Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio rivela gli effetti doppi di nuova terapia di osteoporosi sul tessuto dell'osso

Sclerostin è una proteina prodotta dai osteocytes nell'osso che inibisce la formazione dell'osso. Un'analisi recente dei risultati da un test clinico rivela gli effetti benefici di romosozumab, una terapia dell'anticorpo che mira allo sclerostin, sul tessuto dell'osso in donne postmenopausali con osteoporosi. I risultati sono pubblicati nel giornale dell'osso e della ricerca minerale.

Romosozumab aumenta gli indicatori del siero di formazione dell'osso e fa diminuire quelli della ripartizione dell'osso, o del riassorbimento. Ciò è associata con una densità minerale ossea aumentata e un rischio diminuito di fratture.

Questa ultima analisi ha incluso 107 pazienti con osteoporosi che sono stati iscritti allo studio multicentrico, test clinico di fase 3 chiamato lo studio di frattura in donne postmenopausali con lo studio di osteoporosi (FOTOGRAMMA) e che hanno subito le biopsie dell'osso. L'analisi ha indicato che al livello del tessuto, il romosozumab ha prodotto un aumento iniziale e transitorio nella formazione dell'osso e una diminuzione persistente nel riassorbimento dell'osso. Ciò piombo agli importante crescite nella massa dell'osso ed ha migliorato il microarchitecture dell'osso (figura) dopo 12 mesi della terapia. Questi effetti contribuiscono al rischio diminuito di frattura precedentemente riferito in donne postmenopausali con osteoporosi trattata con romosozumab.

Romosozumab è la prima terapia di osteoporosi con un effetto doppio sul tessuto dell'osso, sulla formazione aumentante dell'osso e sul riassorbimento diminuente.„

Dott. Pascale Chavassieux dell'autore principale, dell'università di Lione, in Francia

Source:
Journal reference:

Chavassieux, P. et al. (2019) Bone‐Forming and Antiresorptive Effects of Romosozumab in Postmenopausal Women With Osteoporosis: Bone Histomorphometry and Microcomputed Tomography Analysis After 2 and 12 Months of Treatment. Journal of Bone and Mineral Research. doi.org/10.1002/jbmr.3735.