Lo studio trova le imperfezioni nella cura a lungo termine per i pazienti dell'infarto nel Regno Unito

La gestione della gente con infarto nel Regno Unito ha imperfezioni nella selezione, nella continuità di cura e nelle dosi del farmaco, che sproporzionato urtano le donne e la gente più anziana, secondo uno studio piombo da Nathalie Conrad e da Kazem Rahimi dell'istituto di George per salubrità globale all'università di Oxford, Regno Unito, pubblicato il 21 maggio nella medicina di PLOS. I risultati suggeriscono che quei selezione e seguito sia suboptimale e questi problemi potrebbero essere dovuti, almeno in parte, a mantenimento dei registri difficile nello scambio di informazioni insufficienti e di pronto intervento fra gli ospedali ed il pronto intervento.

Lo studio trova le imperfezioni nella cura a lungo termine per i pazienti dell

Credito: sbtlneet, Pixabay

L'infarto comune-sta pregiudicando circa 2% della popolazione in con reddito elevato paese-e può piombo all'inabilità ed alla morte. L'efficace trattamento comprende solitamente un trattamento complesso delle indagini, l'inizio graduale delle medicine e gli dose-adeguamenti, che possono a volte essere provocatori seguire. Negli ultimi dieci anni, il Regno Unito ha introdotto i programmi per valutare e migliorare la gestione dell'infarto nella cura primaria e secondaria, ma le traiettorie di cura dei pazienti' attraverso le impostazioni differenti di sanità non sono state studiate. In questo studio retrospettivo, Rahimi ed i colleghi hanno usato le cartelle mediche elettroniche da 93,074 persone che sono state diagnosticate con infarto nel Regno Unito fra 2002 e 2014 studiare l'assistenza medica che hanno ricevuto dalla diagnosi 1 anno a più successivamente. Gli autori hanno esaminato cinque indicatori di cura: (i) regolazione di diagnosi (ricoverato o paziente esterno), (ii) seguito di post-ospedalizzazione nel pronto intervento, (iii) indagini diagnostiche, (iv) prescrizione delle droghe essenziali e (v) dosi di trattamento della droga.

Lo studio suggerisce che i pazienti siano stati più probabili essere diagnosticati con infarto in ospedale che dal loro medico di famiglia, seguito insufficiente ricevuto dopo che scarico dell'ospedale e siano stati farmaci prescritti alle dosi insufficienti. La dose quotidiana di media prescritta era sotto le raccomandazioni della linea guida (42% per ACE-I o ARB, 29% per i betabloccanti nel 2014) ed è rimanere in gran parte immutata oltre i primi 30 giorni dopo la diagnosi, malgrado le raccomandazioni della linea guida su-titolare regolarmente le dosi. Le tariffe delle diagnosi e di seguito del paziente esterno nel pronto intervento erano basse e perfino in diminuzione col passare del tempo (da 56% nel 2002 a 36% nel 2014, al RR 0,64 [0,62, 0,67] e 20% - 14%, al RR 0,73 [0,65, 0,82], rispettivamente). Le lacune nella cura erano più comuni in donne, più vecchi di 75 anni delle persone e in parte in persone socioeconomico sfavorite. Gli autori richiedono la ricerca supplementare per esplorare le ragioni dietro queste disparità, ad esempio che ulteriori miglioramenti sono probabili richiedere i più vasti approcci a progettazione di servizi sanitari che cura appropriata di sostegno ad ogni livello del viaggio paziente.

In una prospettiva accompagnante, Nicholas Mills ed i colleghi all'università di Edimburgo, Regno Unito, discutono l'esigenza di scienza di alta qualità di entrata in vigore (lo studio sulle strategie per integrare ed includere gli avanzamenti di ricerca in pratica clinica) e dell'analisi su grande scala dei dati sistematico-raccolti di sanità. Discutono quella collazione in tempo reale dei dati di sanità attraverso cura primaria e secondaria e le metodologie robuste per valutare i cambiamenti nella pratica e nella polizza cliniche, sono essenziali per sormontare con successo queste disparità e lacune nella cura. per assicurare gli più alti livelli di cura paziente-centrata e di migliore allocazione delle risorse, i mulini ed i colleghi parlano a favore di una piattaforma collegata e anonymized di informatica di sanità per la divisione dei dati fra le impostazioni di cura che sono abbastanza granulari facilitare la valutazione significativa di pratica in vigore.

Sorgente:

PLOS

Riferimento del giornale:

Conrad, test diagnostici del N. et al. (2019), prescrizioni della droga e reticoli di seguito dopo l'infarto di incidente: Uno studio di gruppo di 93.000 pazienti BRITANNICI. Medicina di PLOS. doi.org/10.1371/journal.pmed.1002805.