La nuova modalità della rappresentazione identifica la presenza di colesterolo in placca arteriosa

In un articolo pubblicato nel giornale pari-esaminato della pubblicazione di SPIE dell'ottica biomedica (JBO), “radar fotoacustico differenziale del Frequenza-dominio: la teoria e la convalida per la rappresentazione aterosclerotica ultrasensibile della placca,„ ricercatori dimostrano una nuova modalità della rappresentazione che identifica con successo la presenza di colesterolo nella placca arteriosa.

Il colesterolo in placca, con grasso, calcio ed altre sostanze sangue-trasportate, può piombo ad aterosclerosi, una malattia che può causare gli attacchi di cuore o i colpi. L'individuazione tempestiva di colesterolo può piombo ai trattamenti precedenti ed ai risultati migliori di salubrità. a ricercatori basati a Toronto hanno dimostrato una tecnica unica di rilevazione che combina il photoacoustics del laser, una tecnologia dell'immagine ottico-acustica ibrida, con trattamento a bassa potenza del segnale dei laser e del frequenza-dominio di onda continua, in un approccio conosciuto come il radar fotoacustico. Questa tecnologia avanzata può valutare esattamente al il colesterolo basato a placca e tiene conto il trattamento più tempestivo di aterosclerosi.

Secondo il redattore capo di JBO, il collega di SPIE e professore di MacLean di assistenza tecnica al banco di Thayer di assistenza tecnica all'istituto universitario di Dartmouth, New Hampshire, Brian Pogue, i risultati tracciano una nuova direzione emozionante nella rappresentazione:

Ciò è una direzione originale della ricerca della rappresentazione che utilizza un'idea innovatrice di rilevazione basata sopra le differenze fra le lunghezze d'onda e dell'analisi del segnale basata sopra i metodi del radar. La rappresentazione fotoacustica ha il migliore potenziale per la rappresentazione con i tessuti spessi o il sangue: la rilevazione della alto-sensibilità di colesterolo descritta in questo documento è permessa con un approccio specificamente modificato e doppio di lunghezza d'onda.„

Sorgente: SPIE--Società internazionale per l'ottica e la fotonica