I ricercatori fanno luce su evoluzione e su diversità dei batteri della leptospira

La leptospirosi è una malattia zoonotica emergente che pregiudica ogni anno più di un milione di persone in tutto il mondo. I ricercatori che riferiscono nelle malattie tropicali trascurate PLOS ora hanno ordinato i genoma della leptospira raccolti dagli ambienti intorno al globo e rivelatori 30 nuove specie e dai nuovi reticoli di diversità di specie.

I ricercatori fanno luce su evoluzione e su diversità dei batteri della leptospira

“La leptospira è un membro della spirocheta del filo e consiste dei batteri saprofiti e patogeni. Le specie patogene sono responsabili della leptospirosi zoonotica di malattia, dove gli esseri umani finiscono essere un host occasionale in un ciclo che comprende gli animali selvaggi e domestici.„ Credito: Mathieu Picardeau (cc ENTRO 4,0, 2007)

Il genere leptospira corrente è diviso in 35 specie classificate in tre cluster filogenetici che correlano storicamente con il livello di patogenicità delle specie: saprofito, intermedio e patogeno. L'evoluzione di ciascuno di questi cluster è stata poco chiara e lo stato di virulenza di molte specie è sconosciuto.

Nel lavoro recente, in un gruppo di ricercatori dalla rete internazionale di Institut Pasteur (IPIN) compreso Mathieu Picardeau e in Pascale Bourhy, del Institut Pasteur, la Francia, Frédéric Veyrier del INRS-Institut Armand-Frappier, del Canada e di altri colleghi ha studiato 90 sforzi della leptospira isolati da 18 siti attraverso quattro continenti, compreso il Giappone, la Malesia, la Nuova Caledonia, l'Algeria, la Francia e Mayotte. Il genoma di ogni isolato è stato ordinato e confrontato stato ai genoma conosciuti della leptospira.

Sulla base delle sequenze genetiche, il gruppo poteva identificare 30 nuove specie della leptospira. Hanno organizzato il genere della leptospira, che ora comprende 64 specie, in quattro stirpi o subclades, P1 definito, P2, S1 e S2. Il subclade S2 non è stato descritto mai. Nel P1- precedentemente conosciuto come patogeno-stirpe, fanno luce su un fenomeno del genoma che riprende che può spiegare la loro patogenicità mutevole.

I ricercatori dicono:

Abbiamo spolverato il genere della leptospira ed abbiamo guadagnato più chiarezza della sua diversità che aiuterà i ricercatori a proporre i nuovi standard sulla sue classificazione e nomenclatura. L'implicazione di parecchie nuove specie potenzialmente contagiose della leptospira per salute degli animali e dell'essere umano resta determinare ma i nostri dati egualmente forniscono le nuove comprensioni nell'emergenza di virulenza nelle specie patogene.„

Sorgente:

PLOS

Riferimento del giornale:

Vincent, A.T. et al. (2019) rivisitante la tassonomia e l'evoluzione di patogenicità del genere leptospira attraverso il prisma di genomica. Malattie tropicali trascurate PLOS. doi.org/10.1371/journal.pntd.0007270.