Il trattamento di nanotecnologia inverte i sintomi di sclerosi a placche in mouse

Un trattamento di nanotecnologia derivato dalle cellule staminali del midollo osseo ha invertito i sintomi di sclerosi a placche in mouse ed ha potuto finalmente essere usato per aiutare gli esseri umani, secondo un nuovo studio piombo dall'università di California, ricercatori di Irvine.

Finora, le terapie di cellula staminale per le malattie autoimmuni e neurodegenerative hanno fornito i risultati misti nei test clinici, parzialmente perché non sappiamo i trattamenti funzionano. Questo studio contribuisce a disfare quel mistero ed apre la strada per le prove con i pazienti umani.„

Weian corrispondente Zhao autore, un professore associato delle scienze farmaceutiche e dell'assistenza tecnica biomedica che è affiliata con Sue & il centro di ricerca lordo della cellula staminale di Bill

Negli esperimenti passati, le cellule staminali per via endovenosa iniettate - catturate dal midollo osseo ed attivate con gamma dell'interferone, una proteina del sistema immunitario - ottengono spesso intrappolate negli organi del filtro prima del raggiungimento del loro obiettivo. Per questo studio, pubblicato nel giornale ACS nano, i ricercatori hanno evitato che il problema estraendo le particelle nano di taglia ha chiamato i exosomes dalle cellule staminali e dall'iniezione loro nei roditori con sig.ra.

Caricato con le molecole antinfiammatorie e neuroprotective di proteina e del RNA, i exosomes potevano franare attraverso la barriera sangue-spinale del cavo. Oltre a ringiovanire ha perso le abilità motorie e danno diminuente del nervo causato dal ms, hanno normalizzato i sistemi immunitari degli oggetti, qualche cosa di che le droghe convenzionali non potessero fare, hanno detto il co-cavo di studio Reza Mohammadi autore, un candidato di laurea di UCI nella scienza dei materiali & l'organizzazione.

Più esperimenti sono nella conduttura.

“Questo trattamento novello sarà provato sugli esseri umani all'inizio del 2020, inizialmente sulla gente con il diabete di tipo 1,„ ha detto il co-cavo Milad Riazifar autore, che ha lavorato allo studio come studente di laurea di scienze farmacologiche nel laboratorio di Zhao e corrente sta aiutando prepara per una città del test clinico di speranza del metodo. “Se riuscito, potesse aprire la strada per il trattamento delle altre malattie autoimmuni, compreso la sclerosi a placche.„

Sorgente:

Università di California, Irvine

Riferimento del giornale:

Zhao, 2019) gambi del W. et al. (Cella-Ha derivato Exosomes come Nanotherapeutics per i disordini di Neurodegenerative ed autoimmuni. ACS nano. doi.org/10.1021/acsnano.9b01004.