Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati si sviluppano nuova, prova rapida per diagnosticare le infezioni più basse batteriche delle vie respiratorie

Gli scienziati all'istituto di Quadram ed all'università di East Anglia (UEA) hanno sviluppato un nuovo, modo rapido di diagnostica delle infezioni più basse batteriche delle vie respiratorie nelle ore piuttosto che i giorni, che potrebbero migliorare la cura paziente e rallentare la diffusione della resistenza antimicrobica. Il metodo è pubblicato oggi in biotecnologia della natura del giornale.

Abbassi le infezioni respiratorie, quale polmonite, rappresenti intorno 3 milione morti universalmente ogni anno. I metodi diagnostici correnti contano sui batteri crescenti dai campioni pazienti, ma questo richiede i due - tre giorni e può però non identificare la causa. Durante questo tempo, i pazienti sono dati gli antibiotici di vasto-spettro, che non possono lavorare se l'infezione è causata da un agente patogeno resistente e potrebbero avviare gli effetti collaterali. Sopra utilizzazione dello vasto-spettro gli antibiotici è egualmente un driver conosciuto per lo sviluppo della resistenza antimicrobica.

Il Dott. Justin O'Grady ed il suo gruppo ha sviluppato con successo una prova clinica di metagenomics (analisi genomica degli organismi multipli ottenuti da un singolo campione) per identificare precisamente le cause batteriche delle infezioni respiratorie più basse in 6 ore. Può anche determinare se gli agenti patogeni sono resistenti a c'è ne degli antibiotici usati per trattare queste infezioni.

Ciò permette il trattamento rapido con gli antibiotici mirati a, con conseguente risultati pazienti migliori mentre diminuendo l'uso degli antibiotici di vasto-spettro ed aiutando nella lotta contro la resistenza antimicrobica.

Il metagenomics clinico ha la promessa rivoluzionare la diagnosi delle malattie infettive ed il nostro studio descrive la prima prova metagenomic clinica accessibile ed accurata rapida che potrebbe essere utilizzata prontamente su una base sistematica in una regolazione clinica.„

Dott. O'Grady, una guida del gruppo all'istituto di Quadram e professore associato a UEA

Lo studio sormonta alcune delle transenne che, fin qui, hanno tenuto indietro la distribuzione diffusa del metagenomics clinico. Il nuovo metodo comprende un punto che rapido ed efficientemente elimina il materiale genetico umano dal campione fornito dal paziente, quindi lasciare pricipalmente il DNA dell'agente patogeno per ordinare.

“I campioni respiratori sono difficili da lavorare con perché pricipalmente sono compresi materiale genetico umano. L'eliminazione del questo rende individuando gli agenti patogeni più facile e diminuisce il costo ed il tempo d'ordinamento.„ Themoula detto Charalampous, un ricercatore sullo studio.

Il nuovo metodo è stato messo a punto con i colleghi sulla sosta di ricerca di Norwich, all'ospedale universitario di Norwich e della Norfolk ed all'istituto di Earlham. Il finanziamento per lo studio è venuto dalla biotecnologia e dal consiglio della ricerca di scienze biologiche, dal Consiglio di ricerca medica e dall'istituto nazionale per la ricerca di salubrità.

I ricercatori hanno usato il servo portatile di Oxford Nanopore che ordina l'unità per facilitare l'ordinamento, la generazione di dati e l'analisi in tempo reale. Ciò contribuita per ridurre del tempo risultato a partire dai giorni alle ore. La trasferibilità di questa unità d'ordinamento significa che potrebbe essere usata più vicino al paziente, diminuendo il tempo passato inviando i campioni ad un laboratorio centrale.

Il metodo pilota è stato provato su 40 campioni dai pazienti con le infezioni respiratorie più basse sospettate. Il gruppo poi ha raffinato la prova per migliorare la sua sensibilità e per diminuire il momento dal campione di risultare a sei ore ed ha provato su un 41 campione respiratorio più ancora.

“La conduttura che abbiamo sviluppato in questo studio redige i dati che possono essere usati non solo per i sistemi diagnostici clinici ma per le applicazioni di salute pubblica quale controllo di rilevazione di scoppio e di infezione dell'ospedale„ ha detto il Dott. Gemma Kay.

Il protocollo ora sta valutando in un più grande test clinico del multi-sito per valutare la sua prestazione per la diagnosi di polmonite ospedale-acquistata.

Source:
Journal reference:

O'Grady, J. et al. (2019) Nanopore metagenomics enables rapid clinical diagnosis of bacterial lower respiratory infection. Nature Biotechnology. doi.org/10.1038/s41587-019-0156-5.