L'infiammazione cronica elimina la motivazione diminuendo la dopamina nel cervello

Perché riteniamo disattenti quando stiamo recuperando da una malattia? La risposta è, apparentemente, che l'infiammazione cronica di qualità inferiore interferisce con il sistema di segnalazione dopaminergico nel cervello che ci motiva per fare le cose.

Ciò è stata riferita in un nuovo documento pubblicato nelle tendenze relative del giornale alle scienze cognitive.

La ricerca effettuata all'Emory University spiega i collegamenti fra la versione diminuita di dopamina nel cervello, la motivazione per fare le cose e la presenza di reazione infiammatoria nell'organismo. Egualmente presenta la possibilità che questo fa parte dello sforzo dell'organismo per ottimizzare il suo dispendio energetico durante i tali episodi infiammatori, citante la prova riunita durante il loro studio.

Gli autori egualmente hanno pubblicato una struttura sperimentale basata sugli strumenti di calcolo, inventati per verificare la teoria.

L'ipotesi di fondo è che l'organismo ha bisogno di più energia di guarire una ferita o di sormontare un'infezione, per esempio, di cui tutt'e due è associata con infiammazione di qualità inferiore. Per assicurarsi che l'energia sia disponibile, il cervello usa una tecnica adattabile per diminuire l'unità naturale per eseguire altre mansioni in grado di potenzialmente prosciugare l'energia stata necessaria per guarire. Ciò è essenzialmente una ricalibratura dei neuroni specializzati della ricompensa nel centro di motivazione del cervello, di modo che le mansioni ordinarie più non ritengono come valgono la pena di fare.

Secondo il nuovo studio, il meccanismo di questa ricalibratura è rottura immune-mediata della via della dopamina, diminuente la versione della dopamina.

La tecnica di calcolo pubblicata dagli scienziati è destinata per permettere che le misure sperimentali delle dimensioni a cui l'infiammazione di qualità inferiore pregiudica la quantità di energia disponibile e della decisione facciano qualcosa basato sullo sforzo stato necessario. Ciò potrebbe permettere che noi capiamo meglio perché e come gli stati infiammatori cronici causano una mancanza di motivazione in altri stati di malattia pure, compreso la schizofrenia e la depressione.

Andrew Miller, co-author dello studio, dice, “se la nostra teoria è corretta, quindi potrebbe avere un impatto tremendo sul trattamento delle casse della depressione e di altri disordini comportamentistici che possono essere guidate tramite infiammazione. Dare le possibilità per lo sviluppo delle terapie che mirano all'utilizzazione di energia dalle celle immuni, che sarebbero state qualcosa completamente nuovo nel nostro campo.„

Già è conosciuto che le molecole cellulari di segnalazione della versione delle cellule immuni hanno chiamato le citochine, che pregiudicano il funzionamento dei neuroni dirilascio nell'area del cervello chiamato il sistema mesolimbic. Questa area migliora la nostra volontà di lavorare duro per una ricompensa.

Dopamina
Immagine Copyright: Meletios, identificazione di immagine: 71648629 via shutterstock.com

Recentemente, è stato scoperto che le celle immuni egualmente godono di una capacità unica per spostarsi fra i vari stati metabolici, a differenza di altre celle. Ciò ha potuto pregiudicare i reticoli della versione di citochina in modo da segnalare il cervello per conservare l'energia disponibile per l'uso del sistema immunitario.

Questi fatti erano le fondamenta di nuova ipotesi, che la spiega in termini di adattamento evolutivo. Nell'ambiente in anticipo ipotetico, il sistema immunitario, stato minacciato dalle sfide microbiche e predatori abbondanti, ha avuto bisogno delle somme enormi di energia. Quindi ha avuto suo proprio meccanismo per segnalare altri sistemi dell'organismo, via il sistema mesolimbic della dopamina, per gestire l'uso delle risorse energetiche durante i periodi in cui l'organismo stava subendo lo sforzo severo o improvviso.

La vita moderna è relativamente morbida e meno provocatoria. Con meno attività fisica, l'infiammazione di qualità inferiore è principalmente dovuto i fattori quali l'obesità, lo sforzo cronico, la sindrome metabolica, l'invecchiamento ed altre malattie di stile di vita. Ciò ha potuto indurre erroneamente i neuroni mesolimbic della dopamina a produrre meno dopamina. I più bassi livelli della dopamina a loro volta fanno diminuire la motivazione per lavoro, diminuendo la percezione di ricompensa mentre aumentano la percezione di sforzo in questione. Ciò infine conserva l'energia ad uso del sistema immunitario.

Gli studi precedenti da Miller come pure da altri scienziati hanno indicato che un ad alto livello di funzionamento immune in collaborazione con i livelli bassi di dopamina e di motivazione diminuita caratterizza alcuni casi della schizofrenia, della depressione e di determinati altri stati di salute mentale.

Gli scienziati non ritengono che questi disordini siano causati tramite l'infiammazione di qualità inferiore, ma che qualche gente che ha queste malattie è ipersensibile alle citochine immuni. Ciò ha potuto a sua volta indurrle a perdere la motivazione per la vita quotidiana.

Gli scienziati corrente stanno eseguendo un test clinico sulla gente con la depressione, per verificare la teoria facendo uso della struttura di calcolo.

Sorgente: La TA di Treadway et al., (2019). Non possa o non non? Vincoli di Immunometabolic su unità dopaminergica. Tendenze relative alle scienze cognitive. https://doi.org/10.1016/j.tics.2019.03.003

Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2019, June 05). L'infiammazione cronica elimina la motivazione diminuendo la dopamina nel cervello. News-Medical. Retrieved on June 16, 2019 from https://www.news-medical.net/news/20190605/Chronic-inflammation-removes-motivation-by-reducing-dopamine-in-the-brain.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "L'infiammazione cronica elimina la motivazione diminuendo la dopamina nel cervello". News-Medical. 16 June 2019. <https://www.news-medical.net/news/20190605/Chronic-inflammation-removes-motivation-by-reducing-dopamine-in-the-brain.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "L'infiammazione cronica elimina la motivazione diminuendo la dopamina nel cervello". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20190605/Chronic-inflammation-removes-motivation-by-reducing-dopamine-in-the-brain.aspx. (accessed June 16, 2019).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2019. L'infiammazione cronica elimina la motivazione diminuendo la dopamina nel cervello. News-Medical, viewed 16 June 2019, https://www.news-medical.net/news/20190605/Chronic-inflammation-removes-motivation-by-reducing-dopamine-in-the-brain.aspx.