Lo studio della cellula staminale rivela gli effetti nocivi dei liquidi conditi della e-sigaretta

Il vostro sapore preferito del vape può essere più nocivo del nicotina stesso. Facendo uso delle cellule staminali per studiare l'impatto dei e-liquidi sulla malattia cardiovascolare, un nuovo studio ha rivelato gli effetti nocivi dei liquidi conditi della e-sigaretta e dell'uso della e-sigaretta.

I sapori più tossici: cannella e mentolo.

Ricercatori all'istituto universitario di università dell'Arizona di medicina - Phoenix, l'università dell'Illinois a Chicago e l'istituto cardiovascolare di Stanford hanno scoperto l'esposizione ai danni conditi dei e-liquidi le celle endoteliali, lo strato sottile delle celle che allineano la superficie interna dei vasi sanguigni e svolgono un ruolo importante nel cuore e nella salubrità cardiovascolare.

Lo studio, “modellando i rischi cardiovascolari di E-Sigarette con dal il gambo Indotto da umana di Pluripotent Cella-Ha derivato le celle endoteliali,„ è stato pubblicato il 27 maggio online nel giornale dell'istituto universitario americano della cardiologia. Secondo i ricercatori, il tabagismo causa una di ogni tre morti che derivano dalla malattia cardiovascolare. Mentre gli effetti nocivi del tabagismo convenzionale nella malattia cardiovascolare sono ben documentati, c'è prova scientifica insufficiente sulla tossicità e sugli effetti sulla salute delle e-sigarette.

Tradizionalmente, le e-sigarette sono state considerate un modo sicuro smettere di fumare. La nostra ricerca mette quell'idea in dubbio. Malgrado l'aumento rapido nella popolarità, gli effetti cardiovascolari del condimento chimico in e-sigarette in gran parte è stato inesplorati. Facendo uso di un approccio novello della ricerca della cellula staminale, abbiamo scoperto che gli effetti nocivi di questi condimenti e degli utenti cardiovascolari potenziali di rischi possono affrontare.„

Hee estratto Lee, PhD, assistente universitario nel dipartimento delle scienze mediche di base all'istituto universitario di uA di medicina - Phoenix e co-cavo ed autore co-senior dello studio

I ricercatori hanno usato dalle le cellule staminali pluripotent indotte da umana, le celle endoteliali derivate (iPSC-ECs) e un approccio della selezione per valutare l'esposizione seguente di integrità endoteliale a sei e-liquidi differenti con le concentrazioni ed il sangue varianti nel nicotina raccolti dagli utenti della e-sigaretta.

Le cellule staminali pluripotent incitate (iPSC) sono generate dalle celle adulte che sono riprogrammate per permettere allo sviluppo di una sorgente illimitata di qualunque tipo di cellula umana stato necessario, che permette che i ricercatori modellino le malattie in un piatto.

L'endotelio vascolare svolge un ruolo chiave nella funzione vascolare, che è stata indicata per essere interrotta dai fattori di rischio cardiovascolari, compreso il tabagismo. Dopo l'esposizione delle queste cellule staminali ai composti in e-sigarette o siero da una e-sigaretta, gli utenti hanno sviluppato la disfunzione endoteliale delle cellule connessa con attuabilità in diminuzione, capitalizzazione delle specie reattive dell'ossigeno ed hanno alterato i beni proangiogenic, che è il trattamento di creazione dei vasi sanguigni nuovi. La disfunzione endoteliale precede spesso le malattie cardiovascolari. Il siero di sangue dagli utenti della e-sigaretta ha mostrato gli effetti nocivi, simili a quelli delle sigarette del tabacco sui vasi sanguigni.

Ciò è il primo studio per stabilire che queste cellule staminali possano essere usate attendibilmente come modello alternativo per ricercare gli effetti nocivi delle e-sigarette con le celle vascolari esistenti.„

Hee estratto Lee, PhD

Negli ultimi anni, vaping si è sviluppato nella popolarità. Secondo il chirurgo generale degli Stati Uniti, uno in 20 studenti della scuola secondaria ed uno in cinque studenti di scuola superiore hanno usato le e-sigarette nel 2017, un aumento di 78 per cento a partire dall'anno prima. Ciò traccia il più grande aumento nell'uso della gioventù di tutta la sostanza durante i 40 anni che l'ufficio del chirurgo generale ha esaminato l'uso della droga della gioventù.

I risultati della ricerca hanno concluso che l'esposizione acuta ai e-liquidi o alle e-sigarette conditi peggiora la disfunzione endoteliale, che precede spesso le malattie cardiovascolari. La citotossicità, che è la capacità di determinati prodotti chimici di distruggere le celle viventi, dei e-liquidi diversi, con i prodotti cannella-conditi che sono più potenti.

I ricercatori ritengono che i condimenti del vape del mentolo e della cannella siano più tossici all'organismo a causa dei prodotti chimici usati per produrre quei condimenti.

“Non c'è modo sicuro a vape,„ il Dott. Lee ha detto. “Non è sicuro quanto originalmente ha pensato, particolarmente con il condimento. La maggior parte della gente invitare le sigarette per essere peggiori per la nostra salubrità a causa del nicotina. Tuttavia, quello non è necessariamente corretto. Alcuni degli effetti dell'esposizione ai e-liquidi dipendevano dalla concentrazione nel nicotina ma altri erano indipendente che mostra un effetto combinato delle concentrazioni nel nicotina e che condisce le componenti.„

Il Dott. Lee ha detto che è interessata nella continuazione della sua ricerca per vedere se può applicare questo modello ad altre malattie.

“Facendo uso delle cellule staminali potrebbe fornire una nuova risorsa per capire il personale ed i sostegni genetici comuni relativi allo sviluppo di molte malattie cardiovascolari relative,„ il Dott. Lee ha detto. “Questo studio dimostra ed i supporti che da cellule staminali pluripotent indotte da umana hanno derivato le celle endoteliali rappresentano un modello robusto per lo studio della biologia endoteliale con i chiari vantaggi sopra le celle endoteliali umane primarie.„

Sorgente:

Scienze di salubrità dell'università dell'Arizona

Riferimento del giornale:

Lee, W.H. et al. (2019) che modella i rischi cardiovascolari di E-Sigarette con le celle endoteliali Cella-Derivate da gambo Indotto da umana di Pluripotent. Giornale dell'istituto universitario americano di cardiologia. doi.org/10.1016/j.jacc.2019.03.476.