Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga antivirale sperimentale completamente protegge le scimmie dal virus di Nipah

Cercopitechi africani completamente protetti antivirali sperimentali del remdesivir della droga i quattro da una dose letale del virus di Nipah, secondo un nuovo studio nella medicina di traduzione di scienza dagli istituti nazionali degli scienziati e dei colleghi di salubrità.

In primo luogo è identificata nel 1999 in Malesia, virus di Nipah un agente patogeno emergere trovato soprattutto nel Bangladesh ed in India. Il virus è sparso agli esseri umani dai pipistrelli di frutta; la trasmissione personale egualmente accade. Il virus di Nipah può causare la malattia neurologica e respiratoria; il tasso di mortalità è circa 70%. La ricaduta in ritardo, manifestandosi come l'infiammazione del cervello o encefalite, può accadere. Uno scoppio nel maggio 2018 in India ha provocato 23 casi e 21 morte.

Gilead Sciences, inc, sta sviluppando il remdesivir e, in collaborazione con gli scienziati dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), le ricerche di laboratorio iniziali svolte confrontanti la droga con il virus di Nipah. I ricercatori dall'istituto nazionale di NIH e di CDC dell'allergia e delle malattie infettive (NIAID) hanno collaborato sul concetto per lo studio della scimmia. NIAID poi ha intrapreso gli studi della scimmia con il supporto di sierologia e di patologia del laboratorio dal CDC. Gli animali infettati con una dose letale del virus di Nipah hanno ricevuto una prima dose di remdesivir endovenoso 24 ore dopo l'infezione e poi una dose endovenosa quotidiana per complessivamente 12 giorni consecutivi.

Il gruppo di NIAID ha osservato gli animali per i 92 giorni dopo l'infezione, richiedenti a campioni clinici 14 tempi durante quella portata. Il lungo periodo di osservazione ha conceduto a scienziati il tempo adeguato di riflettere il sistema nervoso centrale per la malattia, che può essere lenta svilupparsi una volta causata dal virus di Nipah. Due hanno trattato gli animali hanno sviluppato i segni respiratori delicati quel risolto in tre settimane; gli altri due animali trattati non hanno mostrato segni della malattia. Tutti e quattro le sono rimanere apparentemente sani per il resto dello studio. Quattro animali non trattati egualmente hanno ricevuto una dose letale del virus di Nipah. Hanno cominciato dare segni della malattia entro quattro giorni dell'infezione e rapido hanno sviluppato la malattia interna negli otto giorni.

La pianificazione seguente degli scienziati da valutare ha ritardato l'amministrazione della droga per determinare quanto tempo dopo che l'infezione gli animali può essere trattata con successo. Remdesivir è il secondo trattamento sperimentale, dopo l'anticorpo monoclonale m102.4, indicato per impedire la malattia di virus severa di Nipah in un modello della scimmia una volta amministrato dopo gli animali è infettato.

Sorgente:

Istituto di NIH/National dell'allergia e delle malattie infettive

Riferimento del giornale:

Lo, M.K. et al. (2019) Remdesivir (GS-5734) protegge i cercopitechi africani dalla sfida del virus di Nipah. Medicina di traduzione di scienza. doi.org/10.1126/scitranslmed.aau9242.