Reversibilmente paralizzare, calmante molto i pazienti ospedalizzati non migliora i risultati

Reversibilmente paralizzare e molto calmare i pazienti ospedalizzati con i problemi respiranti severi non migliorano i risultati nella maggior parte dei casi, secondo istituti nazionali del test clinico Salubrità-patrocinato condotto a dozzine di ospedali nordamericani e piombo dagli clinico-scienziati all'università di Pittsburgh ed all'università di scuole di medicina di colorado.

La prova; quale era iniziale fermato dovuto la futiltà; sistema un dibattito di lunga durata nella comunità critica della medicina di cura circa se è migliore da paralizzare e pazienti calmi nell'emergenza respiratoria acuta per aiutare la ventilazione meccanica o per evitare la sedazione pesante per migliorare il ripristino. I risultati, presentati oggi alla riunione annuale della società toracica americana, saranno pubblicati nell'emissione di giovedì di New England Journal di medicina.

“È stato un'enigma; da un lato, gli studi realmente ben fatto hanno indicato che temporaneamente paralizzare il paziente per migliorare la respirazione meccanica salva le vite. Ma non potete paralizzare senza sedazione pesante e gli studi egualmente mostrano i risultati pesanti della sedazione nel ripristino peggiore. Non potete avere entrambi; così che cosa è un clinico da fare?„ autore Derek senior detto Angus, M.D., M.P.H., che tiene la presidenza di Mitchell P. Fink la Endowed del banco di Pitt del dipartimento della medicina della medicina critica di cura. “La nostra prova definitivo lo sistema; la sedazione leggera con la paralisi intermittente e a breve termine se necessario è buona quanto in profondità la sedazione con la paralisi continua.„

La rivalutazione della prova neuromuscolare iniziale sistematica del blocco (ROSA) è la prima di nuovo cuore nazionale, polmone e la prevenzione & il trattamento iniziale dell'istituto di sangue (NHLBI) della rete acuta di lesione di polmone (PETALO). Il PETALO sviluppa e conduce i test clinici controllati ripartiti con scelta casuale per impedire o curare i pazienti che hanno, o cui sia a rischio di, lesione di polmone acuta o sindrome di emergenza respiratoria acuta. Particolare rilievo dei posti di prova della rete su individuazione tempestiva richiedendo ogni istituto del membro della rete comprende sia la cura critica che medicina di emergenza, cura acuta o ricercatori principali di trauma per assicurare che le emissioni di salubrità critiche siano riconosciute e triaged il più rapidamente possibile per migliorare le probabilità dei pazienti del ripristino prima che anche siano trasferite all'unità di cure intensive.

Dal gennaio 2016 all'aprile 2018, 1.006 pazienti ai 48 Stati Uniti e gli ospedali canadesi sono stati iscritti a ROSA nelle ore dopo l'inizio della sindrome di emergenza respiratoria acuta moderato--severa. La metà è stata data un blocco neuromuscolare continuo da 48 ore; un farmaco che li paralizza; con sedazione pesante perché sta traumatizzando per essere paralizzata mentre cosciente. L'altra metà è stata data la sedazione leggera ed il clinico ha avuto l'opzione di dare una piccola dose del blocco neuromuscolare che si sarebbe logorata dentro al di sotto di un'ora per facilitare l'intubazione respiratoria.

“Questo è il genere di domanda importante a che la rete del PETALO è stata destinata per rispondere efficientemente,„ ha detto James Kiley, il Ph.D., Direttore della divisione delle affezioni polmonari al NHLBI. “Questi risultati contribuiranno a praticare i clinici per prendere le decisioni nella fase iniziale nella cura dei loro pazienti con la sindrome di emergenza respiratoria acuta.„

La prova era necessaria perché una prova francese ha trovato nel 2010 che il blocco neuromuscolare ha diminuito la mortalità. Tuttavia, in quella prova tutti i partecipanti sono stati calmati molto, indipendentemente da se hanno ricevuto il blocco neuromuscolare oppure no. Negli ultimi anni, specialmente in America settentrionale, i clinici tendenza a partire dalla sedazione pesante, che è associata con le complicazioni cardiovascolari, il delirio ed i pazienti di svezzamento aumentati della difficoltà da ventilazione meccanica.

Nella prova di ROSA, i pazienti che hanno ricevuto il blocco neuromuscolare e la sedazione ha sviluppato le emissioni più cardiovascolari mentre nell'ospedale, ma non c'erano differenze significative nella mortalità fra i due gruppi tre, sei o 12 mesi più successivamente, hanno detto David Huang, M.D., M.P.H., che ha sorvegliato l'entrata in vigore clinica della prova ed è un professore associato della medicina critica di emergenza e di cura alla scuola di medicina di Pitt.

“dovuto il lavoro eccezionale dei nostri coordinatori di ricerca, l'iscrizione completata studio prima del previsto, una rarità nei test clinici multicentrati,„ ha detto il muschio di Marc dell'autore principale, M.D., il professore di Roger S. Mitchell di medicina e del direttore della divisione delle scienze polmonari e la medicina critica di cura all'università di dipartimento di colorado di medicina. “Di conseguenza, questi risultati importanti saranno disponibili ai fornitori di cure mediche più presto e dovrebbero risultare nell'entrata in vigore più rapida di cura migliorata per i nostri pazienti.„

Angus, che egualmente dirige la ricerca clinica di Pitt, ricerca e la modellistica dei sistemi della malattia acuta (CRISMA) concentra, ha detto i risultati di prova lo rendono sicuro quando dice che quello evitare la paralisi e la sedazione profonda è il best practice per la maggior parte dei pazienti ospedalizzati con i problemi respiranti. Tuttavia, nota che le prove future saranno necessarie prendere in giro fuori se c'è una sottopopolazione dei pazienti con la sindrome di emergenza respiratoria acuta che ancora traggono giovamento dal blocco neuromuscolare.

Sorgente:

Università di Pittsburgh

Riferimento del giornale: Papazian, 2019) blocchi neuromuscolari in anticipo del L. et al. (nella sindrome di emergenza respiratoria acuta. New England Journal di medicina (NEJM). doi.org/10.1056/NEJMoa1901686.