uso della E-sigaretta sull'aumento fra i malati di cancro ed i superstiti del cancro

l'uso della E-sigaretta sta scalando fra i malati di cancro ed i superstiti del cancro, secondo un nuovo studio da un oncologo sudoccidentale del centro medico di UT.

Lo studio del Dott. Nina Sanford ha trovato quello:

  • l'uso della E-sigaretta fra la gente con una diagnosi del cancro è aumentato da 8,5 per cento nel 2014 a 10,7 per cento nel 2017.
  • L'aumento è accaduto proprio mentre il fumo convenzionale è rimanere stabile.
  • l'uso della E-sigaretta è particolarmente alto fra i giovani malati di cancro (sotto l'età di 50). Più di un quarto di loro e-sigarette di uso e continuano andare su: 23 per cento dei malati di cancro sotto 50 riferiti facendo uso delle e-sigarette nel 2014 rispetto a 27 per cento nel 2017.

“Il graduale ma l'aumento constante è abbastanza notevoli,„ ha detto il Dott. Sanford un assistente universitario dell'oncologia e di medico di radiazione che si specializza nel trattamento dei cancri del tratto gastrointestinale. “L'alta prevalenza di uso della e-sigaretta fra i più giovani malati di cancro e superstiti sta interessando.„

L'analisi del Dott. Sanford è stata basata sui dati dai centri per l'intervista nazionale della salubrità della prevenzione e del controllo di malattie, che ha incluso più di 13.000 malati di cancro dal 2014 al 2017. I suoi risultati sono stati pubblicati in oncologia di JAMA del giornale a febbraio.

I risultati di studio hanno fatto il nuovo indicatore luminoso su uso della e-sigaretta mentre il guadagno dei prodotti ha aumentato l'attenzione che varia dai provvedimenti severi del governo federale sulle vendite della e-sigaretta ai reclami che le e-sigarette possono essere usate per terminare il fumo tradizionale.

L'uso delle e-sigarette, anche chiamato “vaping,„ ha medici specialisti responsabili a causa del nicotina inducente al vizio e tossine che potenzialmente nocive consegnano. I prodotti a pile producono un aerosol che gli utenti inalano nei loro polmoni come il fumo tradizionale.

Il Dott. Sanford ha detto che ha afferrato sull'opportunità di studiare i dati perché là così poco è conosciuto circa uso della e-sigaretta in malati di cancro.

“Poiché le e-sigarette sono relativamente nuove, non abbiamo i dati a lungo termine sui loro effetti secondari ancora,„ ha detto.

Con così poco conosciuto circa le e-sigarette e che cosa fanno all'organismo, il Dott. Sanford ha detto che la migliore possibilità è di evitarle insieme tutte. Ha notato che le e-sigarette producono spesso i prodotti chimici nocivi quali cavo, nichel ed acetaldeide. Il fumo convenzionale può impedire la guarigione dalla radioterapia e della chirurgia in modo da è possibile che le e-sigarette potrebbero causare le simili difficoltà, ha detto.

Il Dott. Sanford ha detto che i pazienti chiedono notizie spesso sulle e-sigarette e raccomanda di restare a partire da tutti i tipi di fumo invece di prova di sostituire le e-sigarette per le sigarette tradizionali.

Non lo incoraggio, ma egualmente sono onesto che la giuria è ancora fuori su cui gli effetti a lungo termine di uso della e-sigaretta sono. Questi non sono un prodotto FDA-regolamentato. C'è l'ampia variazione di che cosa entra in loro. Quando prendete un e-cig nella memoria, realmente non conoscete che cosa è in.„

Nina Sanford, assistente universitario di oncologia di radiazione

Il regolamento delle e-sigarette appena ha cominciato ed in modo da ha studi dei prodotti. Il Dott. Sanford ha detto che i medici specialisti devono conoscere molto più e richiederà le decadi per sapere se le e-sigarette causano il cancro.

“È una nuova area e non ci sono appena dati a lungo termine su uso di e-cig così là stanno andando essere molta controversia su cui da fare fino a pubblicare gli studi più rigorosi, dato specialmente le diverse entità hanno compreso, variando dalle organizzazioni del cancro alle società della e-sigaretta,„ ha detto.