig.na RELMα erano più suscettibili dell'infezione ed hanno avuti specie batteriche differenti sulla loro interfaccia rispetto ai mouse tipici.

Il Dott. Harris-Tryon ha aggiunto:

Considerando ogni quanto tempo i retinoids sono utilizzati nella dermatologia, le implicazioni dei nostri risultati sono potenzialmente vaste. L'interfaccia è un'interfaccia importante fra noi e l'ambiente e deve difenderci contro l'infezione e l'infiammazione. Stiamo cominciando appena a capire come i batteri e il microbiome (il termine per la popolazione dei batteri che vivono con noi) urtano le malattie della pelle quali la psoriasi e l'acne. Il nostro lavoro contribuisce a definire le molecole che l'interfaccia usa per creare una relazione sana fra il microbiome e noi, i host.„

Per studiare come il microbiome urta l'immunità, i ricercatori hanno usato la colonia del Dott. Hooper dei mouse esenti da germi - mouse sollevati dalla nascita senza esposizione ai germi - e dei geni identificati su cui sono girati quando tali mouse sono esposti ai batteri.

“Quando l'interfaccia incontra i batteri, le celle rispondono facendo le molecole che contribuiscono a difendere l'interfaccia contro l'infezione,„ lei hanno spiegato, aggiungendo che gli scienziati agli istituti della sanità nazionali (NIH) hanno collaborato sullo studio.

I ricercatori hanno compreso alcuni avvertimenti.

Questo studio ci fa migliore capire di come la dieta urta la capacità dell'interfaccia di difendersi contro l'infezione batterica - ma la più ricerca sarà necessaria determinare come questi risultati urteranno i pazienti con le malattie della pelle infiammatorie quali acne e la psoriasi.„

Dott. Harris-Tryon, che utile il suo M.D. - Ph.D. alla Johns Hopkins University

Sorgente:

Centro medico sudoccidentale di UT

Riferimento del giornale:

Hooper, 2019) α del tipo di Resistin della molecola di L.V. et al. (assicura la protezione antimicrobica Vitamina-UN-Dipendente nell'interfaccia. Host & microbo delle cellule. doi.org/10.1016/j.chom.2019.04.00