I ricercatori coltivano con successo i mini-tumori dei cancri di collo e capi per verificare le terapie

Il cancro di collo e capo è un tipo aggressivo di cancro che si sviluppa spesso indietro, malgrado i pazienti che subiscono i trattamenti duri. I ricercatori dell'istituto di Hubrecht (KNAW) e di UMC Utrecht sono riuscito a mini-tumori crescente (o i organoids) di capo ed i cancri di collo, quello possono essere tenuti vivi nel Pétri-piatto a lungo.

Questi mini-tumori possono essere usati per capire meglio questa malattia complessa. Inoltre, i organoids permettono che noi verifichiamo sia le terapie innovarici che attuali in laboratorio, senza caricare il paziente.„

Driehuis altro, ricercatore, istituto di Hubrecht

Il cancro di collo e capo è fra i dieci cancri più prevalenti nel mondo. Nei Paesi Bassi, più di 3000 persone sono diagnosticati con questa malattia ogni anno. Malgrado i trattamenti pesanti che comprendono la chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia, questo tipo aggressivo di cancro si sviluppa indietro in due anni in 40 - 60% dei pazienti. Ciò provoca i problemi con parlare ed inghiottire e può avere grandi conseguenze per l'aspetto fisico del paziente. “Il trattamento del cancro di collo e capo è duro„, secondo il lotto medico Devriese (UMC Utrecht) dell'oncologo. Spesso, una combinazione di terapie è richiesta per trattare la malattia e questa può provocare gli effetti secondari seri. Di conseguenza, c'è un bisogno urgente di rendere i trattamenti più efficace e la diminuzione gli effetti secondari.„

Chirurgia

I ricercatori che lavorano nel gruppo di Hans Clevers (istituto di Hubrecht) e medici e ricercatori dal UMC Utrecht ora hanno indicato che i organoids possono svilupparsi dai cosiddetti carcinoma di cellule squamose del collo e della testa (HNSCC). Questi mini-organi sono derivati da paziente-materiale, per esempio verificato dalla massa tumorale eliminata durante la chirurgia. Un Tumore-organoids di trenta pazienti diagnosticati con il cancro di collo e capo è stato tenuto nella cultura per più un anno. “Questo è la prima volta che i ricercatori sono riusciti nei organoids crescenti derivati da capo e cancro di collo su questo disgaggio„ dice il patologo Stefan Willems (UMC Utrecht). “Questa tecnica permette che noi moltiplichiamo le celle del tumore di un paziente in laboratorio e che contribuirà alla nostra comprensione del cancro di collo e capo.„

Radioterapia

Dopo la coltura dei mini-tumori, sono stati esposti alle chemioterapie che corrente sono date ai pazienti con il cancro di collo e capo. Poiché la radioterapia è egualmente una componente comune del trattamento di questi pazienti, i organoids egualmente sono stati esposti alla radioterapia. Per sette pazienti la loro risposta alla radioterapia è stata conosciuta. Sopra l'esposizione a questa terapia, i organoids derivati da questi pazienti si sono comportati come i tumori in questi pazienti hanno fatto. “Ora abbiamo iniziato uno studio in cui includeremo più pazienti, per vedere se i organoids possono effettivamente predire la risposta dei pazienti alla terapia„, diciamo Driehuis altro (istituto di Hubrecht). “Al momento, molti pazienti sono esposti a chemioterapia dura, mentre alcuni di loro retrospettivamente non hanno tratto giovamento da questa terapia. In laboratorio, possiamo provare molte droghe differenti allo stesso tempo per vedere come il tumore-organoids del paziente risponde a loro. Potenzialmente, tali prove possono aiutarci a scegliere la giusta terapia per ogni paziente determinato.„

Risposta paziente di predizione

I ricercatori egualmente hanno esposto i mini-tumori ad un intervallo delle droghe novelle, cosiddette “terapie mirate a„. Mentre il nome implica, queste droghe hanno un effetto molto mirato a e quindi gli effetti secondari meno severi di causa che le chemioterapie convenzionali. Il lato negativo: funzionano soltanto per un sottoinsieme dei pazienti che portano le alterazioni specifiche nel DNA del loro tumore. “Per alcune di queste droghe, ha provato difficile predire quali pazienti trarranno giovamento dal trattamento. Purtroppo, questo ha limitato il successo di queste terapie di promessa finora„ dice Driehuis. “Nel nostro studio, abbiamo osservato che ciascuna delle droghe che abbiamo provato eravamo efficaci nei organoids almeno di un paziente. La più ricerca ci dirà se il tumore-organoids può anche predire la risposta paziente per queste terapie.„

Source:
Journal reference:

Driehuis, E. et al. (2019) Oral Mucosal Organoids as a Potential Platform for Personalized Cancer Therapy. Cancer Discovery. doi.org/10.1158/2159-8290.CD-18-1522.