Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Venuta presto: Unità domestica nuova di sangue-prova per la gente con le malattie croniche

Laboratory di Université de Montréal dei biosensori & Nanomachines, in società con i sistemi diagnostici di Nanogenecs della società di Montreal, ha ricevuto appena 700 una concessione all'innovazione di 000$ NSERC “idea„ sviluppare un'unità domestica di sangue-prova per la gente con le malattie croniche.

Il laboratorio è diretto da Alexis Vallée-Bélisle, che egualmente tiene una presidenza della ricerca del Canada in bioingegneria e Bio--nanotecnologia.

Il suo primo scopo è di convincere il biosensore per individuare tre biomarcatori - urea, potassio e creatinina - in una goccia di sangue. La gente con la malattia renale e la malattia di cuore deve tipicamente tenere un occhio su questi indicatori.

Corrente, la prova di sangue è un trattamento a più gradi che richiede solitamente ai pazienti di avere sangue assorbito una clinica o un laboratorio.

Dopo che i campioni di sangue sono raccolti in un ospedale o in una clinica, ottengono inviati ad un laboratorio centrale dell'analisi, che è fuori sito tipicamente individuato, quindi i risultati sono trasmessi al medico e definitivo sono divisi con il paziente. La nostra tecnologia mira a cambiare quella, di modo che i pazienti e medici possono ottenere i risultati immediati come componente del video di ogni giorno. Ciò li permetterà di prendere i provvedimenti veloci se qualcosa è fuori portata.„

Vallée-Bélisle

Univalor, partner dello sviluppo di affari di UdeM, ha eliminato l'anno scorso un brevetto per proteggere la tecnologia sviluppata da Vallée-Bélisle e dal suo gruppo.

“Il nostro prototipo può già individuare i livelli dell'urea nel sangue - ora stiamo lavorando agli elettrodi per misurare il potassio e creatinina,„ ha detto Vallée-Bélisle. “Finalmente, l'unità permetterà alla gente con le malattie croniche di riflettere il loro stato quotidiano e di inviare elettronicamente i risultati ai loro medici. I professionisti di sanità potranno rispondere a rapidamente ed efficientemente ai cambiamenti nello stato dei loro pazienti.„

Oltre alla concessione di NSERC, il progetto egualmente ha ricevuto l'anno scorso $240.000 in finanziamento dal Ministero della Quebec dell'economia e dell'innovazione.

Eliminazione del tempo di viaggio di migliorare le vite dei pazienti

“Crediamo che, come i diabetici con i metri di glucosio di sangue, i pazienti con altre malattie croniche abbiano tratto giovamento notevolmente dalla prova domestica di sangue, particolarmente durante i periodi quando il loro stato è instabile,„ abbiamo detto Vallée-Bélisle. “Questo modulo più preventivo e più personale di cura ha potuto migliorare chiaramente la loro qualità di vita.„

Ma la tecnologia è ancora parecchi punti a partire da essere pronta per l'uso. Tra l'altro, il prototipo del biosensore deve passare con una serie di prove assicurarsi che possa individuare esattamente tutti e tre gli indicatori. Le capacità sensoriali dell'urea nel sangue dell'unità ora stanno provande in una regolazione dell'ospedale sotto la direzione del Dott. Vincent De Guire, un biochimico clinico a Hôpital Maisonneuve-Rosemont.

Una volta che questa prova è completa, i progettisti e gli ingegneri lavoreranno a sviluppare un a basso costo, dispositivo portatile che è di facile impiego, tanto come i metri di glucosio di sangue usati dai diabetici.

Un chiaro segno questa tecnologia ha molto potenziale: i sistemi diagnostici multinazionali di Roche recentemente hanno inchiostrato un accordo di patrocinio con Nanogenecs guidare la direzione strategica per commercializzare la tecnologia.

Prima che sia pronta per il servizio, Vallée-Bélisle spera quel Nanogenecs - una società ha fondato con quattro partner e quello egualmente è appoggiato dagli investitori a Toronto, Boston e Filadelfia - avrà trovato che gli investitori in Quebec hanno interessato a costituire un fondo per la fase della vendita dell'invenzione.