Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Droghi che obiettivi che il sistema immunitario può ritardare il diabete di tipo 1 in bambini ad alto rischio, adulti

Una droga che mira al sistema immunitario può ritardare l'inizio del diabete di tipo 1 un una media di due anni in bambini ed in adulti ad ad alto rischio, secondo i risultati dallo studio di prevenzione del Teplizumab di TrialNet (anti-CD3) pubblicato in New England Journal di medicina.

Con 28 siti di studio intorno al mondo, è la più grande rete di test clinico montata mai per scoprire i modi ritardare ed impedire il diabete di tipo 1. Il centro medico di Vanderbilt University (VUMC) era il più grande contributore con più di 20% dei partecipanti di studio.

Il punto chiave per milioni di persone al rischio per sviluppare questa malattia è noi ora ha la prima immunoterapia che ritarda significativamente l'inizio del diabete di tipo 1. Ottantacinque per cento dei quasi 3.000 pazienti nel programma del diabete dei bambini a Vanderbilt hanno diabete di tipo 1.

E sappiamo che i parenti della gente con il diabete di tipo 1 sono 15 volte più probabili da sviluppare la malattia che la popolazione in genere, in modo da questa è specialmente buone notizie per loro pure.„

Bill Russell, MD, ricercatore principale di TrialNet e Direttore della divisione di endocrinologia e di diabete pediatrici a VUMC

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune che accade quando il sistema immunitario dell'organismo attacca e distrugge le beta celle producenti insulina nel pancreas, causando il glucosio di sangue anormale (zucchero) livella. Teplizumab è una droga di immunoterapia destinata per interferire con la distruzione immune dell'organismo delle sue proprie beta celle.

Gli studi precedenti hanno mostrato la produzione dell'insulina prolungata teplizumab nella gente recentemente diagnosticata con il diabete di tipo 1, ma questo è il primo studio per verificarlo nella gente ad ad alto rischio a malattia.

“Questo è il primo studio da mostrare che tutta la droga può ritardare la diagnosi del diabete di tipo 1 una mediana di due anni nella gente ad ad alto rischio,„ ha detto la presidenza Kevan Herold, il MD, professore di studio di prevenzione di Teplizumab del Immunobiology e della medicina interna all'Yale University. “Poichè chiunque con il diabete di tipo 1 vi dirà, ogni giorno che potete ritardare questa malattia è importante.„

I partecipanti scelti per lo studio ciascuno hanno avuti un rischio di vita di diagnosi clinica avvicinarsi a 100%. Cinquantacinque dei 76 partecipanti di studio era minorenne 18 e tutti hanno avuti un parente con il diabete di tipo 1, due o più autoanticorpo del diabete di tipo 1 e glicemie anormali.

“La popolazione tematica tutti gli anticorpi positivi avuti del diabete nella loro circolazione, indicante che i loro sistemi immunitari stavano mirando alle loro beta celle nel pancreas,„ Russell ha detto. “Egualmente avevano alterato la tolleranza del glucosio, significante che la loro risposta del glucosio ad una prova di tolleranza di glucosio orale non era normale ma non era ancora nell'intervallo diabetico. Ora chiamiamo questa fase 2 di tipo il diabete di I.„

Russell ha detto la gente che è nella fase 2, (anticorpi più tolleranza alterata del glucosio) abbia una probabilità di 85% di sviluppare il diabete (fase 3) entro cinque anni.

I partecipanti sono stati definiti a caso al qualsiasi il gruppo del trattamento, che ha ricevuto un corso dei 14 giorni di teplizumab, o il gruppo di controllo, che ha ricevuto un placebo. Tutti i partecipanti hanno ricevuto regolarmente le prove di tolleranza di glucosio fino a terminare lo studio, o finché non sviluppassero il diabete clinico di tipo 1 - qualunque è venuto in primo luogo.

Settantadue per cento della gente nel gruppo di controllo hanno sviluppato il diabete clinico, confrontato a soltanto 43% del gruppo del teplizumab. Il momento mediano per la gente nel gruppo di controllo di sviluppare il diabete clinico aveva luogo appena al disopra 24 mesi, mentre il momento mediano per il gruppo del trattamento era di 48 mesi.

I ricercatori di TrialNet intraprenderanno gli studi supplementari per cercare i modi estendere i vantaggi di teplizumab.

“Ora stiamo esplorando una prova completa di prevenzione nella gente ancora più presto nel trattamento di malattia,„ Russell ha detto. “Ed anche esaminando ritardante o impedente progressione per mettere in scena 3."

Sorgente:

Centro medico di Vanderbilt University

Riferimento del giornale:

Herold, K.C. et al. (2019) Anti-CD3 un anticorpo, Teplizumab, in parenti a rischio del diabete di tipo 1. New England Journal di medicina. doi.org/10.1056/NEJMoa1902226.