Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le nuove guide di studio sviluppano i trattamenti che mirano all'infiammazione senza pregiudicare la funzione dell'intestino

Un tipo di cella immune che contribuisce alla malattia di viscere infiammatoria esiste in due moduli, 'buon e “nel Male„. Nuovo da uno studio guidato da torcicollo nell'immunità ha caratterizzato queste popolazioni distinte, in grado di aiutare gli scienziati a sviluppare i trattamenti che mirano all'infiammazione mentre conservavano la funzione sana dell'intestino.

Queste due popolazioni sono analoghe delle formiche del soldato e del lavoratore, svolgenti i ruoli differenti secondo il loro contesto.

“La popolazione della formica del lavoratore„ delle celle immuni è trovata naturalmente nell'intestino e le guide tengono il rivestimento degli intestini sano. L'altra popolazione è avviata in risposta all'infezione da un agente patogeno. Simile alle formiche del soldato, queste celle immuni sono chiamate dentro per contribuire a combattere l'infezione, viaggiante dai linfonodi - dove sono prodotte - all'intestino e ad altre parti del corpo per attaccare gli agenti patogeni d'invasione. Sebbene siano necessarie da combattere l'infezione, queste celle possono causare l'eccessiva infiammazione.

Studiando le differenze fra queste popolazioni di due cellule in mouse, un gruppo di ricerca pluridisciplinare ha rivelato i modi potenziali mirare alle celle connesse con le malattie immune-infiammatorie, mentre risparmia quei che contribuissero a tenere l'intestino sano.

“I nostri risultati possono contribuire ad assicurare che le terapie future per le malattie infiammatorie che mirano a queste celle non danneggino involontariamente la popolazione intestinale residente importante per salubrità dell'intestino,„ dice guida del gruppo di Gitta Stockinger, del torcicollo ed autore senior del documento.

I risultati potrebbero anche spiegare perché i tentativi di mirare alle molecole rilasciate da queste celle sono riusciti nelle circostanze infiammatorie che pregiudicano l'interfaccia (quale la psoriasi) ed il sistema nervoso (quale la sclerosi a placche) ma venire a mancare nei termini intestino-specifici come il morbo di Crohn.

Le celle dell'assistente 17 di T (Th17) hanno un ruolo conosciuto nei disordini infiammatori, ma egualmente contribuiscono a tenere allineare dell'intestino sano. Gli studi precedenti che tentano di distinguere fra queste due funzioni hanno studiato le celle Th17 in isolamento nelle capsule di Petri, non riuscenti ad imitare la biologia complessa del sistema immunitario e del microbiome dentro l'organismo.

In questo studio, in ricercatori celle esaminarici Londra Th17 all'College di re e del torcicollo in mouse attivati dai microbi inoffensivi normalmente presenti nell'intestino (flora dell'intestino), o da un agente patogeno intestinale equivalente ad un tipo di E.coli in esseri umani. Hanno utilizzato i mouse geneticamente modificati in cui ha attivato le celle Th17 fluorescente sono contrassegnati, tracciandole per ulteriore analisi.

Le celle flora-attivate intestino Th17 hanno tenuto la loro funzione come barriera protettiva e non hanno causato l'infiammazione. Al contrario, le celle agente-attivate Th17 hanno rilasciato vigoroso i segnali pro-infiammatori ed hanno causato l'infiammazione diffusa.

Per indicare che le due popolazioni sono distinte nell'intestino, la intestino-flora infettata gruppo ha attivato i mouse Th17 con l'agente patogeno ed ha usato una droga per bloccare tutte le nuove celle Th17 dal muoversi verso l'intestino. Le celle Th17 analizzate erano non infiammatorie, confermando che il residente Th17 è distinto dalle celle agente-attivate Th17 ed ha un ruolo differente nell'organismo. Tuttavia, bloccare l'invasione delle celle del combattente Th17 nell'intestino ha impedito i mouse con successo il combattimento fuori dell'infezione.

“Le celle Th17 hanno chiaramente molti ruoli nell'organismo - e li abbiamo bisogno di di combattere fuori l'infezione e tenere i nostri intestini sani,„ dice Gitta. “Tutto il trattamento per la malattia infiammatoria dovrebbe inumidire l'attacco anormale delle celle Th17 ai tessuti sani, senza causare le complicazioni digestive o un'incapacità combattere fuori i germi.„

L'analisi computerizzata dal gruppo di Saeed Shoaie all'College Londra di re, combinata con l'analisi di biologia cellulare dal gruppo di Gutierrez massimo al torcicollo, ha rivelato che le due popolazioni delle cellule hanno metabolizzato le sostanze nutrienti diversamente anche. Le celle flora-attivate Th17 hanno avute attività metabolica minima, simile a quella delle celle immuni che restano dormienti finché non dovessero rispondere. Al contrario, le celle agente-attivate Th17 erano molto metabolicamente attivo, video un profilo metabolico tipico delle celle quell'infiammazione di causa.

Le differenze che abbiamo individuato nel metabolismo di queste popolazioni di due cellule ci danno una nuova opportunità di mirare selettivamente alle celle patogene, mentre lasciano al intestino-residente quelli intatti. Ciò ha potuto costituire la base di trattamenti più riusciti per Crohn ed altre circostanze, dove mirando alle celle Th17 nell'intestino può realmente peggiorare i sintomi.„

Postdoc di Sara Omenetti, del torcicollo e primo autore del documento

Source:
Journal reference:

Omenetti, S. et al. (2019) The Intestine Harbors Functionally Distinct Homeostatic Tissue-Resident and Inflammatory Th17 Cells. Immunity. doi.org/10.1016/j.immuni.2019.05.004